DIGITAL

35 milioni di italiani passano due ore sui social network


01.02.2019

Il nuovo report Digital 2019 promosso da We Are Social e Hootsuite

We Are Social, la socially-led creative agency e Hootsuite, piattaforma di social media management, lanciano Digital 2019, l’annuale report che analizza lo scenario social e digital a livello globale e locale, prendendo in esame 230 distinti Paesi.

Per quanto riguarda l’Italia, la ricerca – alla sua ottava edizione – rivela che nel 2018 sono stati 11 milioni i nuovi utenti online, per un totale di 54.8 milioni di persone che accedono a Internet, quasi la totalità della popolazione.

In Italia gli utenti Internet sono quasi 55 milioni, vale a dire oltre 9 italiani su 10; il 92% delle persone guarda video online, a conferma di una tendenza che vede già dall’anno scorso la crescita continua di questo formato; la tecnologia voice sta iniziando a diffondersi, come dimostra il 3o% degli utenti Internet che utilizza almeno un servizio controllato tramite la voce; anche il mondo gaming non è da sottovalutare: un italiano su 6 gioca in modalità streaming live, mentre l’11% guarda altri gamer giocare online, il 5,4% in relazione a campionati di e-sports.

 

 

“In Italia i canali social e digital si confermano un punto di riferimento per informazione, intrattenimento e conversazione. In linea con i Paesi occidentali, anche gli italiani stanno sviluppando grande attenzione per temi importanti legati alla loro vita online, come il controllo della propria privacy e la scelta di fonti di informazione affidabili. Interessante notare, oltre all’aumento del numero di utenti social media, la crescita di comportamenti legati a nuovi formati di fruizione e a tecnologie relativamente nuove, come le ricerche vocali, l’interazione con intelligenza artificiale, l’e-gaming e le sue varie declinazioni. La maggiore attenzione da parte delle persone per la comunicazione social e digital, e l’aumento dei punti di contatto, rendono fondamentale che i brand conoscano profondamente le esigenze delle persone a cui si rivolgono: l’unica via per stabilire una connessione e avere un impatto positivo attraverso la creatività”, commentano Gabriele Cucinella, Stefano Maggi e Ottavio Nava, Ceo We Are Social.

“Sebbene nel 2018 i social media siano stati sotto la lente di ingrandimento e si sia registrata una diminuzione della fiducia da parte delle persone, vediamo che queste ultime continuano a trascorrere sempre più tempo sulle piattaforme – la media giornaliera nel mondo è di 2 ore e 16 minuti, circa un settimo delle ore di veglia – afferma Penny Wilson, CMO di Hootsuite -. Ma per stimolare l’attenzione dei consumatori, i brand hanno bisogno di ripensare le modalità con cui interagiscono sui canali social. Devono fare attenzione alla privacy dei propri clienti e, allo stesso tempo, creare connessioni dirette grazie a contenuti interessanti e al passo con le loro esigenze mantenendo un approccio autentico in grado di riflettere i valori del brand”.

 

 

Social media
In Italia sono 35 milioni le persone attive sulle piattaforme, di cui 31 milioni quelli che accedono da mobile, canale che conferma il suo ruolo fondamentale; le persone trascorrono in media sui social network un tempo di poco inferiore alle 2 ore ogni giorno; la piattaforma social più attiva si conferma YouTube, seguita da WhatsApp e Facebook.

Mobile
Quasi tutti gli abitanti del nostro paese possiedono un telefono cellulare (97%). Il 76% ha uno smartphone; l’87% degli italiani utilizza device mobili per attività di messaggistica, mentre lato intrattenimento la fruizione di contenuti video da mobile interessa 4 italiani su 5 e il gaming un italiano su due.

E-commerce
La crescita nell’utilizzo di Internet sta trascinando anche l’e-commerce: i tre quarti di tutti gli utenti di Internet ha dichiarato di aver acquistato nell’ultimo mese prodotti o servizi online, il 42% grazie a un dispositivo mobile; la spesa totale online per i beni di consumo durante il 2018 è stata di 15,63 miliardi di dollari, con un incremento del 13% rispetto all’anno precedente.

Per il report completo clicca qui