CREATIVITY

Assocom con Upa per ‘educare’ il mercato su creatività e risultati


19.09.2018
Di Valeria Zonca
Alberto Coperchini, Emanuele Nenna e Lorenzo Sassoli de Bianchi

Le due principali associazioni italiane della comunicazione – Assocom, che rappresenta le agenzie creative, e Upa, che rappresenta gli investitori – uniscono le forze per portare in Italia gli Effie Awards (vedi sotto).

Lo spirito non è tanto quello di lanciare un altro premio ma di “educare il sistema della comunicazione a un metodo operativo che fissi obiettivi chiari e che riesca a misurare con precisione i risultati raggiunti aiutando aziende e agenzie a prendere le decisioni più appropriate a seconda dei Kpi”, ha introdotto il presidente Upa Lorenzo Sassoli de Bianchi ieri a Milano, durante la presentazione alla stampa della nuova iniziativa, che sarà “uno stimolo di miglioramento per le aziende e contribuirà a una maturazione del mercato”.

“Solo quando gli obiettivi dei clienti e quelli delle agenzie si confrontano, il nostro lavoro può essere valorizzato e retribuito in modo corretto. Il premio è un asset che può farci fare un passo in avanti perché può fare cultura sulla comunicazione che funziona: non mi aspetto il pieno di iscrizioni il primo anno ma la strada è stata tracciata”, ha aggiunto Emanuele Nenna, presidente di Assocom, che a margine dell’evento ha dichiarato: “Entro fine 2018 è prevista la fusione con Unicom e stiamo lavorando alla creazione degli hub verticali in ambito promozioni e retail. Assocom è tornata ad avere candidature spontanee, cosa che ci ha fatto superare i 100 associati: con la fusione cresceremo numericamente e territorialmente. Abbiamo alzato l’asticella aprendo tavoli sempre più ‘politici’ come quello con Confindustria relativamente ai contratti di lavoro. Il prossimo obiettivo è IF! dall’8 al 10 novembre a Milano che sarà un’edizione ancora più ricca e internazionale”. Unico neo di un percorso in pieno sviluppo è il mancato rientro nell’associazione del mondo Wpp.

Sassoli, commentando i dati Nielsen usciti l’altro ieri e relativi ai primi sette mesi 2018 (progressivo +2,3%, rispetto allo stesso periodo del 2017), si aspetta “un autunno meno tonico, perché la performance del mese di luglio ha beneficiato positivamente dell’effetto dei Mondiali di calcio, ma la previsione di chiusura anno a +1,5% resta confermata”.

Per il 2019 il presidente Upa ha dichiarato che sarà decisiva la Finanziaria: “Bisogna vedere se alimenterà o penalizzerà i consumi: tutte le manovre che porteranno soldi nelle tasche degli italiani sono positive, non certo l’aumento dell’Iva”.


Gli Effie Awards arrivano in Italia

Effie Awards premierà le campagne di comunicazione che hanno raggiunto i migliori risultati di performance all’interno del proprio ambito, in base a obiettivi ben definiti e dichiarati.

Sulla base della mappatura organica e razionale realizzata lo scorso anno da Upa dei Kpi con 351 indicatori, 14 obiettivi di marketing, 8 strumenti di comunicazione, saranno definite circa 12 categorie: per ognuna si assegneranno oro, argento e bronzo (anche più di uno), mentre il Grand Effie sarà selezionato tra gli ori (ma non sarà assegnato obbligatoriamente).

Il premio è aperto ad aziende, agenzie e centri media: potranno concorrere tutte le iniziative di comunicazione che abbiano un percorso ottimale di costruzione e sviluppo della strategia, obiettivi costantemente monitorati, misurazione e raggiungimento dei risultati con più o meno successo.

La Giuria, presieduta da Alberto Coperchini, global media director di Barilla, sarà composta da rappresentanti di agenzie, aziende, media e istituzioni accademiche.