Gare

Just Eat ‘ordina’ una gara media globale. Sul piatto budget da 150 mln di euro


15.01.2019

Nel nostro Paese la società collabora con Address Media per il planning e con Byte London per il digital

Secondo la stampa estera, Just Eat avrebbe dato il via a una gara media a livello globale per razionalizzare le operazioni di marketing e adottare standard comuni in tutto il mondo volti a migliorare l’esperienza del cliente e stimolare la crescita.

La gara coinvolgerà 12 Paesi: tra i principali mercati nella quale la società di food delivery è presente Danimarca, Francia, Irlanda, Italia, Messico, Norvegia, Spagna e Svizzera, oltre a Australia, Nuova Zelanda e Canada, dove opera il marchio SkipTheDishes.

Nel nostro Paese Just Eat collabora con Address Media per il planning e con Byte London per il digital. Il budget in marketing di Just East, stimato circa 140 milioni di sterline, 150 milioni di euro, è gestito da più agenzie nei diversi Paesi.

Peter Plumb, AD di Just Eat dall’autunno 2017, ha dichiarato di voler investire di più in “marchi, dati e esperienza utente” mentre costruisce “un team globale digitale di livello mondiale”. Inoltre ha sottolineato l’importanza di creare un’esperienza cliente “personalizzata” per offrire agli utenti “il modo migliore e più semplice per trovare e ordinare il loro takeaway”. “I principali driver per la crescita degli ordini futuri sono il continuo investimento in marketing, che aiuta a guidare la brand awareness e a indirizzare il traffico del cliente verso le piattaforme del gruppo, e l’investimento in tecnologia, che assicura che le piattaforme siano stabili, sicure, efficienti e scalabili”, si legge nel report annuale dell’azienda.

Lo scorso anno Plumb ha nominato Peter Duffy, top marketer in easyJet, chief customer officer, con responsabilità riguardanti customer experience, marketing, digital, CRM, dati, machine learning e group operations.

A Duffy è stata affidata una vasta esperienza di customer experience che comprendeva marketing, digital, CRM, dati, apprendimento automatico e operazioni di gruppo. La società di food delivery ha incrementato del 29% gli investimenti in marketing, ossia 70 milioni di sterline nel primo semestre 2018.