CREATIVITY

Creatività e tecnologia in connessione alla quinta edizione di IF! Italians Festival


26.10.2018
Di Andrea Crocioni

Palazzo Marino, il cuore politico milanese, ha ospitato ieri la conferenza stampa della quinta edizione di IF! Italians Festival, a due settimane dall’apertura della manifestazione che animerà il BASE Milano dall’8 al 10 novembre.

Una scelta non casuale quella della location della presentazione che rinsalda il legame fra il Comune di Milano e l’evento internazionale dedicato alla creatività, organizzato e promosso da ADCI – Art Directors Club Italiano e Assocom in partnership con Google.

“Quest’anno – ha detto Emanuele Nenna, presidente di Assocom – siamo riusciti a impostare un dialogo con le istituzioni così da trasformare un semplice patrocinio in una partnership”.

Significativa la presenza di Cristina Tajani, assessore alle Politiche per il Lavoro, Attività produttive, Commercio, Moda e Design del Comune di Milano, che nell’occasione ha voluto ricordare il rapporto intenso e indissolubile fra la città e la creatività, in tutte le sue declinazioni.

L’edizione di quest’anno si conferma molto ricca e multi sfaccettata grazie ai contributi di personalità di mondi diversi tra loro ma tutti accomunati dal pensiero umano, che durante tutto l’evento si impegneranno a declinare e approfondire il tema della Human Intelligence, focus di questo IF! ‘numero 5’.

“Indagheremo il rapporto fra intelligenza umana e artificiale, ricordando sempre che la macchina rappresenta un aiuto, ma al centro di tutto c’è il pilota, ovvero l’uomo. Su questo fil rouge abbiamo costruito un articolato piano editoriale”, ha affermato Alessandra Lanza, Direttore Generale della manifestazione e membro del comitato organizzatore con lo stesso Nenna, Nicola Lampugnani, Davide Boscacci, Stefano Capraro e Marianna Ghirlanda.

Il comitato organizzatore

“Cambiamo location e abbiamo deciso di sfruttare al massimo le potenzialità di un luogo di cultura come il BASE, confermando il senso di un evento come IF! che fra i suoi pilastri ha il networking, la formazione e l’intrattenimento”, ha chiarito Lanza. Il supporto di partner importanti è la testimonianza del valore di questo evento.

Il patrocinio del Comune di Milano, ad esempio, si inserisce in un percorso di valorizzazione territoriale che accoglie le esperienze internazionali ma conferisce assoluta qualità ai talenti nostrani mentre il sostegno di Google, al fianco di IF! sin dalla prima edizione, quest’anno più che mai incarna perfettamente il tema contribuendo con spunti utili a sottolineare quali grandi opere possano nascere dall’interazione tra tecnologia e pensiero.

“Noi ci sentiamo partner di questa industry”, ha esordito Paola Marazzini, Agency & Strategic Clients Director di Google in Italia.

“Vogliamo essere degli abilitatori, cercando di condividere le opportunità che la tecnologia mette al servizio dei creativi”, ha continuato, ponendo in evidenza la grande attualità di un tema come il machine learning e dell’intelligenza artificiale e le sue connessioni con la creatività e l’intelligenza umana che aprono scenari tutti da esplorare.

“La missione delle nostre associazioni – ha aggiunto Nenna – è portare a un livello più alto e di maggiore consapevolezza il mercato. Un mercato più ispirato, più colto, funziona meglio per tutti”.

Sabato sera, nell’ambito della manifestazione, si terrà la cerimonia di premiazione degli Adci Awards.

“Si tratta di un premio che serve a creare un benchmark per il settore”, ha ricordato Nicola Lampugnani, Vice Presidente dell’Art Directors Club Italiano.

“Condensiamo il meglio di un anno di creatività italiana e questo è anche un modo per raccontare l’evoluzione del nostro mestiere – ha chiarito -. Il Club deve accompagnare questa evoluzione e vivere questo cambiamento senza timore. Oggi se Adci lavora bene riesce a interpretare il mondo della creatività per come questa si sta ponendo rispetto a un lavoro che si è modificato. Non è un caso che molti creativi siano oggi impegnati in contesti che non sono prettamente pubblicitari. Questi profili sono ricercati, dai centri media, dai broadcaster, dalle società di consulenza e anche dai giganti della tecnologia. Noi dobbiamo essere bravi a rappresentare questo nuovo scenario. Un altro aspetto importante per noi è quello di uscire da una logica ‘Milanocentrica’: lo stiamo facendo con i local ambassador. In tutto questo IF! rappresenta un connettore in cui si ritrovano tutte queste istanze, un punto di riferimento di valore per tutto il settore. Questa è la cosa più importante”.

A coronare il ricco palinsesto di contributi, talk e tavole rotonde che animeranno le giornate di venerdì 9 e sabato 10 novembre anche un percorso dedicato alla formazione.

Tanti i temi trattati da importanti brand nazionali e internazionali sulle varie declinazioni del pensiero creativo e dedicati a varie tipologie di pubblici: dagli studenti ai navigati professionisti della comunicazione, dai nativi digitali a chi ha deciso di scendere a patti con la tecnologia.

Il programma completo su 2018.italiansfestival.it/programma.