MEDIA

L’inverno 2019 della Rai punta su Sanremo, grande calcio e fiction


29.11.2018

L’offerta pubblicitaria di Rai Pubblicità vede crescite tariffarie più contenute e la possibilità di pianificare il nuovo target commerciale Spendenti 3.0

Il gruppo Rai si appresta a chiudere una stagione autunnale da record con diverse frecce ancora al suo arco come la serie L’amica geniale, due partite di Champions’ League, due serate di Sanremo Giovani con la conduzione di Pippo Baudo e Fabio Rovazzi e molto ancora.

Il 2019 si apre con un palinsesto ricco di novità con grandi appuntamenti e Top Event di assoluta rilevanza. Dopo l’edizione 2018 che ha stracciato i risultati degli ultimi 10 anni, dal 5 al 9 febbraio la 69° edizione del Festival di Sanremo torna con il Baglioni-bis, gara rivoluzionata e nessuna distinzione tra ‘big’ e ‘giovani’.

A seguire Il nome della rosa, l’epica storia del romanzo di Umberto Eco diventa un ambizioso serial e conferma la nuova dimensione internazionale delle produzioni di Rai Fiction con una parata di stelle come John Turturro, Rupert Everett, Fabrizio Bentivoglio e Greta Scarano. I Top Event continuano con Il Commissario Montalbano con due episodi inediti: L’altro capo del filo e Un diario del ’43.

E poi il grande calcio Rai, che quest’anno a partire da gennaio vedrà grandi protagoniste la Coppa Italia e la Super Coppa Italiana. Tra febbraio e marzo si aggiungono quattro match degli ottavi di Champions’ League e due incontri di qualificazione della Nazionale, che dopo gli incoraggianti risultati del 2018 guarda con fiducia a Euro 2020.

La fiction rappresenta un asset fondamentale e distintivo per i nostri canali e il periodo gennaio-marzo vede tante altre novità ai blocchi di partenza.

Rai1 mette in campo la lunga serialità con La Compagnia del Cigno ambientata al Conservatorio di Milano con Alessio Boni, Anna Valle e Giovanna Mezzogiorno e la 5a stagione di Che Dio ci aiuti. Tra i tv movie, i nuovi episodi del ciclo Purché finisca bene nel quale spicca l’episodio L’amore, il sole e le altre stelle con Vanessa Incontrada.

Da non perdere inoltre il ritorno di Beppe Fiorello con Il mondo sulle spalle e l’omaggio a Mia Martini con Io sono Mia, interpretata da Serena Rossi.

Rai2 schiera la 2a stagione de La porta rossa, fiction rivelazione del 2017 con Lino Guanciale e Gabriella Pession e Suburra, prima produzione italiana di Netflix, con Alessandro Borghi.

Novità anche per quanto riguarda la serialità americana, dopo gli ottimi ascolti della scorsa estate arriva su Rai1 la 2a stagione di The Good Doctor, mentre Rai2 può contare su due novità assolute come 9-1-1 e FBI.

Il venerdì sera si conferma la serata del grande intrattenimento di Rai1 con il ritorno di Superbrain condotto da Paola Perego, e prosegue con la 2° edizione del teen music talent Sanremo Young di Antonella Clerici.

Sul finire della stagione prenderanno il via le nuove puntate de La Corrida con Carlo Conti e i suoi dilettanti allo sbaraglio. Dopo il successo del 2018 viene promosso al sabato il programma di Amadeus Ora o mai più, che dà una nuova chance a one hit wonders e cantanti dimenticati.

A seguire Milly Carlucci riaprirà le porte della pista di Ballando con le stelle. Mercoledì 27 marzo appuntamento con gli Oscar del cinema italiano, il David di Donatello 2019, con la conduzione di Carlo Conti.

Tantissime le novità per Rai2 che sperimenta nella serata del martedì un’originale prime time diviso in due parti all’insegna della comicità. Alle gag senza copione di Ale e Franz in ImprovviseRai si alterneranno prima Ubaldo Pantani e i suoi alter ego in Io e lui e a seguire Lillo e Greg e i loro speciali di 6 1 0, storico programma radiofonico di Rai Radio2.

Il giovedì sarà invece dedicato ai teenagers con la 3° edizione de Il collegio, ambientata nel 1968, e le nuove puntate de Il supplente. Ma anche Rai3 ha tante frecce al suo arco, la serata del giovedì è quasi tutta all’insegna della musica con Il romanzo della canzone italiana e lo speciale dedicato a Mina; mentre da fine marzo ci sarà il ritorno della Raffa nazionale con un format di grande successo La mia casa è la tua.

La cultura è ancora al centro dell’attenzione: Matera, Capitale Europea della Cultura, è protagonista di uno speciale su Rai1 sabato 19 gennaio e di tante altre iniziative che per tutto il 2019 coinvolgeranno anche Rai5 e Rai Storia. Alberto Angela tornerà ad affascinare il pubblico a partire da marzo con la nuova edizione di Meraviglie, viaggio tra i Patrimoni UNESCO d’Italia. Nel sabato di Rai3 Mario Tozzi parte alla scoperta del territorio e della sua storia in Sapiens.

Rai4 fa il pieno di film e serie in prima tv free, tra cui spiccano Britannia e Babylon Berlin, oltre alle nuove stagioni di X-Files, Vikings e Scorpion e il ritorno di Criminal Minds.

Rai Movie conferma la sua proposta con un ciclo per ogni serata e, anche quest’anno, sarà in prima linea sul red carpet del David.

Rai Premium propone tutto il meglio della fiction e dell’intrattenimento Rai, compreso Sanremo, ma anche la serialità europea con le nuove stagioni di Isabel e il ritorno de Il giovane Montalbano.

 

L’offerta di Rai Pubblicità

 

Il listino 2019 (periodo 13 gennaio – 30 marzo) prevede crescite più contenute rispetto allo scorso anno con aumento del +5% sui canali generalisti, +10% sui canali Rai Gold (Rai4, Rai Movie, Rai Premium) e la conferma delle tariffe storiche sugli altri canali.

Confermata anche la stagionalità del listino composta da due periodi tariffari (gennaio-febbraio e marzo) e da promozioni sulle settimane di gennaio per agevolare la ripresa della domanda dopo le festività. Si consolida infine la nuova CSE 3.0 di Auditel che permette oggi di segmentare l’universo in base alla pura dimensione economica delle famiglie.

Raggruppando le classi Alta, Medio Alta e Media nasce il nuovo target Spendenti 3.0 che rappresenta il 70% della popolazione e l’85% del reddito nazionale, con elevata propensione al consumo e attenzione alla marca, che risulta essere di fatto la popolazione ideale per gli investitori pubblicitari e il target commerciale più efficace indipendentemente dall’età anagrafica.