CREATIVITY

Per l’Italia altri 21 ‘colpi’ per far crescere il bottino di Leoni


20.06.2018
dav

Progetti in finale in Creative Data, Film, Pr, Direct e Media


di Andrea Crocioni

 

Non c’è dubbio, le agenzie italiane sembrano in perfetta sintonia con lo spirito di questo Festival di Cannes del ‘cambiamento’. Senza roboanti proclami alla vigilia, le sigle creative di casa nostra si stanno facendo onore e la soglia dei 20 Leoni raggiunta lo scorso anno, che appariva difficilmente replicabile quest’anno, sembra essere ormai alla portata. Sono in tutto 21, infatti, le shortlist conquistate dal nostro Paese nelle categorie Creative Data, Film, Pr, Direct e Media, con progetti che hanno buone possibilità di andare a prendersi metalli, anche pesanti.

Nei Film portiamo sei progetti in finale con quattro agenzie. Tre shortlist sono di Publicis Italia con ‘Keep The World Flawed’, ‘GWTF Poem’ e ‘Go with the Flaw’ (formalmente iscritto dalla Francia), tutti realizzati per DIESEL, che si conferma il brand ‘acchiappa Leoni’ di questo 2018. Apprezzato, con una nuova shortlist, il film ‘No More Empty Desk’ firmato da DLV BBDO per ‘Fare X Bene Onlus‘, con produzione di Filmmaster Productions. Gli altri due film finalisti sono: ‘Every person matters’ di Ogilvy per Emergency e ‘As I Really Am’ di The&Partnership per Toyota.

Sono cinque, invece, le shortlist nelle Pr: due vanno a McCann con il progetto ‘The Voice of Voices’ per il centro clinico Nemo, una rispettivamente a Publicis con ‘Go with the Fake’ per DIESEL, a ‘Trust Race’ di Verba per Audi e a ‘The Room’ di DDB Group per Ikea.

Sono ben otto le shortlist in Direct. Quattro vanno a ‘Go with the Fake’ di Publicis per DIESEL. Una al progetto ‘Dacia Auction’ di Renault, iscritta da OMD e con creatività di Publicis. Arriva in finale anche ‘Black Future Social Club’ di Dude per Netflix, operazione realizzata in occasione del lancio della quarta stagione di Black Mirror. Un posto in finale va anche per Leo Burnett con ‘McDelivery Shelter’ per McDonald’s. McCann, sempre con ‘The Voice of Voices’, conquista una shortlist anche in Direct e ottiene l’unico finalista italiano in Creative Data.

Una sola shortlist per il nostro Paese anche in Media, la conquista DDB Group, ancora una volta con ‘The Room’ per Ikea. Una curiosità: sempre nel Media si giocherà le sue chance di conquistare un Leone anche Vodafone Italia con il progetto ‘Face of Italy’, iscritto dalla russa Good Moscow. Infine, le note dolenti: nessuna agenzia italiana è riuscita a conquistare un shortlist nelle categorie Social & Influencer e Product Design.

 

 

Clicca qui per tutti gli articoli relativi a Cannes Lions 2018