CREATIVITY

Femminilità e Bellezza fanno rima con Creatività


25.06.2018
Michelle Lee, Katy Alonzo, Ukonwa Oji e Issa Rae

 di Eugenia Morato


Il ruolo delle donne nella società sta evolvendo velocemente e per la prima volta nella storia le donne stesse stanno ridefinendo il concetto di femminilità. Ma anche di bellezza.

Nella giornata finale del festival, Michelle Lee, Editor in Chief di Allure, ha affrontato l’argomento in un seminario dal titolo ‘Can we redefine femininity with creativity?’, insieme a Katy Alonzo, Group Strategy Director di Droga5, Ukonwa Oji, senior VP di CoverGirl e l’attrice Issa Rae.

Per Covergirl, brand iconico di makeup negli Usa, la sfida più grande è superare gli stereotipi di genere e culturali.

“Ogni dichiarazione che facciamo sulla bellezza alla fine è anche una dichiarazione culturale – dice Oji -. Spesso diamo per scontato che la femminilità sia in funzione della mascolinità perché pensiamo che le donne si trucchino e indossino un bel vestito solo per impressionare un uomo, ma non è assolutamente così. Ecco perché vogliamo innescare un cambio di prospettiva”.

Katy Alonzo, Droga5, specifica che non si tratta per forza di cambiare i tratti da sempre considerati femminili, ma semmai bisogna espanderli ed elevarli.

“Quando guardiamo l’immagine di una donna in un beauty magazine, non ci sono mai riferimenti al contesto, non sai chi siano quelle donne, da dove vengano – dice -. Così sembrano tutte uguali, ma non lo sono assolutamente. Crediamo molto nel concetto di diversità e vogliamo spingere in avanti i confini della femminilità raccontando le loro storie”.

 

Clicca qui per tutti gli articoli relativi a Cannes Lions 2018