CREATIVITY

Upa, la spesa adv chiude il 2018  a +1,7-1,8%. Stima 2019 a +0,8%


21.12.2018
Lorenzo Sassoli de Bianchi

Il Presidente Lorenzo Sassoli de Bianchi: “Gli investimenti pubblicitari continueranno a crescere per il quinto anno consecutivo. La mia fiducia nasce soprattutto dai giovani”

 

Upa ha rivisto le stime al rialzo degli investimenti pubblicitari per il 2018. In un’intervista rilasciata al Corriere della Sera e pubblicata ieri, il Presidente di Utenti Pubblicità Associati Lorenzo Sassoli de Bianchi ha affermato: “Avevamo stimato una crescita dell’1,5%, invece chiudiamo con +1,7-1,8%, grazie alla ripresa dell’economia che purtroppo negli ultimi 3 o 4 mesi ha frenato per l’incertezza legata alla manovra di Governo”. Secondo Sassoli, al fatto che gli italiani abbiano ridotto i consumi per risparmiare, fa da contraltare la proattività delle imprese, la cui fiducia non è stata intaccata, “almeno per ora”. Il Presidente di Upa si è dichiarato fiducioso anche per il 2019. “Gli investimenti pubblicitari continueranno a crescere per il quinto anno consecutivo – ha dichiarato -. Stimiamo un aumento dello 0,8%”. Saranno le medie aziende a trainare la crescita, mentre le multinazionali, che rappresentano il 25% del totale della spesa in adv nel nostro Paese, si manterranno stabili. Il Presidente di Upa vede in crescita la tv generalista, il digitale, che chiude l’anno in corso a +7%, la radio con un buon andamento, mentre la stampa, sebbene in sofferenza, rallenta il calo. “Il problema è strutturale, con il continuo travaso degli investimenti dalla carta a Internet”, ha commentato Sassoli, convinto che servano “incentivi economici, morali e sociali”. I primi sono difficili da trovare, considerato il grosso debito pubblico dell’Italia, quelli morali possono derivare dalla lotta all’evasione fiscale, mentre gli incentivi sociali significano “l’assunzione di giovani al posto del reddito di cittadinanza. La mia fiducia nasce soprattutto dai giovani. I Millennials sono una generazione consapevole, piena di iniziative, intelligente, senza pregiudizi, alla disperata ricerca di valori”, ha concluso Sassoli.