Oscar Tiye affida la gestione social a TheGoodOnes

L’obiettivo dell’azienda italiana di calzature di lusso è di sostenere il traffico al nuovo online store

Oscar Tiye, azienda italiana di calzature di lusso, ha affidato a TheGoodOnes la gestione dei social network, con l’obiettivo di sostenere il traffico al nuovo on-line store.

Le scarpe di Oscar Tiye sono un’ode alla femminilità. Fondato nel 2013, il brand del lusso Made in Italy ha conquistato subito il jet set Hollywoodiano: Zoe Saldana, Eva Longoria, Hailee Steinfeld e Heidi Klum tra le altre sono state viste con i capolavori di questo marchio ai loro piedi.

La ‘Malika’, la sua scarpa icona, con le ‘ali’ che avvolgono la caviglia, ma anche la ‘Minnie’, la decolleté con le orecchie, sono ormai diventati letteralmente una fashion mania.

Nel 2018 Oscar Tiye affronta le sfide dell’e-commerce con una rinnovata struttura di marketing e nuovi investimenti dedicati al nuovo store online e alle proprietà digitali del brand.

È su questo versante ch l’agenzia multicanale specializzata in social marketing darà il suo supporto.

Ha dichiarato Irina Curutz, co-fondatrice e direttrice creativa di Oscar Tiye: “I millennial sono in costante crescita nel mercato del lusso, acquirenti nativi digitali che si affidano principalmente ai canali online per la scoperta e l’acquisto dei prodotti e i social media sono un canale chiave. Con TheGoodOnes vogliamo strutturare strategicamente e progressivamente le nostre attività digitali con l’obiettivo di generare visite al nuovo store online”.

Marco Marozzi, Ceo e strategic planner di TheGoodOnes, racconta la strategia che verrà messa a punto dall’agenzia per il brand: “Il nuovo volto del lusso richiede un’evoluzione delle competenze digitali e della relazione brand/consumatore: collaborare con gli influenzatori ma anche incentivare i contenuti degli utenti, collegare i contenuti social allo store online ma anche prendersi cura delle nuove luxury shoppers già sui canali social”.

 

L’Oréal Italia conferma Zenith per il media

Dopo la fase di ‘sospensione’ della gara, l’azienda del beauty ha rinnovato la fiducia alla sigla di Publicis Media che gestirà un budget di 60 milioni di euro

L’Oréal Italia, filiale del gruppo industriale francese specializzato nei prodotti di cosmetici e bellezza, ha confermato Zenith per l’incarico media nel nostro Paese con durata triennale, a seguito di una revisione.

Nel 2017 il brand del settore beauty aveva indetto una gara media, nella quale erano state coinvolte oltre a Zenith (incumbent), GroupM, Omnicom Media Group e Dentsu Aegis Network (che ai tempi avrebbe declinato l’invito): un processo che si era però concluso con una ‘sospensione’ e un prolungamento del contratto per un altro anno all’agenzia di Publicis Media che da anni ne gestiva il budget.

Nel corso del 2018 il gruppo guidato da Francois-Xavier Fenart ha deciso di riprendere in mano la revisione e dopo un processo durato qualche mese ha riconfermato la società che è guidata dal Ceo Luca Cavalli e che in questi giorni ha festeggiato i 30 anni di attività.

L’Oréal è uno dei principali investitori pubblicitari a livello internazionale e anche in Italia, dove l’investimento è di circa 60 milioni, con focus sui mezzi tv, stampa e digital.

 

Spididol di Zambon on air con Leo Burnett dopo una gara

La pianificazione, curata da Vizeum, prevede televisione, out of home, metropolitane e digital

Zambon con Leo Burnett presenta un testimonial davvero inaspettato per Spididol, farmaco del portfolio antidolorifici dell’azienda: una bambolina voodoo che capisce i problemi di dolore e che può dare consigli alle persone su come avere un rapido sollievo.

Una scelta disruptive rispetto alle tradizionali campagne nell’area farmaceutica che coinvolge il paziente, rendendo protagonista la bambolina Spididol, un personaggio che conosce il dolore, ma soprattutto sa come liberarsene.

On air dal 14 ottobre fino a dicembre su tutti i maggiori network televisivi, lo spot verrà distribuito anche sul web, nel circuito Out of Home delle stazioni ferroviarie e delle metropolitane delle maggiori città italiane, con l’obiettivo di raggiungere 450 milioni di contatti.

La campagna, inoltre, avrà una presenza anche nei canali retail, presso una selezione di farmacie italiane. Leo Burnett si è aggiudicata l’incarico in seguito a una gara che ha coinvolto altre 4 strutture.

La pianificazione è curata da Vizeum, partner storico di Zambon.

Bernard Kilbane, Global Marketing di Zambon, sottolinea: “Per la nuova campagna internazionale di Spididol abbiamo scelto un approccio innovativo rispetto alle classiche campagne healthcare, con l’obiettivo di comunicare a un ampio target un prodotto che può davvero fare la differenza nella vita quotidiana dei pazienti. Inoltre, le esigenze dei pazienti che provano dolore sono simili in tutto il mondo, un elemento che consente una comunicazione efficace a livello globale. Ci guida la nostra vision ‘Innovating cure and care to make patients’ lives better” che porta a prenderci cura della salute, integrando terapia e cura in un approccio multidisciplinare”.

Tra il 2018 e il 2019 lo spot Spididol firmato da Leo Burnett andrà in onda in altri mercati europei tra cui Francia, Spagna e Portogallo.

L’idea creativa della bambolina Spidi, sviluppata dall’agenzia guidata da Romeo Repetto, è stata realizzata con la tecnica della ripresa, in stop motion da DaDomani Studio.

Oltre all’alto livello di esecuzione, è stata riservata una cura dei particolati a tutto il processo di produzione, a partire dalla realizzazione della bambolina protagonista dello spot, interamente fatta a mano.

Credits

Ecd: Alessandro Antonini,
Selmi Barissever, Lorenzo Crespi
Creative Director: Anna Meneguzzo
Senior Copywriter: Alessandra Rizzo
Art Director: Letizia Pettinari
Regia, animazione e postproduzione: DaDomani Studio
CDP: Black Mamba

Nice è on air con la campagna internazionale da 2,5 milioni

Ogilvy e il fotografo Rankin firmano la creatività per la multinazionale italiana nel settore della home automation che da ottobre comunica in Italia e in Francia e da gennaio nel resto d’Europa e in Brasile

Nice, azienda italiana di riferimento internazionale nell’home automation, home security e smart home, da ottobre lancia la nuova campagna di comunicazione pubblicitaria rivolta all’utilizzatore finale, che andrà on air contemporaneamente in Italia e in Francia, e da gennaio nel resto d’Europa.

Il tema creativo si ispira alla promessa di marca ‘Make the Wonder Ordinary’ e intende comunicare a tutti che la tecnologia Nice, nella sua semplicità, è in grado di rendere piacevolmente sorprendenti i gesti quotidiani, come regolare a distanza l’apertura delle tapparelle o chiudere la porta del garage.

“Oggi siamo in un momento di grande crescita per la nostra azienda, e questa campagna di forte impatto emotivo esprime appieno l’originalità e la diversità del nostro brand – dichiara Massimo Riggio, Chief Marketing Officer di Nice -. Le soluzioni Nice per l’automazione della casa non solo aiutano a semplificarci la vita, ma ci piace pensare che siano ancora capaci di risvegliare in ognuno di noi il senso di meraviglia e la capacità di sorprenderci di fronte alla tecnologia. A volte lo dimentichiamo, ma quello che la tecnologia e l’impegno delle persone che la creano ci permettono di fare, è veramente sorprendente”.

La campagna è stata realizzata con il Gruppo Wpp, in particolare con Ogilvy Italia per la strategia e la creatività. Il tema creativo sarà visibile nei principali aeroporti italiani e francesi e stazioni ferroviarie italiane, sulle testate d’arredamento più influenti, alla radio e nei media digitali, in particolare sui principali portali online in linea con il target.

 

 

“La creatività sviluppa il concetto di ‘Make the Wonder Ordinary’ mettendo al centro della comunicazione persone ‘straordinarie’. Anche chi, solitamente, è più abituato a stupire che essere stupito, rimane meravigliato dai sistemi Nice. Un mondo colorato e pop dove l’innovazione e l’intraprendenza del brand sono tradotti e interpretati dai soggetti della campagna, ripresi in tutto il loro stupore, anche grazie a scatti d’eccezione”, spiega Paolo Iabichino, Chief Creative Officer di Ogilvy.

Infatti, il progetto è stato sviluppato con il celebre fotografo londinese Rankin, che si è occupato dell’aspetto visual della campagna. Una scelta in linea con le caratteristiche innovatrici e ambiziose di Nice, in quanto Rankin è conosciuto in tutto il mondo per i suoi ritratti fuori dall’ordinario.

L’investimento netto complessivo di Nice fino al 2019 supererà i 2,5 milioni di euro e riguarderà Italia, Francia e i principali mercati europei, oltre al Brasile.

 

L’Ultimo Uomo passa da Alkemy a Sky per una nuova sfida

Sky rileva da Alkemy, società specializzata nell’innovazione del modello di business di grandi e medie aziende e quotata dal 5 dicembre 2017 sul mercato AIM di Borsa Italiana, la testata giornalistica sportiva l’Ultimo Uomo.

L’Ultimo Uomo, fondato da Tim Small e Daniele Manusia nel luglio del 2013 per colmare lo spazio tra il mondo del giornalismo sportivo generalista e quello di nicchia, ha inaugurato un nuovo modo di parlare di sport seguendo tre linee guida principali: narrazione letteraria, analisi tecnico-tattica approfondita e leggera ironia. Acquistato da Alkemy digital_enabler nell’ottobre 2014, l’Ultimo Uomo diventa rapidamente una delle realtà più interessanti del panorama editoriale digitale italiano, specializzandosi in articoli nel formato long-form: pezzi lunghi, appassionanti, che cavalcano il confine tra il reportage, il profilo, la letteratura e il giornalismo sportivo.

Dalla nascita, il sito registra una crescita di visite costante, iniziando una vera e propria rivoluzione nel giornalismo sportivo italiano. In questo sito di approfondimento sportivo, Alkemy trova terreno fertile per varie sperimentazioni nell’area del native advertising, dei linguaggi e formati, da cui nascono collaborazioni di rilievo con brand come Adidas e Now Tv per i quali l’Ultimo Uomo realizza long-form interattivi in grado di unire alla scrittura di qualità, animazioni, gaming, dati e illustrazioni che diventano un vero e proprio caso editoriale e affermano, anche in Italia, nuove modalità di comunicazione, di brand e di prodotto, attraverso il contenuto di qualità.

Grazie a l’Ultimo Uomo, inoltre, Alkemy ha consolidato il proprio posizionamento/expertise editoriale nell’area sport, ulteriormente rafforzata da altri progetti come il blog La Giocata per Sisal Matchpoint e tutti i prodotti editoriali realizzati per Fc Internazionale. La testata ha anche contribuito alla definizione del network/redazione estesa di collaboratori (giornalisti, scrittori, illustratori) asse portante delle attività di comunicazione di Alkemy, una rete ulteriormente ampliata per coprire aree di interesse e topic a 360°. Un modello che ha dato vita a ad altri magazine e progetti di content (come il Tascabile per Treccani, InCasoDiMag per Colmar, Le Macchine Volanti per TIM).

Locman rivela il suo ‘True Spirit’ con The Big Now

Al via la campagna costruita attorno al nuovo posizionamento con protagonista l’iconica linea Montecristo 516

Al termine del lavoro strategico di posizionamento cominciato a maggio di quest’anno, The Big Now, partner di riferimento per l’intera strategia di comunicazione di Locman, presenta la campagna ‘True Spirit’ dedicata al nuovo posizionamento di brand e alla linea Montecristo 516, fiore all’occhiello dell’expertise della casa orologiera italiana made in Elba.

Con un focus tutto digitale, la campagna si articola attorno a un video hero che fa da manifesto al nuovo posizionamento di Locman: ‘True Spirit’.

True Spirit racchiude tutta la storia del marchio e del suo fondatore, Marco Mantovani, e da oggi diventa l’attitudine che Locman vuole condividere con i suoi appassionati: è l’amore per la bellezza, per la natura, per ciò che è più grande di noi a ispirarci, a muoverci, a spingerci oltre i nostri confini per costruire giorno dopo giorno quello che siamo.

“L’agenzia ha saputo cogliere in pieno l’anima del nostro brand interpretandola, evolvendola e trasformandola in un lavoro che ci rappresenta perfettamente – dichiara Marco Mantovani, Fondatore e Presidente di Locman -. Con questo lavoro abbiamo messo delle solide basi per un percorso di comunicazione nuovo e duraturo che vedrà la luce inizialmente in Italia per poi essere declinato in diversi Paesi a livello worldwide”. Il video hero, girato interamente all’isola d’Elba, mette in risalto la bellezza e l’unicità delle location marittime e montane dell’isola. La produzione è stata curata da The Big Angle, la casa di produzione di The Big Now guidata dal regista Flavio Nani.

“Questa campagna è frutto di un grande lavoro di squadra sia con il cliente, sia interno all’agenzia in cui persone di taglio strategico, creativo, digital media e video production hanno lavorato in perfetta sintonia per dare alla luce un progetto che diventerà la base della comunicazione futura del brand – afferma Stefano Pagani, Co-founder e Managing Director di The Big Now -. Il fatto di essere entrati a far parte di un grande gruppo quale è Dentsu Aegis Network ci consentirà di sostenere con più forza l’azienda anche nel suo sviluppo internazionale”.

La campagna è veicolata sul minisito montecristo.locman.it creato e sviluppato ad hoc dall’agenzia e su tutti i canali Facebook e Instagram di Locman, che The Big Now gestisce da maggio coordinando shooting ad hoc per i diversi canali, sempre in collaborazione con The Big Angle.

A livello di pianificazione media, la campagna ‘True Spirit’ Locman vedrà anche un’importante declinazione media sul circuito Google e Facebook, con display pianificata in target a supporto e una campagna di geofencing per veicolare traffico negli store.

Credits

Agenzia: The Big Now
Direttore Creativo: Stefano Morelli
Copywriter: Michela Lillo
Art Director: Davide Bodano
Digital Strategy Manager: Samanta Giuliani
Junior Digital Strategist: Leonardo Crabai
Head of Content Design: Antonella Vicari
Content Designer: Giacomo Putignano
Head of Social Media Strategy: Andrea Fusco
Social Media Manager: Francesca Del Torre
Social Media Content Specialist: Antonio Conte
Account Director: Ilaria Affer
Account: Gianluca Gaiga
Digital Design Team Leader: Francesco Carli
Web development: Mattia Pace
Project Manager: Valentina De Car
Creative Media Director: Elena Merazzi

CDP: The Big Angle
Director: Flavio Nani
DP: Giacomo Frittelli
Producer: Francesca Castello
Editing: Marcello Sanna
Colorist: Lorenzo Ameri
Soundtrack e sound design: Smider

Edison, Havas Milan in pole nella gara creativa

Manca l’ufficializzazione, ma Havas Milan sarebbe stata riconfermata da Edison, società che fa capo al gruppo francese EDF, dopo la gara creativa indetta dal player dell’energia che avrebbe coinvolto Publicis, Y&R e Meloria.

L’agenzia guidata dal Ceo Dario Mezzano avrebbe messo a segno, quindi, un altro goal dopo la vittoria del budget creativo del Consorzio Grana Padano. Lo scorso luglio EDF aveva concluso la gara creativa avviata sul mercato francese confermando BETC (parte di Havas Groupe) e M&C Saatchi GAD (M&C Saatchi).

Sul fronte media, nel nostro Paese l’azienda è nel portfolio di Wavemaker.

 

Facebook introduce l’adv per il pharma e sceglie Armando Testa

Grazie alle nuove Linee Guida del Ministero della Salute relative alla pubblicità di Farmaci Da Banco (OTC) e Dispositivi Medici senza prescrizione, anche in Italia si aprono possibilità pubblicitarie su Facebook e Instagram per le aziende farmaceutiche.

Su 31 milioni di utenti mensili di Facebook in Italia, sono 15 milioni quelli interessati a salute e benessere, 20 milioni acquistano cosmetici e 6 milioni di uomini sono interessati a fitness e cura del corpo (dati Facebook Italia), le potenzialità dei Social Media sono ora un’opportunità concreta anche per le aziende farmaceutiche di raggiungere in maniera mirata il loro pubblico.

Dalle Storie Instagram al Carosello, sono molte le opzioni disponibili per i diversi obiettivi di marketing, lungo l’intero processo di acquisto: dall’acquisizione alla vendita. Per l’annuncio di questo importante cambiamento di scenario, Facebook Italia ha scelto con incarico diretto l’agenzia creativa Armando Testa che ha ideato e sviluppato una campagna multicanale.

Gli asset core sono stati messaggi mirati per i decision makers delle aziende farmaceutiche, raggiunti tramite Facebook, Instagram e LinkedIn con video brevi multisoggetto, dedicati alle differenti tipologie di farmaco e dispositivo medico.

Ad amplificare la comunicazione, pagine stampa dedicate su riviste specialistiche di settore e una station domination nella stazione di Assago Milanofiori Nord (MI), importante posizionamento per raggiungere chi ogni giorno pianifica campagne di sponsorizzazione online per big player.

La campagna multisoggetto riesce in maniera semplice e iconica a collegare hashtag comunemente usati dagli utenti sui social network a prodotti che potrebbero interessargli.

Credits

Chief Digital Officer: Giuseppe Mayer
Digital Cco: Flavio Fabbri
Deputy Creative Directors: Nicola Cellemme, Georgia Ferraro
Creative team: Tommaso Casarini, Stefano Arrigoni, Sebastien Sardet, Fabio Camera
Client Service: Cristina Castelli, Martina Saddemi
Social Media Manager: Ludovica D’Aquino

ConTe.it festeggia 10 anni. Per il 2019 ‘riflessione’ sui partner adv e media

Il marchio italiano di assicurazioni online del gruppo Admiral ha visto il recente ingresso di Barbara Panzeri in qualità di direttore Marketing e Prodotto. Per il 2018 budget atl a 2 milioni di euro

ConTe.it, il marchio italiano di assicurazioni online del gruppo britannico Admiral, festaggia i primi dieci anni nel nostro Paese tagliando il traguardo dei 500 dipendenti e dei 500 mila clienti.

In un mercato in continua contrazione – i ricavi della raccolta premi in questi anni sono scesi del 23% – nell’ultimo lustro la compagnia ha visto crescere i suoi ricavi del 50%.

Nel 2017 la raccolta totale è stata di 170 milioni di euro, mentre l’utile ha segnato una crescita continua dal 2014, anno del raggiungimento del break even.

A presentare i piani di sviluppo della compagnia in Italia, Costantino Moretti, amministratore delegato di ConTe.it, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta nella giornata di ieri a Milano. “Innovazione e forti investimenti per dare impulso a un’organizzazione sempre più custumer-centrica: questi sono gli assi portanti della strategia del Gruppo.

“L’obiettivo è salire sul podio delle principali compagnie dirette attive in Italia (attualmente la quota di mercato in questo segmento è vicina al 10%, ndr) – ha sottolineato Moretti -. Vogliamo crescere in modo forte e sostenibile e incrementare la riconoscibilità di un brand che punta sul posizionamento ‘campioni dell’assistenza e della convenienza’”.

Per dare manforte alla compagnia su questo fronte ha da pochi mesi fatto il suo ingresso in azienda Barbara Panzeri in qualità di direttore Marketing e Prodotto. La manager vanta una lunga e significativa esperienza nel settore assicurativo (in particolare in Direct Line).

In merito alle attività di comunicazione che ConTe.it ha avviato in questa seconda parte del 2018, dopo essere ritornata in tv e in radio a settembre con un nuovo flight della campagna ‘Parliamoci chiaro ConTe è con te’, con protagonista l’attrice Maria Amelia Monti, la società ha annunciato la partnership con Infront grazie alla quale potrà sfruttare gli spazi pubblicitari in occasione delle partite casalinghe di Campionato e di Coppa Italia disputate da dieci squadre di Serie A (Torino, Lecce, Cagliari, Chievo, Fiorentina, Frosinone, Genoa, Sampdoria, Udinese e Palermo).

Inoltre, l’accordo prevede l’assegnazione del Pacchetto Premium Partner relativamente al Club Lazio, che conferisce a ConTe.it il diritto di avvalersi della qualifica di Premium Partner, di esercitare i diritti promopubblicitari, di usufruire degli spazi pubblicitari ed eventualmente di esercitare altri diritti accessori in esclusiva.

Nel quadro di questo accordo verranno anche sviluppate una serie di attività promozionali e di engagement su social dedicate ai tifosi della squadra capitolina.

“Questo accordo rientra in un piano di comunicazione più allargato che vedrà nei prossimi mesi una maggiore esposizione e diversificazione della visibilità del Brand ConTe.it”, ha dichiarato Costantino Moretti. Nel 2017 gli investimenti Atl del brand si sono attestati intorno ai 2 milioni di euro e manterranno lo stesso livello nel 2018.

“La campagna attualmente on air – ha raccontato Barbara Panzeri – porta la creatività dell’agenzia Bcube (l’agenzia aveva vinto la gara nel 2016, ndr), mentre il media è gestito da Wavemaker. Per quanto riguarda il 2019 dovremo aprire una riflessione che riguarderà la scelta dei partner di comunicazione, potrebbero esserci delle gare, ma che non si limiterà a questo, allargandosi al tema degli investimenti e alla scelta dei mezzi. Dobbiamo lavorare per incrementare la brand awareness, che ha già raggiunto il 62%, e dare impulso alla comunicazione digitale”.

 

CasaFacile cambia volto e aumenta la circolarità dei contenuti

CasaFacile, il mensile diretto da Francesca Magni, è in edicola con una veste completamente rinnovata.

Il magazine del Gruppo Mondadori, punto di riferimento per chi ama l’arredamento e il vivere la casa nel quotidiano, rafforza infatti il posizionamento lifestyle e lo integra con il servizio, con un’attenzione particolare alla circolarità dei contenuti: dalla carta, al web, ai social network.

CasaFacile, da sempre guida autorevole ma al tempo stesso friendly al gusto, allo stile e alle tendenze, è un giornale ‘vivo’: si fonda sul rapporto quotidiano con i suoi lettori, e da questo trae la sua ricchezza – dichiara il direttore Francesca Magni -. Per rendere il lettore sempre più coinvolto e protagonista, abbiamo ideato una veste grafica che porta letteralmente ‘dentro’ alle case (case da sogno) per cogliere soluzioni, dettagli e progetti da copiare concretamente (con disegni e budget). Vota la casa del mese e il sondaggio finale sulle scelte di arredo sono solo due fra le tante novità nel segno di questa condivisione”.

Rimanendo fedele ai tratti distintivi che ne hanno decretato il successo negli anni, il nuovo CasaFacile ogni mese offrirà: più pagine (+25%), più case, più scuola di stile (3 case per raccontare 3 stili), più servizio (8/16 pagine della nuova sezione Focus, schede per progettare, consigli how to, rubrica salva budget), più prima & dopo (con una parte dedicata), più décor; più shopping (30 pagine di vetrine), più tendenze (‘idee a casa di…’ blogger e instagrammer); più verde e più coinvolgimento per i lettori (sondaggio, vota la casa del mese, call to action e rinvio ai social).

La grafica pulita e fresca, e le immagini di grande impatto, protagoniste anche in copertina, contribuiscono a rendere il mensile raffinato ed elegante, al passo coi tempi e in linea con l’evoluzione dei trend dell’arredamento e dell’interior design.

Per quanto riguarda il web, dopo il recente restyling, Casafacile.it ha un traffico medio di 305.000 utenti unici media mese e di 830.000 Pagine Viste Media Mese (Fonte: Audiweb AwDatabase media ultimi 3 mesi/canale casa DM).

In 7 anni di presenza attiva sui social CasaFacile ha inoltre ampliato la sua squadra di blogger e dato vita a un team di 64 ambassador del CF style, creative che ne condividono lo stile e che partecipano attivamente alle iniziative della rivista.

A queste si sommano gli oltre 100 professionisti CF style (tra architetti e interior stylist) in tutta Italia che hanno superato un casting per mettersi poi a disposizione di chi richiede consulenze personalizzate: tutti a servizio dei lettori che ogni mese acquistano il mensile, degli oltre 310.000 fan attivi ogni giorno su Facebook e dei 132.000 follower su Instagram.

Saranno tante le occasioni di incontro per condividere la passione che unisce redazione e lettori. CasaFacile organizzerà infatti corsi ad hoc, nuovi workshop e laboratori creativi e non mancheranno progetti speciali.

Tra questi l’Academy, giornate di formazione dedicate alle oltre 60 blogger del team di CasaFacile; Meet the Blogger, appuntamenti per incontrare alcune tra le blogger del team e partecipare con loro a laboratori e workshop; e i Weekend del Design con attività aperte al pubblico in collaborazione con i migliori brand di arredamento.

CasaFacile partecipa anche a tutti i principali eventi legati al mondo del design, del fai-da-te, del décor e del verde.

Il lancio del nuovo CasaFacile è supportato da un’importante campagna di comunicazione web e social, con spot tv sui canali dedicati al mondo dell’arredo e design e con un’attività mirata in gdo.

CasaFacile è in edicola da questa settimana al prezzo di 1,90 euro.

 

Pam Panorama festeggia i 60 anni sul Pam Tram e con un concorso

Concept firmato da McCann scelta dopo una gara creativa. L’insegna della gdo raddoppia il budget adv e stanzia 120 milioni in due anni per e-commerce, nuove aperture e debutto all’estero

Un anno clou, il 2018, per Pam Panorama, insegna della grande distribuzione italiana parte del Gruppo Pam che opera con i marchi Pam, Panorama e Pam local e che compie 60 anni.

Settembre e ottobre sono mesi di appuntamenti in diverse città italiane per festeggiare il compleanno con due nuove iniziative: il Pam Tram che da oggi al 7 ottobre viaggerà per le vie del centro di Milano e il concorso ‘Entra con il carrello, esci con una Fiat 500’ per i clienti possessori di Carta Per Te che durerà tutto il mese di ottobre con 60 Fiat 500 in palio.

“Celebriamo il passato ma anche il futuro, perché la tradizione che si fonde con l’innovazione è la filosofia di Pam”, ha introdotto ieri l’ad Giampietro Corbari durante la conferenza stampa di presentazione che si è tenuta a Milano sul tram brandizzato.

A bordo è possibile vivere metaforicamente l’atmosfera degli Anni ’60 con le commesse vestite secondo lo stile dell’epoca e degustare gli spuntini ispirati alle ricette di quegli anni, preparati da La Scuola de La Cucina Italiana. All’interno anche uno scaffale con le eccellenze a marchio Pam Panorama.

Dalle 18 alle 20, è invece possibile partecipare a un happy hour con accessori in tema Anni ’60 e ornamenti vari a disposizione del pubblico per scattarsi una foto. L’iniziativa del tram è comunicata sui social, a cura dell’agenzia veronese Fornace.

L’iniziativa è stata realizzata da Pam in collaborazione con le Creative Solutions di IGPDecaux, con l’agenzia Rapport specializzata in out of home, media buying e planning e rientra nel palinsesto di eventi pianificati dal gruppo italiano della grande distribuzione per celebrare il 60° compleanno, partendo proprio dalla città di Padova, sede storica del gruppo, fino ad arrivare a Milano col #pamtram.

A settembre infatti alcune piazze nelle città di Padova, Milano e Torino sono state popolate da set che hanno ricreato una scenografia ispirata alle ultime sei decadi. I partecipanti hanno potuto, infatti, utilizzare parrucche, occhiali, abiti e accessori delle diverse epoche e servirsi dei set come photo booth condividendo la foto realizzata sui propri profili con l’hashtag #pamstory e #pampanorama.

Fulvio Faletra

“Da quest’anno abbiamo iniziato a comunicare in modo diverso rispetto al passato: al posto delle promozioni puntiamo su attività trasversali di atl e btl, come eventi e campagne adv che mettano in evidenza la brand equity dialogando anche con un target più giovane – ha spiegato Fulvio Faletra, Direttore Marketing di Pam Panorama -. Nel 2018 abbiamo raddoppiato il budget di comunicazione rispetto allo scorso anno, cifra che verrà mantenuta anche nel 2019. Per questa importante celebrazione abbiamo deciso di lanciare un nuovo playoff: ‘60 anni spesi al meglio’, che sottolinea il nostro impegno nell’offrire prodotti, servizi e soluzioni per migliorare la qualità della vita”.

Il concept delle attività per i 60 anni è stato ideato e sviluppato da McCann Worldwgroup Italy, “l’agenzia scelta oltre un anno fa con una gara, mentre la parte media è gestita da Initiative – ha proseguito il manager -. Per quanto riguarda l’atl abbiamo siglato una partnership con Mediaset: siamo già presenti con un 70”, realizzato dal gruppo di Cologno, all’interno del preserale Caduta libera su Canale 5, mentre la terza e la quarta settimana di ottobre andrà on air un 10” che promuove il concorso. Contemporaneamente siamo sulle emittenti radio e sui magazine gestiti da Mediamond. A breve verrà rilasciata una nuova release del sito a firma Fornace”.

L’iniziativa presentata ieri è stata realizzata in collaborazione con IGPDecaux e rientra nel palinsesto di eventi pianificati dal Gruppo italiano della grande distribuzione per celebrare il 60° compleanno, partendo proprio dalla città di Padova, sede storica del gruppo, fino ad arrivare a Milano con il #pamtram.

 

Nei prossimi anni food, e-commerce e aperture all’estero

 

Corbari, diventato ad dell’insegna da gennaio scorso, nel corso dell’evento ha dichiarato strategie e obiettivi per i prossimi anni: “L’insegna, presente in Italia con 190 punti vendita suddivisi nei vari formati, punterà su tre parole cardine: italianità, qualità e innovazione. Verrà stanziata una cifra di 120 milioni di euro per il 2019 e 2020 dedicata allo sviluppo del business e alle nuove aperture. In Italia saranno soprattutto i Pam Local a crescere, con la previsione di raddoppiarne il numero a circa 120. Quanto alla qualità, abbiamo sempre puntato sul food italiano, che rappresenta il 94% del nostro fatturato, pari a 2,4 miliardi: in due anni crescerà ancora di due punti percentuali, fino al 96%”.

Un altro sforzo notevole sarà fatto per sviluppare l’e-commerce, “che ora vale l’1% del nostro fatturato – ha proseguito l’ad -. Recentemente abbiamo siglato una partnership con Amazon Prime per la consegna a Roma, con il reparto interno Pam Innovation Lab cerchiamo di intercettare i bisogni del futuro, in modo da raggiungere, o superare, l’1,5% nel 2019 e obiettivi più ambiziosi in cinque anni. Siamo convinti che il canale fisico e quello virtuale potranno convivere senza cannibalizzarsi l’un l’altro”.

Entro il 2020 è previsto anche il debutto all’estero. “Inizialmente solo sul canale online con un progetto importante in termini di obiettivi e di fatturato sia in Europa sia nel resto del mondo dove potremmo valorizzare al meglio il nostro dna italiano facendo leva sui prodotti Made in Italy: stiamo valutando la possibilità di trovare sinergie con partner internazionali”, ha concluso Corbari.

 

Ruote da sogno: nel 2018 +76% di investimenti adv tra on e offline

La realtà emiliana fondata nel 2016 da Stefano Aleotti, già co-fondatore del colosso Cellular Line, a soli due anni dalla nascita punta a 10 milioni di euro di fatturato per fine anno

È una crescita continua ed esponenziale quella di Ruote da sogno, realtà emiliana fondata nel 2016 da Stefano Aleotti, già co-fondatore del colosso Cellular Line. A soli due anni esatti dalla sua nascita, con un fatturato triplicato e una proiezione di chiusura 2018 che supera abbondantemente i 10 milioni di euro, Ruote da sogno si presenta oggi sul mercato come il primo operatore di auto e moto d’epoca d’Europa, punto di riferimento per appassionati, collezionisti e investitori di tutto il mondo e come inedita location per gli eventi più esclusivi.

Una scommessa audace, una nuova sfida imprenditoriale che si è trasformata velocemente in un importante volano anche per il territorio: 37 i dipendenti (+40% rispetto al 2017) la cui età media non supera i 41 anni e che scende a 23 per il team marketing. Grafici, web e digital specialists, videomaker: una squadra interna estremamente qualificata che si occupa della realizzazione dei materiali di comunicazione e delle campagne adv.

Un ambito, quello della comunicazione, nel quale Ruote da sogno investe con particolare attenzione: a soli tre mesi dalla chiusura d’esercizio, l’investimento globale per il 2018 segna già un +76% sul 2017 tra online e offline.

 

Al via una campagna video all’aeroporto Marconi di Bologna

 

L’ultima attività, per la quale Ruote da sogno ha investito oltre 50 mila euro, coinvolge l’Aeroporto G. Marconi di Bologna e in particolare i maxi-display dell’area ritiro bagagli con un passaggio di oltre 3.500.000 passeggeri: qui, per un intero anno e ogni due minuti per ventiquattro ore no-stop, sarà visibile la campagna video realizzata dal team interno di Ruote da sogno.

In crescita anche l’investimento sul fronte della partecipazione alle fiere: 17 quelle in programma per il 2018 (rispetto alle 10 del 2017) di cui 6 all’estero (erano 3 nel 2017).

Imminente la partecipazione come espositori ad Auto e Moto d’Epoca di Padova dove, presente per il terzo anno consecutivo, Ruote da sogno approderà con uno stand di oltre 500 mq.

Lo showroom di oltre 7.000 mila metri quadrati, è considerato da appassionati del vintage e non, come un vero e proprio paese dei balocchi: oltre mille le motociclette d’epoca in vendita, tra cui la Vespa più antica esistente (la n.3), schierate accanto ad automobili classiche di grande pregio, oltre ad un’area eventi all’avanguardia per spazi e tecnologie, apprezzatissima nel mondo business per convention, attività corporate e party esclusivi.

Entro la fine dell’anno si prevede un ulteriore investimento che porterà al raddoppio della sala eventi. Alla metà di ottobre verrà inoltre inaugurata nelle vicinanze della sede, una location molto suggestiva, che ospiterà spazi dedicati a temporary shop e temporary office assolutamente innovativi.

“Noi imprenditori abbiamo da sempre una grande responsabilità, quella di creare opportunità di lavoro per le nuove generazioni. Vorremmo che i giovani non siano costretti a peregrinare in Paesi che hanno raggiunto prima di noi quelle certezze sociali che sono alla base del vivere civile”, spiega Stefano Aleotti che ha scelto di costruire questa nuova realtà proprio in Italia e nel cuore della Motor Valley Emiliana in cui Ruote da sogno è entrata ufficialmente come partner nella primavera del 2018.

 

Casta Diva Events, G2 e MeTe danno vita a District, società da 18 milioni di euro

La nuova società sarà partecipata al 51% da Casta Diva Group SpA e al 49% dalla Newco e potrà contare su un fatturato di circa 18 milioni di euro

Casta Diva Group ha annunciato la sottoscrizione di un accordo vincolante con Matteo Valcelli, azionista di riferimento di G.2 Eventi Srl (G2) e procuratore dei soci di MeTe Travel and Events Srl (MeTe), per la costituzione di District srl, in cui Casta Diva Group SpA conferirà il 100% di Casta Diva Events Srl (CDE) e Valcelli, attraverso una Newco (Newco), appositamente costituita e controllata, e già conferitaria delle partecipazioni totalitarie in G2 e MeTe, conferirà il 100% di queste ultime società.

Al termine dell’operazione, previsto entro novembre 2018, District srl sarà partecipata al 51% da Casta Diva Group SpA e al 49% dalla Newco, in funzione del valore di conferimento delle società CDE, da parte di CDG, e G2 e MeTe, da parte della Newco, nonché dell’aumento di capitale sottoscritto, dalle parti, attraverso compensazione dei rispettivi crediti da cessione delle partecipazioni a District srl ed eventuali conguagli in denaro.

Casta Diva Group e Matteo Valcelli avranno un lock-up di 24 mesi; per Valcelli è previsto inoltre un patto di non concorrenza di 2 anni.

L‘eventuale vendita di azioni sarà soggetta al gradimento degli altri soci. La governance di District sarà affidata a un consiglio di amministrazione di 3 persone – 2 nominate dalla Newco e 1 da CDG – e sarà così composto: Matteo Valcelli, Presidente; Ernesto de Pellegrini, Consigliere; Francesco Merone, Consigliere.

L’accordo prevede inoltre clausole di call a favore dei CDG sulla totalità delle quote di District, di drag-along a favore di CDG e di way-out a favore di Valcelli dal 2022 da esercitarsi mediante conversione in quote del soggetto controllante CDG ovvero da regolarsi in denaro.G.2 Eventi e MeTe Travel and Events registrano complessivamente un valore della produzione di oltre euro 12 milioni. CDE fattura complessivamente oltre euro 5 milioni.

Andrea De Micheli e Luca Oddo, rispettivamente Chairman e Ceo di Casta Diva Group, commentano: “Questa operazione rappresenta una delle più significative degli ultimi anni nel mercato degli eventi in Italia. Segna l’unione tra società perfettamente complementari per clienti, competenze e servizi. La forte creatività di Casta Diva e le occasioni di business che nascono dalla gestione di Blue Note e Blue Note Off, si innestano sulla forte competenza nell’organizzazione di grandi eventi, nella logistica, nella gestione di viaggi incentive e non, e nella creazione di corsi di formazione che G2 e MeTe hanno accumulato negli anni. Ogni componente di questa unione potrà proporre ai propri clienti altri servizi e contiamo che in questo contesto si crei una sinergia vincente, anche a livello internazionale. Abbiamo inoltre percepito una piena condivisione di progetti e obiettivi tra noi e i partner di G2 e MeTe, Matteo Valcelli ed Ernesto de Pellegrini. District potrà contare su un fatturato di circa 18 milioni di euro che la porrebbe tra le primissime agenzie in Italia, ma le sinergie che abbiamo in mente miglioreranno ulteriormente questo risultato. Proseguiamo con la crescita per M&A che rappresenta la linea guida strategica principale del Piano Industriale 2018-2020 approvato il 21 giugno 2018”.

Matteo Valcelli, presidente di G.2 Eventi ed Ernesto de Pellegrini, Amministratore Delegato di MeTe Travel and Events, aggiungono: “Dopo 20 anni di azienda abbiamo ora la possibilità di consolidare la nostra esperienza all’interno di un gruppo molto più articolato, dando vita nello stesso tempo a una nuova avventura nel campo degli eventi, unica nel suo genere. Si tratta a nostro avviso di un’operazione molto importante e siamo felici di esserne protagonisti e di poter dare il nostro contributo alla definizione di un nuovo scenario nel nostro settore, non solo in Italia, ma anche all’estero”.


I risultati del primo semestre di Casta Diva Group

Il Cda di Casta Diva Group ha approvato la relazione semestrale al 30 giugno 2018. Il Valore della Produzione è pari a euro 10,8 milioni (realizzato per il 43% all’estero), in diminuzione rispetto a euro 12,3 milioni al 30 giugno 2017 anche per effetto di fattori esogeni legati all’andamento del tasso di cambio della lira turca e del pesos argentino che hanno impattato sulle performance delle controllate CDP Turchia e CDP Argentina (società che, al netto dell’effetto del tasso di cambio hanno registrato un fatturato in crescita del 20%).

Il fatturato è pari a euro 9,9 milioni in diminuzione rispetto a euro 14,2 milioni al 30 giugno 2017, così suddiviso per area di business: Advertising production euro 6,3 milioni (euro 8,7 milioni al 30 giugno 2017); Eventi euro 2,2 milioni (euro 3,6 milioni al 30 giugno 2017); Entertainment euro 1,4 milioni (euro 1,9 milioni al 30 giugno 2017).

L’Ebitda è pari a euro 0,06 milioni, in diminuzione rispetto a euro 0,7 milioni al 30 giugno 2017.

L’EBITDA adjusted è pari a euro 0,8 milioni, pari al 7,40% del valore della produzione, in forte crescita rispetto al 5,5% del 30 giugno 2017.

L’Ebitda adjusted è calcolato al lordo di costi non ricorrenti pari a euro 747 migliaia; tali costi sono riferibili a: bonus straordinario, conferito al management nazionale e internazionale il 10 gennaio 2018 (euro 240 migliaia); costi non ricorrenti in favore di un dipendente aziendale di Casta Diva Events (euro 50 migliaia); costi sostenuti da Casta Diva Events per la partecipazione a una gara nel settore della Pubblica Amministrazione che si è conclusa in maniera negativa in seguito a un contenzioso (euro 330 migliaia); spese legali e amministrative per un contenzioso legale conclusosi favorevolmente (euro 142 migliaia).

La posizione finanziaria netta è pari a euro 1,9 milioni; la variazione rispetto al 31 dicembre 2017 (euro -1,8 milioni) è dovuta soprattutto all’incremento del CCN, all’attività di M&A e di investimento che la società sta realizzando come indicato nel piano Industriale 2018-2020. Il patrimonio netto di pertinenza è pari a euro 6,8 milioni, rispetto a euro 7,9 milioni al 31 dicembre 2017.

 

RCS lancia il nuovo Io Donna con il +120% di ricavi e la campagna di Hi!

Da sabato 29 settembre in edicola e in digital edition con Corriere della Sera il nuovo settimanale che punta su moda, bellezza, attualità, viaggi, cultura. Da ottobre si rinnova anche iodonna.it

Sabato 29 settembre in edicola il nuovo Io Donna, il settimanale femminile del Corriere della Sera diretto da Danda Santini.

Formato più grande e carta più sofisticata esaltano le immagini e l’impianto grafico: dalla nuova testata con la ‘i’ minuscola (come alle origini) al nuovo carattere tipografico, morbido e aggraziato, creato appositamente per la testata, alla palette di colori che danno il ritmo al giornale. Le pagine scorrono fluide tra moda, bellezza, rubriche, attualità, in equilibrio tra ricchezza di contenuti e ispirazioni immediate.

“La nostra è una lettrice colta, impegnata e generosamente al centro di un clan familiare con partner e figli. Attenta a ciò che la circonda, ma spesso con i minuti contati – Santini -. Il nuovo Io Donna è un dialogo contemporaneo sui grandi temi femminili, che sono poi i temi di tutti. Moda, stile, bellezza, casa, cultura, tempo libero, viaggi, attualità: una pausa di puro piacere, ricca di informazioni, intrattenimento e ispirazioni”.

Nel nuovo Io Donna, la moda torna a essere protagonista, anche in copertina. Servizi fotografici, informazioni e tendenze, con uno sguardo particolare al mondo degli accessori.

Focus sulla bellezza, dalla beauty routine al fitness, dall’alimentazione alla salute. Grande spazio è riservato all’attualità e ai grandi temi femminili, quelli che fanno discutere ancora oggi nel mondo.

Danda Santini

Interviste, inchieste e approfondimenti trattati con la qualità dai giornalisti del settimanale e con l’autorevolezza delle firme del Corriere della Sera, tra cui Barbara Stefanelli, Antonella Baccaro, Angela Frenda, Fiorenza Sarzanini, Aldo Cazzullo, Paolo Conti, Aldo Grasso, Tommaso Labate, Paolo Mereghetti. E poi: lavoro e carriera, le ispirazioni della settimana, che aprono il giornale, i viaggi, la cultura, con nuove rubriche, recensioni e interviste interamente dedicate al mondo dei libri e, ancora, tante idee nelle pagine riservate alla cucina e alla tavola, alla casa e al verde. Un dialogo settimanale che inizia sulla carta e si rinnova ogni giorno sul sito iodonna.it che, da ottobre, sarà ancora più ricco, colorato, fluido e con una rinnovata veste grafica.

“Il mondo delle donne riveste da sempre particolare rilevanza per il Corriere della Sera – spiega Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera -. Un universo che il giornale segue con attenzione e che Danda Santini ha colto e rappresentato al meglio nel nuovo Io Donna. Un percorso in cui crediamo e che proseguiremo ogni settimana anche attraverso i contribuiti delle nostre firme”.

“Il nuovo Io Donna è il femminile, nella sua concezione più alta – dichiara Urbano Cairo, presidente e amministratore delegato di RCS MediaGroup -. Corriere della Sera, con il ‘Tempo delle Donne’, il blog La27maOra e Io Donna, è un unicum nel panorama italiano e, insieme al mensile Amica, un punto di riferimento sia per le lettrici che per gli inserzionisti grazie alla capacità di proporre contenuti dallo stile sempre unico e sorprendente”.

“Il nuovo Io Donna si impone come mezzo imprescindibile per chiunque voglia dialogare con il target femminile in un contesto editoriale altamente qualificato – aggiunge Raimondo Zanaboni, direttore generale di RCS Pubblicità -. Una comunicazione distintiva, che i brand di alta gamma hanno subito fatto propria, generando il +120% di ricavi sul numero in edicola il 29 settembre”.

A sostegno del lancio, è on air la campagna di comunicazione, dal claim ‘iO Donna, il FEMMINILE STRAORDINARIO’, firmata da Hi! Comunicazione e pianificata su tutti i mezzi RCS, on air su Radio Italia e RTL 102.5 e sui canali televisivi Rai, Mediaset, La7.

 

Arena Media nuovo partner di Carrefour in Italia

Secondo la stampa francese, in seguito a una gara gestita dall’headquarter in Francia, Carrefour avrebbe confermato il partner Arena Media estendendo l’incarico ad altri quattro Paesi: Italia, Belgio, Spagna e Romania a partire da gennaio 2019.

L’agenzia, parte del network Havas Media Group, si concentrerà sulla strategia e pianificazione media. Attualmente la catena di supermercati e ipermercati francese, top spender nel nostro Paese, collabora con Carat, il centro media di Dentsu Agis Network, che dal 1° dell’anno prossimo passerà il testimone all’agenzia di Havas Media Group, la società che nel nostro Paese è guidata da Stefano Spadini.

In occasione della recente presentazione a Milano del progetto ‘Act for Food’, Federica Palermini, Head of Brand&Communication and Digital Innovation di Carrefour, aveva dichiarato che l’investimento complessivo per il 2018 avrebbe avuto una crescita del 10% circa sul 2017 con il 65% in tv e il 35% sul web (vedi notizia).

Havas Media con Olivetti punta sul valore con Adcity

“Sono ottimista, nonostante la complessità dello scenario, perché noi abbiamo puntato su un percorso di crescita basato sul valore e non sui volumi. L’ambizione non è quella di essere i più grandi, ma di essere in grado di diventare la realtà del mondo del media che meglio esprime sul mercato il valore delle persone che la compongono”: con queste parole Stefano Spadini, Ceo di Havas Media, ha inquadrato il progetto Adcity, piattaforma di audience planning dedicata all’Out Of Home realizzata in partnership con Olivetti e presentata ufficialmente ieri sera a Milano nel corso dell’evento ‘La Città parla’.

E proprio le persone, insieme agli investimenti in tecnologia sono gli assi portanti di questo percorso intrapreso da un Gruppo che, come ha ribadito il manager, cresce in “maniera sana e aperta”, puntando su un riconoscimento del valore dei propri servizi da parte dei clienti.

Il progetto Adcity, che ha preso corpo a partire dalla scorsa primavera, rientra pienamente tra gli strumenti in grado di dare sostanza a questo posizionamento.

Havas Media, infatti, scommette su questo tool esclusivo per creare un reale vantaggio competitivo. Adcity, grazie all’integrazione fra i dati della centrale media – che è ad oggi in grado di monitorare oltre il 90% degli impianti OOH presenti sul territorio italiano – e i dati mobile forniti da Olivetti (raccolti nel rispetto delle norme sulla privacy da circa 30 milioni di sim), consente ai brand di raggiungere i target desiderati andando a selezionare non solo gli impianti più idonei, ma di farlo nel giusto momento. Una rivoluzione per chi decide di pianificare l’esterna.

“Passiamo di fatto dal media planning all’audience planning, andando oltre la logica della semplice copertura del territorio – ha sottolineato Spadini -. Al centro di tutto c’è l’audience che vogliamo raggiungere e questa piattaforma ci consente di tenere conto di tante variabili. Ad esempio uno stesso impianto a una certa ora del giorno avrà un determinato pubblico che magari alla sera sarà completamente diverso. Un altro elemento essenziale riguarda la misurazione che diventa dinamica. La nostra tecnologia consente di avere dati aggiornati ogni quindici minuti e allo stesso tempo di valutare anche a posteriori il successo di una campagna”.

Adcity dunque va a portare una maggiore efficienza nel mondo dell’Out of Home, associando gli impianti disponibili ai target, fotografati con precisione grazie all’interpretazione dei big data.

“In questo – ha aggiunto Spadini – è importantissimo il ruolo delle persone, delle nuove figure professionali entrate in agenzia, primi fra tutti i data analyst”.

Il traguardo è aumentare l’efficacia delle campagne, favorendo la possibilità di pianificazioni capaci di far lavorare insieme esterna e mobile. Adcity non è il futuro, ma il presente di Havas Media e lo stesso manager ha voluto ricordare che già diversi clienti ne hanno sfruttato le potenzialità. Fra questi: Q8, TIM e Lindt.

Ha commentato  Antonio Cirillo, amministratore delegato di Olivetti:“Sui temi dei Big Data, dell’Internet of Things e del Cloud Olivetti oggi rappresenta un centro di competenza nell’ambito del Gruppo TIM, avvalendosi di asset tecnologici e conoscenze specialistiche dedicate. In particolare, grazie alla piattaforma Big Data di Olivetti, in grado di gestire giornalmente una significativa quantità di informazioni rilevate dalla rete mobile TIM, sempre nel pieno rispetto della normativa sulla privacy, offriamo alle aziende italiane gli strumenti per migliorare i propri processi decisionali e i propri servizi e una comprensione più approfondita dell’evoluzione del mercato e dei comportamenti dei consumatori. Si tratta di un modello che trova applicazione in molteplici ambiti: fedeli al nostro Dna di innovatori puntiamo a estenderne i benefici anche in settori come il retail, i trasporti, il turismo e le smart city”.

La presentazione di Adcity si è conclusa con una tavola rotonda, moderata da Gaetano di Tondo, Institutional & External Relations Director Olivetti, che ha messo a confronto i protagonisti del mondo dell’esterna. All’incontro hanno preso parte Giovanna Maggioni, direttore generale UPA e presidente di AudiOutdoor,Giuseppe Sola, Responsabile Data Monetization Solutions di Olivetti, e i rappresentanti di alcune fra le più importanti concessionarie: Andrea Belli (Clear Channel), Cristiano Brau (Urban Vision), Michele Casali (IGPDecaux), Sergio Rossi (Grandi Stazioni) e Paolo Uberti (Local Leader Group). (A.Cr.)