CREATIVITY

AW LAB amplifica la voce delle nuove generazioni. Al via la brand campaign


02.08.2018
Di Andrea Crocioni
Domenico Romano

di Andrea Crocioni

Tutti i brand hanno l’ambizione di parlare ai millennials. AW LAB, global retailer di riferimento per lo sport-style, in questo 2018 ha vinto la sfida di coinvolgerli e renderli protagonisti della propria comunicazione, non cadendo nella trappola dell’autoreferenzialità che spesso porta i reparti marketing delle aziende fuori strada e lontano dagli obiettivi.

L’impegno dell’insegna in questo caso è palese: non imporre un proprio messaggio, ma lavorare su diversi territori – che siano i punti di vendita, o le ‘praterie’ digitali – per coinvolgere i ragazzi e confezionare per loro uno spazio di espressione.

“Abbiamo scelto un approccio molto forte, consapevoli del fatto che c’è un vuoto da colmare”, spiega a Today Pubblicità Italia il direttore marketing Domenico Romano.

“AW LAB si propone come amplificatore della voce dei millennials”, sottolinea il manager.

L’intenso lavoro di questi mesi avrà il suo coronamento il prossimo 16 agosto con l’uscita della campagna ‘AW LAB Generation’, i cui protagonisti saranno sei giovani selezionati attraverso il maxi casting europeo ‘AW LAB is me’, preceduto dalla call to action ‘Selected by’ che ha coinvolto influencer e personaggi che rappresentano un punto di riferimento per le nuove generazioni, come il cantante Stash dei The Kolors.

“Durante i nostri eventi speciali, che si sono svolti tra Milano, Roma, Barcellona, Praga e Madrid, sono stati scelti i sei social ambassador che saranno protagonisti di videospot dal carattere più commerciale e di docu-film che invece vogliono raccogliere il punto di vista dei millennials su cultura, arte, integrazione, diversità e su tante altre tematiche, così da raccontare i valori di una generazione”, dichiara Romano.

“I casting – prosegue – sono stati un successo, visto che a ogni appuntamento hanno preso parte più di 500 persone. Negli store sono arrivate più di 2.000 persone. Alla fine 500 ‘provini’ selezionati sono stati messi online. Se consideriamo tutto il processo che ha portato alla campagna abbiamo raggiunto le 10 milioni di impressions”.

‘AW LAB Generation’ avrà il suo focus sui media digitali e sui social, oltre che una ripresa sul territorio all’interno dei flagship store.

 

 

“Il nostro approccio punta a riposizionarci da retailer a broadcaster – chiarisce Romano -. Per questo lavoriamo costantemente per sviluppare format che consentano di creare spazi di comunicazione nuovi per il nostro target, passando per i social, per gli store, ma anche da un’iniziativa particolare come il trimestrale cartaceo Play. Tutto passa dalla scelta di una linea editoriale precisa, da una strategia orientata alle donne e da un tone of voice femminile che però vuole parlare a tutti, facendo leva su una precisa sensibilità e sull’impronta lifestyle e fashion che ci contraddistingue nel panorama dei retailer. L’attenzione ai contenuti è per noi la base per creare un dialogo diretto con i nostri consumatori”.

Sul fronte delle partnership AW LAB si è avvalsa della collaborazione di diverse agenzie: Sartoria, 100 Gradi, Piano B.

“La brand campaign sarà curata da Golab – ha concluso il direttore marketing -. Su ogni progetto selezioniamo il partner con le competenze più adeguate, consapevoli del fatto che a mantenere la coerenza c’è la direzione strategica che viene studiata dal team interno all’azienda”.