DIGITAL

Intel festeggia 50 anni e punta a diventare leader nell’e-sport


19.07.2018
Nicola Procaccio

di Fiorella Cipolletta


Ieri Intel ha festeggiato i suoi primi 50 anni. Fondata nel 1968 Intel, leader mondiale nell’innovazione del computing, da cinquant’anni progetta e sviluppa le tecnologie essenziali alla base dei dispositivi informatici di tutto il mondo.

Conosciuta per i processori, Intel da cinquant’anni innova ai confini della tecnologia per rendere possibili esperienze straordinarie per le aziende, la società e le persone. In questi anni la società si è trasforma ed è cambiato profondamente anche il ruolo dell’azienda nell’ecosistema digitale.

Ieri nel celebrare l’importante anniversario Nicola Procaccio, direttore marketing Emea e country lead Italia ha dichiarato: “Il compleanno di Intel è proprio oggi, ma oggi è solo l’inizio. Insieme festeggiamo 50 anni di innovazione concretizzando la promessa di creare un futuro migliore. Negli ultimi mesi Intel ha mostrato il profondo cambiamento del proprio posizionamento: da PC company, oggi Intel è diventata una Data company – spiega Procaccio -. Questa trasformazione significa che da società focalizzata sul mercato dei PC Intel si pone sempre più come fornitore di tecnologia per abilitare il flusso di dati che contraddistingue la nostra società”.

L’evoluzione di Intel non si ferma qui ed “entro il 2020 ci poniamo l’obiettivo di posizionare il brand come leader nell’e-sport – continua Procaccio -, potenziando il mondo del gaming professionale e aumenteremo il focus su PMI e sui notebook/tablet”.

Quest’anno Intel torna alla ribalta al Lucca Comics & Games in collaborazione con ESL.

“Sul gaming poniamo molta attenzione – continua Procaccio – e stiamo puntando su Intel Optane Memory pensato per accelerare le funzionalità del PC e per gestire i dati e i programmi maggiormente utilizzati dall’utente, favorendo al massimo l’accesso veloce ai contenuti. Utilizzando Intel Optane Memory, è possibile ottenere un evidente miglioramento nelle prestazioni del PC per lo svolgimento di diverse operazioni, soprattutto per le performance dello live streaming gaming, ottenendo velocità e flessibilità per giocare. Oggi videogiocare significa giocare in live streaming e interagire con tutti i membri della community dei videogiocatori e quindi riteniamo che tutte le nostre tecnologie abbiamo quella capacità di calcolo necessaria per offrire agli utenti il massimo in termini di prestazioni”.

Intel però non è solo gaming e la società per il prossimo anno continuerà a focalizzarsi su PMI e consumatori.

“Anche nel 2019 continueremo ad affiancare PMI e consumatori con i nostri strumenti. E continueremo a comunicare combinando insieme offline e online. In Italia, a differenza degli altri paesi europei – spiega il manager – la ricerca dei prodotti viene fatta online, ma poi il consumatore ha bisogno del negozio per terminare l’acquisto. Per questo i nostri investimenti in pubblicità si concentreranno su entrambi i mezzi. A settembre lanceremo una campagna di co-marketing con Microsoft per il back to school che poi tornerà a dicembre per il black Friday e sarà on air sino ai primi di gennaio”.

Per festeggiare i 50 anni Intel si prepara a lanciare una serie di appuntamenti sul territorio. A settembre la società sarà presente alla Fashion Week e a ottobre sarà la volta dello Smau a Milano con la promessa di creare un futuro migliore.