DIGITAL

Oath, best practice per un’efficace strategia di content marketing


12.11.2018
Christina Lundari

Oggi alle ore 15 il workshop dell’azienda del Gruppo Verizon

Nella prima giornata della manifestazione Oath è protagonista con un workshop dal titolo ‘Content marketing vs content publishing: drive audience action’. Al centro del messaggio di Oath il valore delle attività di content marketing per le aziende.

“Nonostante i brand oggi spendano quasi un terzo dei budget sul content marketing, i marketer spesso trovano difficile misurarne l’efficacia, in particolare in che modo il content riesce ad incidere sulla percezione del marchio – spiega Christina Lundari, General Manager di Oath Italia -. Cercheremo di spiegare come creare programmi integrati di content marketing, andando oltre l’attenzione sulle singole risorse, per raggiungere il massimo impatto”.

A settembre Oath ha lanciato una novità sul fronte delle piattaforme pubblicitarie.

“Il meglio di AOL e Yahoo è confluito in Oath Ad Platforms la cui performance è legata all’ampia disponibilità di dati di prima parte, grazie ai quali profiliamo le audience in modo preciso. Per gli inserzionisti Oath Ad Platforms integra in un’unica DSP il nostro algoritmo nei processi di acquisto omnicanale, su dispositivi mobili, video e native. Per gli editori, offriamo una suite di prodotti volti a massimizzare user experience e revenue, attraverso il contatto con inserzionisti premium in Italia e nel mondo” continua Lundari. “Un altro ambito importante è la piattaforma di video syndication, attraverso la quale mettiamo a disposizione una library molto vasta di video premium e la tecnologia per poterli utilizzare e monetizzare su siti propri o di terze parti. Per consolidare la nostra offerta in ambito di video premium abbiamo stretto una partnership con Warner Music, e per l’influencer marketing continua la nostra collaborazione con AdMingle, già avviata lo scorso anno. Entrambe hanno dato al business italiano un’importante spinta nel 2018”.

Oggi quindi Verizon ha a disposizione una media & technology company con asset importanti per il mercato dell’advertising. Ma Verizon significa anche 5G: la società negli Stati Uniti da settembre ha iniziato il roll out nelle prime città.

“La nuova rete rappresenta un futuro non lontano e rivoluzionerà il nostro modo di vivere, far business, comunicare e far pubblicità. Oath è in prima linea per sfruttare le opportunità offerte dalla nuova rete, che sarà presto disponibile anche in Italia” conclude Christina Lundari.