MEDIA

Radio 24 chiude il 2018 meglio del mercato e nel 2019 compie 20 anni


24.01.2019
Di Claudia Cassino
Fausto Amorese

Radio 24 ha chiuso il 2018 con una crescita della raccolta pubblicitaria superiore all’andamento del mercato (che ha registrato un incremento del 5,5% secondo FCPAssoradio, vedi notizia). A trainare la crescita è stata la ripresa degli investimenti del settore Finance (in particolare dei prodotti banca-assicurazione) e le campagne di comunicazione a sostegno dell’avvio della fatturazione elettronica.

“Un trend che ha interessato tutto il mezzo radio negli ultimi mesi dell’anno e di cui ha beneficiato in particolare Radio 24, grazie alla forte affinità del suo profilo d’ascolto sul target di riferimento”, spiega Fausto Amorese, Direttore Commerciale Radio di 24 Ore System, la concessionaria di pubblicità del Gruppo 24 Ore guidata dal Direttore Generale Federico Silvestri.

“La nostra proposta commerciale mista di tabellare, eventi speciali e sponsorizzazioni ha raccolto il consenso degli investitori e il prezzo medio è aumentato”, continua Amorese. Molto positivi anche i risultati di Radio Kiss Kiss, entrata nel portafoglio di System da un anno e che nel primo semestre 2018 ha sfiorato i 3 milioni di ascoltatori.

“Rispetto al primo semestre 2017 gli ascolti di Kiss Kiss sono cresciuti del 20% nel giorno medio e del 77% nel quarto d’ora medio, con un aumento della durata di ascolto, della fedeltà e della copertura. Abbiamo lavorato sul riposizionamento della radio tra le emittenti big e ci auguriamo che i risultati di ascolto annuali, in uscita il 29 gennaio, confermino questo dato”, precisa Amorese, dichiarandosi aperto all’ingresso di nuove radio in portafoglio e sempre “in cerca di altre concessioni”.

Quanto a Radio 24, “la radio più scaricata d’Italia”, continua a evolversi nell’ottica di ‘content provider’ grazie a collaborazioni come quella con Audible che proseguirà anche in futuro. Dietro l’angolo, infine, c’è un compleanno molto importante. “A ottobre 2019 Radio 24 compirà 20 anni e abbiamo allo studio un progetto di comunicazione molto articolato”, conclude Amorese.