DIGITAL

Friendz lancia nuovi prodotti e apre al marketplace fotografico


23.01.2019
Di Fiorella Cipolletta
Il team di Friendz

La community social di persone comuni che raccontano i brand in pochi anni è diventata un canale di marketing fondato sulla forza e sulla fiducia dei legami personali degli utenti

Mettersi in gioco sui social network e divertirsi scattando foto che raccontino una storia, la loro o quella di un brand, in cambio di crediti convertibili in buoni da spendere nei più noti negozi online.

Questo è Friendz, società nata nel 2015 dall’intuizione di Cecilia Nostro, Daniele Scaglia e Alessandro Cadoni, a cui successivamente si è aggiunto Giorgio Pallocca in qualità di CTO.

L’idea di Friendz fa leva sulle semplici necessità delle persone: ego, competizione e valori di appartenenza. Friendz, infatti, è un’app che permette di accorciare le distanze tra brand e consumatori attraverso i profili social privati delle persone, coinvolgendo quotidianamente la community di 270.000 persone comuni in Italia e 50.000 in Spagna. Un’idea tanto semplice quanto impegnativa, fondata sulla forza e sulla fiducia dei legami personali: portare il ‘passaparola’ dall’offline all’online.

“Le persone in Friendz diventano veri e propri storyteller – commenta Cecilia Nostro, co-founder di Friendz -. I loro messaggi e foto sono spontanei, genuini e credibili. Sono consumatori e allo stesso tempo produttori che diventano ambassador dei brand alla conquista di altri utenti perché creati e condivisi dalle persone stesse con il loro pubblico di amici e conoscenti”.

Il salto decisivo da progetto ad azienda è stata resa possibile da un’ICO (Initial Coin Offering) lanciata per immettere sul mercato la propria cryptovaluta – i FriendzCoin – che ha permesso di raccogliere i fondi necessari per ampliare e strutturare l’azienda ‘blockchain friendly’, il cui team ha una media d’età under 28. Nel 2018 Friendz lancia una campagna internazionale che le permette di raccogliere 24 milioni di dollari.

Subito dopo l’ICO arrivano Elia Blei come General Manager Italia e Pietro Cassago come CFO – e, ben presto, quella che era solo un’idea su carta è diventata una realtà imprenditoriale che oggi conta collaborazioni con oltre 200 brand multinazionali e un team in continua espansione di oltre 50 dipendenti, distribuito tra gli uffici di Chiasso, Milano, Madrid e Roma.

Nella ‘fabbrica’ di Chiasso si trovano i reparti tecnici (AFC, Community, R&D e Operation), mentre a Milano e Madrid sono riunite le squadre che aiutano i brand a far fruttare al meglio tutti i servizi Friendz, creando delle strategie a tutto tondo per loro. A Roma, invece, resta la base operativa degli sviluppatori.

 

Gamification e social contest la sua forza

 

L’attività principale che Friendz fa svolgere ai suoi utenti è la produzione di contenuti fotografici – User Generated Content – su richiesta delle aziende, dando in cambio crediti spendibili nei principali e-commerce.

La vera forza degli UGC non risiede solo nella produzione del contenuto, ma soprattutto nella sua successiva pubblicazione sui profili Facebook ed Instagram degli utenti, permettendo così di raggiungere milioni di persone. Non si tratta solo di fotografie, ma anche di Instagram Stories, Boomerang, Rewind e brevi video che, una volta creati, vengono validati dagli approvatori Friendz per garantire la brand safety.

“Le capacità e le potenzialità della Community, però, non si esauriscono solo con la produzione di contenuti – sottolinea Blei -. Infatti Friendz sta ampliando e diversificando la quantità e la tipologia di servizi da offrire ai propri clienti. Gli utenti vengono coinvolti in numerose attività, che spaziano dalle Ricerche di Mercato ai Contest, dai Drive To Store ai quiz in tempo reale, fino ad azioni social per amplificare la copertura dei post istituzionali delle aziende o le loro fanbase”.

Gaming Platform Social, prodotto sviluppato in casa Friendz che offre ai clienti una soluzione di follower acquisition ed engagement generation su misura grazie alle logiche di gamification presenti al suo interno, e Social Contest lanciato con ZooCom, un nuovo servizio ibrido, capace di congiungere i prodotti di punta ed esaltarne i rispettivi punti di forza, hanno lo scopo di mantenere attivo l’utente all’interno dell’app agendo sull’‘ego-social’ con l’obiettivo di conquistare follower e creare engagement.

Questi prodotti insieme a Photo on Demand, un servizio di produzione e acquisizione di contenuti fotografici su misura, creati dalla community dell’app, e a Quiz Time – un real time quiz le cui performance sono garantite dalla gamification, mettono alla prova ogni giorno l’esercito di Friendz: persone tra i 18 ed i 55 anni, rappresentative della popolazione Italiana connessa ad internet.

La community compie mensilmente 9.742.000 interazioni, 1.000.000 azioni social e risponde a 1.350.000 survey answers. Il database conta oltre 5 mln di foto che hanno ricevuto 5,5 bln d’impression.

“Un database che a partire da febbraio sarà trasformato in un marketplace: Flash – spiega Blei -. I clienti potranno fare una richiesta e poi decidere se acquistare i contenuti che sono liberi da diritti -. Per noi la tecnologia è fondamentale e strategica per continuare a crescere. Oltre a sviluppare nuovi prodotti vogliamo inglobare nuove start-up. La prossima sarà una giovane realtà specializzata in video”.