SPEAKER'S CORNER

Il Pubblivoro – Quando La creatività racconta il cambiamento


19.11.2018
Di Giampaolo Rossi, Fabbrica di Lampadine
Giampaolo Rossi

Una caratteristica di questa epoca che stiamo vivendo è la velocità del cambiamento che non solo non ha precedenti ma ha un’accelerazione che sta continuamente aumentando. Il settore bancario, dopo secoli di stabilità, sta vivendo anni di continua turbolenza che rende necessaria la capacità di mutare frequentemente il modello di business. La comunicazione pubblicitaria è la manifestazione estetica dell’identità di un’organizzazione e quindi diventa molto interessante analizzare i nuovi spot delle banche per comprendere come e dove stanno cambiando.

ING con ‘Il nostro modo di essere green’ promuove l’accesso al credito mettendo in evidenza la sensibilità verso la sostenibilità. Lo spot è divertente e, nei primi venti secondi, divide la narrazione in tre quadri che rappresentano modi alternativi per rappresentare lo spirito green: l’autoproduzione di elettricità, l’alternativa al condizionamento e il risparmio del riscaldamento. I quadri sono veloci e ben fatti, tanto da non richiedere alcun commento scritto o parlato per spiegarne il senso. Ottima l’idea di creare uno stacco visivo negli ultimi dieci secondi per tornare seri e spiegare la filosofia del servizio di finanziamento. In questo modo l’ironia della prima parte non contamina la serietà della banca e del suo servizio. Il quadro con la macchina di Goldberg per rinfrescarsi con i gavettoni, particolarmente creativo e divertente, è il punto più alto della pubblicità.

 

 

BNL con la promozione del finanziamento per l’acquisto della casa effettua una scelta molto diversa. Infatti, la comunicazione qui è tradizionale e confortante. La casa e l’acquisto sono elementi fortemente legati al valore della famiglia e alla tradizione. Quindi la scelta di fare uno spot classico nel linguaggio, nella scelta delle inquadrature e nella scrittura in questo caso funziona molto bene. Non bisogna essere per forza innovativi e fare sempre qualcosa di disruptive. L’importante è che la produzione di uno spot classico sia una scelta consapevole e non un “facciamo così perché abbiamo sempre fatto così”. Qui l’unica eccezione è la scelta metaforica iniziale con la sottolineatura dell’immagine dell’uomo in giacca e cravatta con in braccio un neonato e la voce in sottofondo che dice “Oggi avere cura del domani è possibile”. Un buon ingaggio per lo spettatore, che è chiamato a destare l’attenzione per il prosieguo dello spot.

 

 

Ben fatta e ben riuscita è anche la pubblicità di Banca Generali che con ‘Tu l’hai creato, insieme lo proteggiamo’ promuove il servizio di private banking. Qui si vuole utilizzare la metafora classica e estremamente positiva dell’albero, senza però cadere nel banale e già visto. La scelta, molto creativa e azzardata, è di costruire un’atmosfera poetica. La poesia, qui, non ha nulla a che vedere con l’immagine della carta moneta ma acquisisce un significato se si pensa al denaro come uno strumento per realizzare i progetti futuri. La firma di questo spot è legata all’esperienza visiva ‘Like Instagram’, con grande attenzione alle inquadrature, alla fotografia e al dettaglio.