DIGITAL

IB&II lancia il canale web The Voice of Business


01.02.2019

Il progetto lanciato da Fernando Napolitano intende sostenere con continuità e con informazioni corrette la nostra economia negli Stati Uniti attraverso la visione dei leader che ne raccontano la complessità nel contesto europeo

È nato lo scorso 1 febbraio The Voice of Business, il primo canale web in lingua inglese dall’Italia che ospiterà interventi scritti da thought leader – Presidenti, Ceo, Top management, Rettori, Capi di NGO – statunitensi, italiani ed europei per fornire numeri, opinioni, news sullo scenario sociale ed economico italiano ed europeo e sulle opportunità di investimento per gli operatori internazionali.

Rivolto principalmente alla comunità di business degli Stati Uniti – investitori, analisti, università, aziende -, il canale accoglie contributi dei thought leader: da un lato italiani e europei condividono la loro esperienza di business nel Vecchio e nel Nuovo Continente, dall’altro i leader americani che hanno investito con successo in Italia e in Europa danno conto dei loro risultati.

The Voice of Business (www.italianbusiness.org/thevoiceofbusiness) è l’ultimo progetto lanciato da Italian Business & Investment Initiative, la piattaforma di comunicazione e relazione permanente tra Italia e Stati Uniti d’America che Fernando Napolitano ha lanciato nel 2011 e che comprende l’evento annuale a New York The International Business Exchange, la scholarship Best Program e l’indice IRG – Influence, Relevance & Growth.

“L’Italia è l’unica grande economia al mondo che non ha uno strumento in inglese per parlare di sé. Sono altri a raccontare al mondo chi siamo, in maniera certamente onesta, ma senza la nostra guida. Il risultato è essere percepiti come un Paese molto più rischioso di quanto siamo. Con la leadership nasce una responsabilità, la comunità di business deve dare voce alle attività che creano occupazione, conoscenza e ricchezza. Il tempo è maturo per fornire ai nostri osservatori internazionali e partner i dati per comprendere nel dettaglio i tratti di economie diversificate e resilienti ma complesse come quella italiana ed europea. L’Italia è la 38ma destinazione degli investimenti Usa. Viceversa, le PMI italiane hanno bisogno di capitali e competenze per fare scala e competere sui mercati internazionali”, è convinto Napolitano.

Gli interventi dei Ceo saranno anche rilanciati dagli account social personali e aziendali dei contributor. Nella prima fase, ogni tre giorni sarà diffuso un contributo scritto, in seguito verranno caricati dei video. A oggi sono pronti per la pubblicazione 60 testi redatti da altrettanti thought leader italiani, europei e americani. Diventeranno 100 entro la fine di giugno 2019 e saranno pubblicati nel corso del 2019. Sono previste sponsorizzazioni sui social network volte a costruire una community on line (Partner, Ceo, General Manager, VP, President, Business Development), con primo target geografico focalizzato sull’area della Greater New York e su business da 50 dipendenti fino a +10.000 nei settori finanza, private equity, energia, farmaceutica, digital, oil & gas, commercio. Un video di Fernando Napolitano lancerà l’iniziativa.