Scavolini presenta Mia by Carlo Cracco con uno spot firmato Agenzia Komma

La campagna sarà in tv fino alla prima settimana di marzo e sarà declinata anche su carta stampata, web e social network

Dal 4 febbraio è on air la nuova campagna televisiva di Scavolini che vede al centro della narrazione la nuova cucina Mia by Carlo Cracco raccontata dal testimonial dell’azienda, lo chef Carlo Cracco. Obiettivo della campagna è il lancio del progetto realizzato a quattro mani con lo chef che rappresenta l’incontro di due eccellenze italiane con una grande passione in comune: quella per la cucina d’autore.

Mia by Carlo Cracco è un’interpretazione domestica della cucina professionale nata da un concentrato di saperi: quello dell’altissima qualità produttiva di Scavolini – da oltre trent’anni tra i maggiori player del settore cucine – che incontra quello della più alta tecnica culinaria.

Lo spot illustra l’elegante design di Mia con lo chef Cracco che racconta i plus e le prestazioni uniche che il modello offre per garantire un’esecuzione tecnica di alto livello e un’esperienza in cucina sempre più memorabile. Sono valorizzati quindi la cappa professionale con griglie inclinate per facilitare l’aspirazione dei fumi, il piano in acciaio che scorre sopra al lavello e alla zona cottura e la lampada scaldavivande utile per non far raffreddare i piatti mentre si impiatta. “Questa è la mia cucina pensata per la tua casa”: Cracco chiude così la scena appoggiato allo scenografico monoblocco con alle spalle la boiserie ultra-accessoriata dove tutto è a portata di mano.

Fabiana Scavolini, Amministratore Delegato di Scavolini, commenta: “Lavorare a fianco di Carlo nella realizzazione di questo progetto ha rappresentato per entrambi una grande sfida. Lo chef ci ha aperto le porte della sua cucina per mettere a disposizione la sua expertise e individuare quegli strumenti che potessero ulteriormente migliorare le prestazioni in cucina. Sapevamo che la sua esperienza di chef di fama mondiale, unita al nostro know-how, poteva permetterci di progettare la versione domestica di una cucina professionale che, come vedrete attraverso lo spot, è in grado di coniugare qualità, estetica e alte performance. Da oltre 50 anni realizziamo cucine che rispondano alle numerose esigenze dei consumatori e Mia by Carlo Cracco è stata pensata per chi vive la cucina con passione, dai provetti chef agli aspiranti tali, dai semplici appassionati a coloro che in cucina non vogliono solo performance ma anche rispetto per le materie prime e ottimizzazione dei tempi”.

La campagna televisiva è stata realizzata su progetto dell’agenzia Komma, sarà on air dal 4 febbraio sino alla prima settimana di marzo sulle principali emittenti. Lo spot sarà trasmesso durante i principali eventi televisivi tra cui il Festival di Sanremo e la fiction Il Commissario Montalbano e verranno inoltre coperte le fasce delle news del mattino di Canale 5 per un totale di circa 800 passaggi. La campagna verrà infine declinata su carta stampata, web e social network.

Angela Stillo nominata Digital Strategy Director di Dentsu Aegis Network

Nuova nomina in Dentsu Aegis Network Italia: Angela Stillo assume il ruolo di Digital Strategy Director del Gruppo.

Riportando direttamente a Umberto Bottesini, Chief Digital and Data Officer di Dentsu Aegis Network, la nomina di Angela Stillo si inserisce all’interno del processo di rinnovamento e potenziamento dell’area Digitale del gruppo. Dopo una laurea in Economia Aziendale presso l’Università Luigi Bocconi, Angela si specializza in digital marketing e communication, vantando a oggi significative esperienze maturate in oltre dieci anni di lavoro in importanti società, avviate nel 2006 all’interno del Gruppo Fullsix e proseguite con la partecipazione al team che ha fondato e guidato Simple Agency dal 2008.

“Sono molto felice dell’incarico ricevuto da Dentsu Aegis Network Italia. Assumere il ruolo di Digital Strategy Director a coordinamento dello sviluppo digitale del gruppo è per me un’importante occasione per garantire ai nostri clienti l’evoluzione di una squadra digitale sempre più coesa e orientata all’innovazione – afferma Stillo -. L’obiettivo di Dentsu Aegis Network di diventare una 100% digital company entro il 2020 parte dagli investimenti fatti sulle persone: un nuovo modello organizzativo e la condivisione allargata consoliderà l’affermarsi di sempre maggiori competenze e la crescita dei talenti interni, a favore delle strategie dei nostri clienti. La sfida è importante e stimolante al tempo stesso: sarà per me un piacere e un onore lavorare a fianco di Umberto sull’evoluzione di Simple Agency e iProspect, valorizzando anche la proposition delle due Business Unit altamente specializzate: Optimize, per SEO & Analytics, e Advisory, per Social Media, Influencer & Content Marketing, al fine di offrire al parco clienti di Dentsu Aegis Network strategie integrate e, soprattutto, misurabili su tutta la filiera”.

Stillo contribuirà inoltre anche al supporto in Italia di M1, la piattaforma di addressable media di Dentsu Aegis Network, gettando le basi per una nuova strategia di planning che fa leva sinergicamente su consumer insight & audience targeting, inventory premium e innovativa stack di delivery.

GroupM: valore sociale e opportunità per i marketer del Festival di Sanremo

Secondo la ricerca della Unit Research & Insight l’88% dichiara che guarderà la 69ª edizione: la GenZ sui social, i Millennial in tv a casa di amici, la GenX rigorosamente in tv. Per i Baby Boomers e la Gen0 è un rituale che fa parte della loro storia

La ricerca ad hoc della Unit Research & Insight di GroupM ‘Fiori, canzoni, audience: i tempi cambiano, Sanremo resta’ dipinge un ritratto poco convenzionale del Festival di Sanremo, arrivato alla sua 69° edizione. Un modo nuovo per analizzare uno storico evento televisivo dedicandosi al valore sociale di questo evento e alle opportunità per i marketer.

La ricerca parte dalla considerazione che sempre di più gli eventi live possono oggi essere interpretati come il nuovo media contemporaneo. La componente esperienziale, la possibilità di condividere le emozioni (soprattutto sui social), l’importanza della partecipazione e dell’esserci sono le motivazioni alla base dell’incremento delle presenze agli eventi live sul territorio e degli ascolti degli eventi televisivi, e Sanremo non è da meno.

Lo scorso anno il Festival ha registrato una share media del 52,3% con un’audience media di 10,9 milioni (totale individui con ospiti), la più alta degli ultimi anni, catturando anche i pubblici più giovani. Per prevedere se anche l’edizione n°69 riuscirà a raggiungere questi risultati e a superare tutte le migliori aspettative, la Unit Research & Insight di GroupM ha ideato un progetto di ricerca che si sviluppa in 3 fasi: qual è l’interesse della popolazione a guardare il Festival e quali sono le motivazioni che smuovono questo interesse; quali sono i rituali e le abitudini legate alla visione di un evento che invade le case degli italiani; quale spazio possono avere le marche all’interno di questo rituale.

I risultati della prima fase di ricerca CAWI, che ha visto coinvolti 500 italiani di età superiore ai 15 anni, rappresentativi della popolazione italiana per i principali criteri socio-demografici, fotografa come gli italiani si preparano ad accogliere nelle loro case Sanremo69°. L’88% dichiara che guarderà la nuova edizione del Festival, e lo guarderanno proprio tutti, senza differenza di età o di generazioni.

 

 

Il 58% degli intervistati ne consiglia la visione agli amici e inaspettatamente la GenZ non è da meno con il 60% dei teenager che lo consiglierà sicuramente ai propri amici. Tutti lo guarderanno, ma non tutti lo guarderanno allo stesso modo: dietro ogni generazione c’è un pubblico diverso. La GenZ ha dichiarato di seguirlo prevalentemente sui social network; i Millennial in tv a casa di amici; la GenX (35-54), che reputa Sanremo l’evento live dell’anno, lo segue rigorosamente in tv; mentre per i Baby Boomers (55-70) e la Gen0 (70+) è un rituale che fa parte della loro storia.

 

 

La combinazione dei personaggi sembra funzionare ancora prima della partenza del Festival: il 39% dei rispondenti considera il terzetto Baglioni-Bisio-Raffaele il migliore degli ultimi anni. I nuovi co-conduttori fanno registrare alti livelli di gradimento: Claudio Bisio piace al 68% e Virginia Raffaele al 61%. Anche la direzione artistica di Claudio Baglioni è molto apprezzata: il 41% lo ama.

Per il 70% il Festival è sinonimo di italianità e tradizione 70%, ma oltre a rappresentare l’evento nazionale per eccellenza, Sanremo è anche sinonimo di costume e condivisone: per il 64% dei rispondenti è fortemente legato al mondo della moda e dello spettacolo e per il 47% alla famiglia. Tra la popolazione teenager (90%) spicca l’innovativa direzione artistica orientata alla musica emergente italiana.

Gruppo Awin annuncia la nascita della South Europe region

Il network globale di affiliate marketing Awin ha introdotto una nuova struttura aziendale caratterizzata da una leadership multi-region.

Dopo un intenso periodo caratterizzato da continui investimenti e crescita, come testimoniato dal completamento delle due fusioni con ShareASale e affilinet, Awin ora si prepara a compiere i prossimi passi attuando: un maggiore coordinamento in tutte le regioni, offrendo ai clienti servizi in Europa, Stati Uniti, America del Sud e nella regione Asia-Pacifico; rinnovata efficienza grazie a processi più snelli che garantiscono continuità nella customer experience; Un modello di business sostenibile in grado di offrire ai suoi partner affidabilità e crescita nel lungo termine; prossime espansioni in altri territori e introduzione di nuove tecnologie, che offriranno ulteriori opportunità per lo sviluppo delle partnership.

“Gli ultimi anni sono stati intensi ed entusiasmanti per Awin e molti degli importanti progetti strategici su cui abbiamo lavorato si concluderanno con successo entro questo 2019. Abbiamo voluto cogliere adesso l’opportunità di ristrutturare la nostra organizzazione e il nostro management per prepararci alla prossima fase di sviluppo. Il nuovo assetto regionale si presta meglio alla gestione dei tanti importanti mercati in cui operiamo, destinati ad aumentare, garantendo efficienza e coerenza oltre che knowledge sharing”, ha dichiarato Adam Ross, Coo Awin.

La nuova leadership multi-region farà riferimento al Coo Adam Ross, ed è strutturata come segue: Francia, Italia e Spagna sotto la guida di Frank Surena; UK, Australia e BeNeLux sotto la guida di Ian Charlesworth; Nord America e ShareASale sotto la guida di Alexandra Forsch; Scandinavia e Est Europa sotto la guida di Tim Lomborg; Brasile sotto la guida di Rodrigo Genoveze; Germania, Austria e Svizzera sotto la guida di Marc Hundacker.

 

 

Anche molte funzioni aziendali chiave tra cui HR, Marketing e Servizi Tecnici e informatici sono state centralizzate. Awin Italia farà quindi parte della regione South Europe, insieme alle vicine Francia e Spagna. Il team italiano ha già avuto modo di conoscere il nuovo manager Frank Surena che ha presentato il nuovo progetto del Gruppo e ringraziato la Country Manager uscente Sheyla Biasini che, dopo una carriera in azienda di ben 10 anni, si prepara a nuove avventure professionali. Nessun’altra modifica è stata apportata al management team italiano, che è al momento alla ricerca di nuovi talenti da integrare nell’organico.

Mark Walters, Ceo di Awin, ha dichiarato: “Importanti cambiamenti come questi, seppur non sempre facili, sono la chiave per continuare ad avere un business di successo, in grado di evolversi per soddisfare le mutevoli esigenze dei propri clienti. Siamo estremamente orgogliosi della nostra crescita da startup a organizzazione internazionale in grado di portare risultati eccezionali a oltre 13.000 brand in tutto il mondo, mettendoli in relazione con oltre 100.000 editori. Il 2017 e il 2018 sono stati anni caratterizzati da una forte crescita grazie all’acquisizione di ShareASale e la fusione con affilinet e ora è il momento giusto per potenziare la nostra leadership per fornire innovazione a livello globale, automatizzare l’affiliate marketing e connettere in maniera sempre più efficiente advertiser e publisher. Facendo questo potremo continuare a espandere il business dei nostri clienti, dei nostri publisher e dei nostri azionisti”.

 

Guardini si affida a Libera Brand Building

Libera Brand Building è stata selezionata da Guardini per realizzare un format di comunicazione crossmediale, che avrà il compito di alimentare la brand awareness e mettere in risalto la piattaforma valoriale dell’azienda.

Guardini è leader nella produzione di stampi da forno; un brand conosciuto in tutto il mondo, che ha scritto la propria storia con passione, talento artigianale trasformato in capacità produttiva, ingegno creativo, continua ricerca e sperimentazione.

“Essere scelti da un brand presente sul mercato da oltre 70 anni è un bel risultato per il nostro team – afferma Roberto Botto, Ceo & Founder del Gruppo Libera Brand Building -. L’obiettivo di comunicazione consiste nell’incrementare l’awareness e migliorare la percezione del brand facendo leva sui valori della marca: made in Italy, passione per la cucina, affidabilità e accessibilità”.

L’attività di comunicazione ha come target le persone che amano cucinare e prendersi cura della casa e che, ogni tanto, preferirebbero alleggerirsi delle aspettative stereotipate che la società ha imposto loro e poter vivere la cucina in maniera più leggera.

Bebit, la digital agency del Gruppo, si occuperà della strategia social sui canali Facebook e Instagram con l’obiettivo di consolidare i valori di marca e costruire la community attraverso format ingaggianti e coinvolgenti, sfruttando il concept principale della campagna atl.

“Siamo molto orgogliosi del lavoro svolto insieme a Guardini, che abbraccia una filosofia di marca originale e accattivante – commenta Riccardo Barbazza, Creative Director di Bebit -. Insieme porteremo sui canali social del brand una visione più calda, familiare e coinvolgente del vivere la cucina ogni giorno”.

“Abbiamo scelto Libera Brand Building per questo nuovo progetto, per noi molto importante, di rilancio del marchio Guardini, perché il suo team di professionisti ha saputo cogliere, meglio di chiunque altro, l’essenza valoriale del brand, utilizzandola in maniera molto creativa e legandosi a concetti importanti del nostro tempo – dichiara Elena Guardini, Amministratore Delegato e Direttore Marketing di Guardini -. Crediamo che, grazie alla spiccata specializzazione del team di lavoro, la collaborazione sarà assolutamente proficua e ci aiuterà a raggiungere obiettivi ambiziosi”.

“È con una visione innovativa della marca, che non dimentica i valori tradizionali che ci contraddistinguono, che si fonda la nuova strategia di comunicazione architettata con Libera Brand Building – afferma Nadia Bisio, Communication Manager di Guardini -. I professionisti dell’agenzia ci seguiranno per una nuova avventura che vede protagonista il nostro marchio, in una nuova veste più originale e leggera. Saranno molteplici le attività e i fronti sui quali questa nuova strategia si svilupperà, per dare nuovo slancio ad un marchio fra i maggiori players in Italia e nel mondo nel settore bakeware”.

 

Giovanni Minoli incontra le imprese sostenibili su National Geographic

Campagna stampa, tv e radio per il lancio del programma ‘Green Leader-Le aziende e il pianeta’ in partenza questa sera

Giovanni Minoli incontra i leader delle più importanti aziende presenti nel nostro Paese per raccontare come la prospettiva di un’economia sostenibile sia diventata ormai un tema imprescindibile.

Ospiti di Green Leader – Le aziende e il pianeta, in onda su National Geographic (Sky 403) da oggi ogni lunedì alle 20:40, sono alcuni tra i più importanti rappresentanti del mondo industriale italiano: Paolo Barilla, Vice Presidente di Barilla; Sergio Solero Presidente e AD di BMW Italia; Brunello Cucinelli, Presidente e Amministratore Delegato di Brunello Cucinelli; Maria Patrizia Grieco Presidente del Consiglio di amministrazione di Enel; Carlo Pontecorvo, Presidente e Amministratore Delegato di Ferrarelle; Gianmaria Gros-Pietro, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Intesa Sanpaolo; Roberto Colaninno, Presidente e Amministratore Delegato di Piaggio; Marco Tronchetti Provera, Ceo di Pirelli e Nerio Alessandri, Fondatore e Presidente di Technogym.

A promuovere il programma, una campagna sui principali quotidiani e settimanali che mette in primo piano la figura di Minoli e i nomi di spicco intervistati in Green Leader. La campagna ha inoltre una declinazione radio e tv con spot andati in onda rispettivamente sulle principali radio italiane e sui canali della piattaforma Sky. Realizzati inoltre numerosi post sulla community Facebook di National Geographic che conta oltre 700 mila follower e articoli redazionali sul www.foxlife.it .

“Se, da una parte, le imprese hanno ormai capito come sia fondamentale non sottovalutare questo tipo di questioni, dall’altra non fanno ancora abbastanza per comunicare in modo efficace i risultati raggiunti, sottovalutando i vantaggi di una comunicazione strutturata e credibile, perché non possono farlo con uno spot e nemmeno con una pagina stampa. National Geographic vuole far passare il messaggio che comunicare la sostenibilità vuol dire comunicare l’azienda virtuosa. In particolare quella della sostenibilità è una comunicazione più sofisticata di quella classica, perché deve rivolgersi a tutti gli stakeholder dell’azienda: gli azionisti, il management, i dipendenti e i consumatori. Per questo motivo bisogna modulare il contenuto in base ai diversi target. Agli stakeholder vanno raccontati i tecnicismi ma ai consumatori bisogna invece spiegare questi stessi contenuti in modo efficace, traducendo i dati in messaggi chiari e rigorosi”, dichiara Alessandro Militi, Vice President Marketing & Sales Fox Networks Group Italy.

IB&II lancia il canale web The Voice of Business

Il progetto lanciato da Fernando Napolitano intende sostenere con continuità e con informazioni corrette la nostra economia negli Stati Uniti attraverso la visione dei leader che ne raccontano la complessità nel contesto europeo

È nato lo scorso 1 febbraio The Voice of Business, il primo canale web in lingua inglese dall’Italia che ospiterà interventi scritti da thought leader – Presidenti, Ceo, Top management, Rettori, Capi di NGO – statunitensi, italiani ed europei per fornire numeri, opinioni, news sullo scenario sociale ed economico italiano ed europeo e sulle opportunità di investimento per gli operatori internazionali.

Rivolto principalmente alla comunità di business degli Stati Uniti – investitori, analisti, università, aziende -, il canale accoglie contributi dei thought leader: da un lato italiani e europei condividono la loro esperienza di business nel Vecchio e nel Nuovo Continente, dall’altro i leader americani che hanno investito con successo in Italia e in Europa danno conto dei loro risultati.

The Voice of Business (www.italianbusiness.org/thevoiceofbusiness) è l’ultimo progetto lanciato da Italian Business & Investment Initiative, la piattaforma di comunicazione e relazione permanente tra Italia e Stati Uniti d’America che Fernando Napolitano ha lanciato nel 2011 e che comprende l’evento annuale a New York The International Business Exchange, la scholarship Best Program e l’indice IRG – Influence, Relevance & Growth.

“L’Italia è l’unica grande economia al mondo che non ha uno strumento in inglese per parlare di sé. Sono altri a raccontare al mondo chi siamo, in maniera certamente onesta, ma senza la nostra guida. Il risultato è essere percepiti come un Paese molto più rischioso di quanto siamo. Con la leadership nasce una responsabilità, la comunità di business deve dare voce alle attività che creano occupazione, conoscenza e ricchezza. Il tempo è maturo per fornire ai nostri osservatori internazionali e partner i dati per comprendere nel dettaglio i tratti di economie diversificate e resilienti ma complesse come quella italiana ed europea. L’Italia è la 38ma destinazione degli investimenti Usa. Viceversa, le PMI italiane hanno bisogno di capitali e competenze per fare scala e competere sui mercati internazionali”, è convinto Napolitano.

Gli interventi dei Ceo saranno anche rilanciati dagli account social personali e aziendali dei contributor. Nella prima fase, ogni tre giorni sarà diffuso un contributo scritto, in seguito verranno caricati dei video. A oggi sono pronti per la pubblicazione 60 testi redatti da altrettanti thought leader italiani, europei e americani. Diventeranno 100 entro la fine di giugno 2019 e saranno pubblicati nel corso del 2019. Sono previste sponsorizzazioni sui social network volte a costruire una community on line (Partner, Ceo, General Manager, VP, President, Business Development), con primo target geografico focalizzato sull’area della Greater New York e su business da 50 dipendenti fino a +10.000 nei settori finanza, private equity, energia, farmaceutica, digital, oil & gas, commercio. Un video di Fernando Napolitano lancerà l’iniziativa.

Family Influencer su Instagram: mamme e papà da 10 e lode in rete

La ricerca di Buzzoole vede @thepozzolisfamily e @disperatamentemamma ai primi posti della classifica Stars. La prima posizione della classifica Rising Stars è occupata da @ilfruttodellapassione

Buzzoole Ranking è dedicato alle famiglie. L’Osservatorio sul tracciamento delle campagne di Influencer marketing realizzato da Buzzoole, influencer marketing solution provider leader in Europa in grado di connettere i brand ai content creator attraverso l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale, presenta infatti la ricerca con i profili Instagram più influenti legati al mondo family: influencer che condividono in prevalenza momenti di vita con la famiglia e offrono consigli ai propri follower. Per tutto il mese di dicembre 2018, Buzzoole ha analizzato l’andamento e i risultati dei profili Instagram legati al mondo ‘famiglia’. La ricerca ha dato vita a due diverse classifiche contenente i 10 Top Family Creator Italiani: 5 per la categoria ‘Star’, profili con oltre 100.000 follower su Instagram, e 5 ‘Rising Stars’, account al di sotto dei 100.000 seguaci. L’analisi è stata condotta considerando come criterio guida l’engagement per post, la capacità degli influencer di generare interazioni: valutando la somma dei like e dei commenti ottenuti rispetto ai contenuti pubblicati. A questo dato è stata affiancata l’analisi dei nuovi follower acquisiti nel corso del mese, per comprendere la fase di crescita in cui si trova un creator.

 

L’ironia ai primi posti per i family influencer

In vetta alla classifica Stars si posiziona @thepozzolisfamily, Gianmarco Pozzoli, già volto noto di Zelig, con la compagna Alice e i loro due bambini condividono la propria quotidianità in maniera ironica e a tratti irriverente, parlando alla propria community come se fosse parte integrante della famiglia. Una comunità composta da 320.000 utenti solo su Instagram con una media di 17.000 interazioni per post, e più di 90.000 iscritti su YouTube. Subito dopo, in seconda posizione, Julia Elle, meglio nota come @disperatamentemamma, cantante, mamma e creatrice della web serie ‘Disperatamente Mamma’, un vero e proprio video-diario dove tra canzoni e momenti di ilarità condivide le difficoltà e le gioie che tutte le mamme vivono con i propri piccoli. Il suo profilo Instagram è in forte crescita: conta 243.000 follower e una media di 15.000 interazioni per post. ‘Too cool to be true’ è il motto di @digitalmodernfamily, una famiglia multietnica – terza in classifica – che ha fatto del proprio lavoro, fotografi di moda, una passione da condividere con tutti. Luciano, Haiyan e la figlia aspirano a diventare la famiglia più fashion d’Italia, con oltre 200.000 follower su Instagram e una media di 7.000 tra like e commenti per post. Quarta e quinta posizione sono occupate rispettivamente da Ilaria Di Vaio (@divaioilaria) e Fabrizia Spinelli (@cosa_mi_metto). Tutte le star registrano una crescita in termini di follower: in testa alla classifica @thepozzolisfamily con 20.300 nuovi seguaci. A seguire Julia Elle e Fabrizia Spinelli, rispettivamente con 15.900 e 4.300. In quarta posizione @digitalmodernfamily con 2.600 nuovi follower, mentre, fanalino di coda, Ilaria Di Vaio con ‘solo’ 240 nuovi seguaci.

Emozioni in prima linea per le Rising Stars

La prima posizione della classifica Rising Stars è occupata da @ilfruttodellapassione o meglio Eva, una mamma made in Italy, expat in Brasile insieme al marito e ai suoi bimbi, che condivide sul blog e su Instagram la sua vita ricca di emozioni. Le sue foto sono un vero e proprio inno alla vita e raggiungono una media di 11.000 interazioni ognuna. Secondo e terzo posto occupato rispettivamente da Gloria Strabla (@gloriastrabla), giovanissima mamma che racconta i momenti più belli con la sua piccola, ottiene una media di 4.700 interazioni per post, e Alessandra D’Agostino (@alessandradagostino), blogger e mamma in dolce attesa, che tra consigli e idee creative raggiunge una media di 3.800 interazioni medie per post. In quarta posizione, Sara Luna Canola, mamma blogger e modella con la passione per l’home design (@saralunacanola) e 2.700 interazioni medie per post. Al quinto posto si fa largo un nome già noto su altri social: Chiara Cecilia Santamaria (@machedavvero), scrittrice, blogger e giornalista che ha raggiunto il successo grazie a ‘Quello che le mamme non dicono’, un libro che ha dato poi il via alla sua ascesa anche su Instagram dove oggi conta circa 2.400 interazioni per post. Anche le Rising Star hanno registrato una crescita continua durante il mese di dicembre: primeggiano con 1.500 nuovi follower Eva e Sara Luna Canola, seguite da Chiara Santamaria a quota 1.300. Gloria Strabla e Alessandra D’Agostino chiudono la classifica rispettivamente con 870 e 120 nuovi seguaci.

 

“L’Osservatorio questa volta ha voluto mettere sotto la lente d’ingrandimento un settore in estrema crescita, quello dei family influencer, un universo guidato prevalentemente da mamme, che coinvolgono poi tutta la famiglia – commenta Vincenzo Cosenza, Responsabile Marketing Italia di Buzzoole -. Pianificare una campagna di influencer marketing con questi creator permette di far leva sulla loro capacità di promuovere una molteplicità di prodotti e servizi, mantenendo la propria credibilità. Inoltre, i family influencer possono essere coinvolti per coprire tutto il funnel d’acquisto: dall’awareness di un prodotto alle fasi di appeal, ask e act. Infatti, la ricerca dimostra come essi siano in grado di sviscerare ed evidenziare le caratteristiche distintive di un prodotto e i suoi benefici attraverso la prova dello stesso. Tutte informazioni utili per i follower, ma anche cruciali per i brand che in questo modo le possono comunicare attraverso la voce dell’influencer”.

 

Al via il ProteggiMI Tour di Terre des Hommes e ScuolaZoo

Assemblee nelle scuole per promuovere tra gli studenti una nuova cultura contro la violenza

I giovani parlano ai giovani, dei loro diritti e su ciò che si può fare per affrontare situazioni potenzialmente a rischio come violenza online, bullismo e discriminazione. Questa l’idea che sta dietro al ProteggiMI Tour, una serie di assemblee nelle scuole superiori di Milano divertenti ma anche formative organizzate da Terre des Hommes assieme a ScuolaZoo sino alla fine di marzo nell’ambito di un progetto ideato per il Garante dei Diritti per l’Infanzia e l’Adolescenza di Milano.

L’obiettivo finale è stimolare l’attivazione degli studenti su azioni e contenuti positivi, trasformandoli in protagonisti di una nuova cultura contro la violenza. Attraverso la più grande community di studenti d’Italia, ScuolaZoo, il progetto sta coinvolgendo youtubers attivi sui temi del bullismo, cyberbullismo e partecipazione giovanile che si faranno portatori dei messaggi dei ragazzi sui loro diritti e che inviteranno allo stesso tempo i ragazzi a diventare loro stessi i protagonisti di una campagna per promuoverli.

“Quella fra ScuolaZoo e Terre des Hommes è un partnership importante che entra nel suo quarto anno di vita e che fa un ulteriore passo nella collaborazione con il ProteggiMI Tour. Una partnership che guarda alla responsabilità sociale e alla formazione dei leader del futuro”, ha detto Marco Pinna, Head of Media di ScuolaZoo.

All’interno della campagna ProteggiMI si promuoveranno sul territorio di Milano anche le attività di due webradio scolastiche nate dall’intraprendenza dei ragazzi, con una programmazione che oggi abbraccia i più svariati temi che attengono alla loro quotidianità. Grazie al progetto promosso da Terre des Hommes le radio includeranno nel loro palinsesto finestre di informazione ‘istituzionale’ sull’azione dell’Ufficio del Garante e temi inerenti alla campagna di promozione dei diritti.

 

Product placement e branded content per Hipp firmato QMI Stardust

I prodotti biologici per l’infanzia protagonisti di ‘10 giorni senza mamma’, commedia diretta da Alessandro Genovesi con Fabio De Luigi

Con una nuova operazione firmata QMI Stardust, i prodotti biologici per l’infanzia di Hipp appaiono nella divertente commedia 10 giorni senza mamma diretta da Alessandro Genovesi con Fabio De Luigi e Valentina Lodovini.

La ribelle adolescente Camilla, il furbo Tito di 10 anni e Bianca, l’ultima arrivata, di soli 2 anni sono i tre figli di Carlo e Giulia: un papà distratto totalmente assorbito dal lavoro e una mamma che ha rinunciato alla carriera per dedicarsi alla famiglia. Quando Giulia decide di concedersi una vacanza a Cuba con le amiche e lascia Carlo da solo con i figli saranno guai. Nelle scene del film che vedono Carlo alle prese con la gestione dei figli, fanno la loro apparizione sia i prodotti Hipp della linea food, pastina e succo di frutta bio, sia le proposte beauty, prima fra tutte la famosissima paperella Hipp contenente la morbida e profumata mousse detergente biologica. A

ll’attività di product placement si unisce quella di branded content con la realizzazione di una clip che vede protagonista Fabio De Luigi. Quest’ultimo, nei panni di Carlo, tenta di preparare la pappa per la figlia con risultati disastrosi. La clip si chiude con un cartello finale che dice ‘Per fortuna c’è Hipp, l’alleato biologico di ogni papà’.

Il video è diretto dallo stesso Genovesi, mentre l’idea creativa è di Simona Angioni per QMI Stardust. Product placement accompagnato da clip di branded content con il talent: un format che QMI Stardust ha sposato da tempo e che continua e proporre e sostenere per la riuscita dei suoi progetti.

A completare la proposta per Hipp sono l’attività di co-marketing nei punti vendita e un concorso che vede in palio i biglietti per vedere il film. In oltre 3 mila punti vendita (farmacia- parafarmacie-negozi di giocattoli) Hipp è presente a scaffale con un’attività di sponsorizzazione del film e del concorso.

Come funziona? Con un acquisto minimo di 20 euro l’acquirente può caricare lo scontrino su alcinemaconhipp.it e scoprire immediatamente se ha vinto i 2 ingressi al cinema per vedere 10 giorni senza mamma. Il film, prodotto da Colorado Film, sarà nelle sale dal 7 febbraio distribuito da Medusa Film.

 

WMF Italia lancia #UnGeekAiFornelli con The NewsMaker

Testimonial Valerio Braschi, Salvatore Aranzulla, Alberto Maestri, Antonio Andrea Pinna e Valentino Marangi

Per il lancio nel mercato italiano della gamma Fusiontec, WMF porta online quattro video da 120” girati in cucina in cui a farla da padrone sarà la tecnologia. La tecnologia del nuovo materiale Fusiontec e 4 testimonial che grazie alla tecnologia hanno costruito il loro successo e le loro carriere.

Guidati dallo chef Valerio Braschi, il più giovane vincitore di MasterChef Italia, si alterneranno ai fornelli a favor di camera: Salvatore Aranzulla, il più celebre dei divulgatori informatici italiani e fondatore del sito Aranzulla.it, uno dei 30 più visitati d’Italia; Alberto Maestri, autore, speaker, docente universitario e studioso dei modi con cui marche, persone e organizzazioni agiscono e si trasformano con l’avvento del digitale; Antonio Andrea Pinna, fondatore della fan page LePerlediPinna e vincitore del reality tv di Rai 2 Pechino Express nel 2015; Valentino Marangi, Ceo e founder di Goodie Web Group e CheBuoni.it, l’aggregatore di operazioni a premio, leader in Italia con 170mila utenti registrati e 1,5 milioni di pagine viste al mese.

I quattro ‘geek’ daranno vita a un menù originale e contemporaneo, dal gusto internazionale che metterà in luce l’importanza della tecnologia nella più tradizionale delle attività: la cucina, dall’antipasto al dessert.

La campagna sarà diffusa sui canali social di WMF Italia e pianificata sui principali portali e siti web di informazione nazionale. Inoltre, per aumentare il livello di engagement e intensificare lo storytelling è stata prevista la realizzazione di appositi trailer, post e stories che stuzzicheranno di volta in volta l’appetito in prossimità del rilascio di un nuovo video.

La gamma di pentole WMF Fusiontec è realizzata con l’omonimo materiale brevettato che, ottenuto con una perfetta fusione tra acciaio e strati di minerali naturali, racchiude in sé tutti i principali benefici di acciaio e ghisa. La campagna #ungeekaifornelli è stata ideata da The NewsMaker.

 

McDonald’s Italia, Giorgia Favaro nuova Chief Marketing Officer

Per rafforzare la leadership nel mercato della ristorazione in Italia con responsabilità delle politiche di prodotto, della comunicazione retail, della pianificazione media e del digital

McDonald’s Italia annuncia la nomina di Giorgia Favaro a Chief Marketing Officer. In azienda da due anni come Head of Retail & Core Marketing, Favaro entra a far parte del Board direttivo con il compito strategico di rafforzare la leadership di McDonald’s nel mercato della ristorazione in Italia dando continuità e sostenibilità alla forte crescita che il brand sta vivendo nel nostro Paese.

Nel nuovo ruolo, che la vede alla guida di un team di 20 persone e in cui riporta direttamente all’Amministratore Delegato Mario Federico, ha la responsabilità delle politiche di prodotto – innovazione food/ offerta menu core – della comunicazione retail, della pianificazione media e dell’universo digital.

Classe 1974, Giorgia Favaro ha una solida esperienza nel marketing maturata nel settore Fast Moving Consumer Goods in contesti multinazionali, sia in Italia sia all’estero. Dopo la laurea in Business Administration conseguita presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia inizia infatti la sua carriera in Procter & Gamble prima a Bruxelles e poi a Roma, dove ricopre il ruolo di Brand Manager fino al 2003.

In seguito si sposta a Milano in qualità di Category Marketing Manager di Reckitt Benckiser Italia gestendo un team con la responsabilità di più categorie di prodotto. Successivamente, entra nel Gruppo Danone dove per 10 anni ricopre diversi ruoli manageriali di crescente responsabilità nelle aree marketing e vendite del Gruppo, in Italia e all’estero, prima di diventare nel 2015 Head of Marketing Mass Market di Vodafone Italia.

 

Tv2000-InBlu Radio: a Vincenzo Morgante la direzione dell’Informazione

Lucio Brunelli va in pensione. Morgante ricoprirà il doppio incarico di direttore di Rete e dell’Informazione

Il Consiglio di amministrazione di Rete Blu Spa, la società a cui fanno capo Tv2000 e InBlu Radio, le emittenti della Conferenza episcopale italiana, comunica che dall’1 febbraio 2019 Lucio Brunelli lascia la direzione dell’Informazione per andare in pensione. Al suo posto il Cda ha nominato Vincenzo Morgante che già dall’1 ottobre 2018 ha ricevuto l’incarico di direttore di Rete. Morgante dunque ricoprirà il doppio incarico di direttore di Rete e dell’Informazione di Tv2000 e InBlu Radio.

“Ringrazio l’editore per la fiducia – ha proseguito Morgante – che ancora una volta pone sulla mia persona. Tv2000 e InBlu Radio, grazie ai loro giornalisti curiosi e competenti, continueranno a offrire un’informazione libera e credibile nel rispetto della loro identità. La nostra vocazione principale è quella di offrire al Paese un’informazione che sia di autentico servizio pubblico”.

I nuovi pack di Humana on air con La Casa della Comunicazione

Serviceplan Group ha affiancato Humana tramite il proprio modello a supporto dell’integrazione, la Casa della Comunicazione, nel lancio dei nuovi pack che hanno comportato un investimento iniziale molto significativo da parte del brand: da un lato con la creazione di un nuovo stabilimento per la loro realizzazione e dall’altro con un grande sondaggio che ha compreso circa 7000 mamme di 7 paesi europei differenti.

Lo spot in tv, la cui creatività è stata curata dall’agenzia creativa del Gruppo, Serviceplan Italia, segue una linea comunicativa tradizionale ma comunque efficace, raccontando in maniera chiara e accattivante tutti i plus della nuova confezione dei latti formulati: pratica come un click, facile da maneggiare e sicura come un clack: pensata proprio per agevolare la vita quotidiana delle mamme. Lo spot si conclude con il claim ‘Crescere secondo Natura’, che caratterizza l’esclusiva filosofia del brand, da sempre considerato all’avanguardia per il mondo dell’infanzia.

Serviceplan ha lavorato in parallelo e in sinergia con il team di Plan.Net, agenzia digital del gruppo. Già durante lo shooting per la campagna, sono state realizzate le pillole video, create con una versione specifica per YouTube/Facebook e con un secondo formato studiato apposta per le Instagram Stories, quindi pensate e girate nativamente in verticale per adattarsi in modo ottimale al formato più in voga del momento.

Il nuovo sito, online da fine dicembre, è stato rivisto a opera di Plan.Net e Develon, l’anima tecnologica del Gruppo e prevede anche una sezione dedicata al nuovo pack, online nei prossimi giorni.

Il sito nasce dall’esigenza di avere una piattaforma immediatamente fruibile da qualsiasi device, permettendo una più facile navigazione all’interno, maggiore velocità di visualizzazione e accesso a nuovi contenuti e rubriche oltre a tutte le informazioni sulla gamma prodotti di Humana e ai vantaggi per gli iscritti all’Humana Club. Dal lato social, per la nuova confezione è stata ideata e realizzata una Video Strategy di notevole impatto, caratterizzata da Video Post e Video Stories – pubblicate sui canali Instagram, Facebook e YouTube dell’azienda – che hanno permesso di esplorare i principali plus di prodotto, ossia praticità, sicurezza e innovazione tecnologica del pack.

Video Strategy particolarmente apprezzata da Fan e Follower come dimostrato dalle views complessive ai contenuti, superiori ai 2 milioni in poco meno di due settimane. L’azione di comunicazione del nuovo pack proseguirà anche nei prossimi mesi, con contenuti ad hoc e alcuni progetti speciali che avranno riverbero anche offline.

Postproduzione dello spot Tv on air da fine dicembre ad opera di Neverest e pianificazione – in Tv e YouTube – curata dall’agenzia media InMediaTo, entrambe partner all’interno della Casa della Comunicazione.

Alessandro Pierobon, Managing Director di Serviceplan Italia, afferma: “Questa campagna dimostra come Serviceplan Group, con il suo modello della Casa della Comunicazione, riesca a coordinare le abilità necessarie per una comunicazione a 360 gradi. Ringrazio Humana Italia per averci dato fiducia. La risposta alla frammentazione del mercato dell’advertising oggi è questa, contribuire ad un progetto unico con un continuo scambio di idee e diverse competenze”.

Credits

Cliente: Humana Italia
Direttore Marketing Italia: Anna Lisa Amorese
Agenzia: Serviceplan Italia
Direttore Creativo Esecutivo: Oliver Palmer
Direzione Creativa: Salvatore Giuliana e Giuliana Guizzi
Art Director: Rea Jabara
Copywriter: Massimo Mazzucca
Direzione Clienti: Nicola Pardelli
Account Manager: Ginevra Galletti

Agenzia Digital: Plan.Net Italia
Head of Social: Marco Lamoli
Art: Matteo Busti
Copy: Eleonora Demaldè
Account Manager: Lorenzo Gerli

Project Manager di Develon: Paolo Valentini

We Are F: l’agenzia di digital mkt a supporto delle donne imprenditrici

L’agenzia di digital marketing We Are F ha festeggiato il suo primo anno di attività a supporto delle donne imprenditrici di Londra e nel mondo. Le fondatrici, Federica Pecis e Federica Attanasio, hanno sperimentato un grande inizio nel 2018 e sperano di continuare su questa ondata di successo anche per il 2019.

Il primo anno di We Are F è stato un successo per le sue fondatrici, che hanno vinto diversi bandi per gestire il marketing e la comunicazione di alcune start up nel mondo dei servizi e dello sport, nonché di alcuni piccoli imprenditori e influencers. Ad esempio, la vittoria per la gestione del marketing e comunicazione della start up, Mammalo, un marketplace lanciato a fine 2018 per far incontrare domanda e offerta nel mondo dei servizi professionali a Londra.

Federica Pecis, Co-Founder at We Are F, ha dichiarato: “Fin dall’inizio del nostro percorso, abbiamo sperimentato strade innovative e raggiunto un grande successo per una piccola agenzia come la nostra. Quando abbiamo lanciato We Are F, abbiamo notato come donne imprenditrici come noi abbiano più difficoltà nel farsi conoscere come brand nel proprio mercato di riferimento rispetto a brand fondati da colleghi uomini. La maggior parte del mercato degli influencer è invece dominato dalle donne. Il nostro obiettivo è quello di permettere a queste donne di sfruttare tutte le opportunità possibili e raggiungere il loro massimo potenziale”.

Nel 2019 l’agenzia vuole continuare con il suo innovativo approccio ‘hands-on’ anche attraverso il lancio di sessioni di coaching sessions individuali e personalizzate, pensate per dare ai piccoli imprenditori e alle start up tutti gli strumenti necessari per dare il via alla propria strategia di marketing e far crescere il proprio brand.

Federica Attanasio, Co-Founder ha dichiarato: “Uno dei pilastri della nostra filosofia aziendale è quello di mettere sempre a disposizione dei nostri clienti tutta l’esperienza e comprensione di cui hanno bisogno per far crescere la loro attività. Ci piace vedere noi stesse come membri del loro team e non come entità esterne. Una delle nostre recenti creazioni, una serie di Instagram Templates personalizzabili, che hanno già riscosso grande successo tra gli influencer, ci ha viste coinvolte nel creare Instagram Feed personalizzati e facilmente modificabili, proprio come il nostro. Il cliente che acquista i nostri templates, potrà facilmente gestirli e modificarli grazie a Photoshop, per adattarli allo stile del proprio brand. Nel caso in cui il cliente non avesse il tempo o le risorse per farlo da sè, siamo più che felici di offrire il nostro supporto. Ci piace lavorare non solo per ottenere risultati, ma anche per condividere la nostra esperienza e conoscenza”.