DIGITAL

Doing cresce con più di 60 nuovi ingressi negli ultimi sei mesi


20.06.2018

L’agenzia con 5 sedi, in Italia e all’estero, ha superato i 28 milioni di fatturato nel 2017. Simone Cremonini, general manager: “Il nostro obiettivo è quello di attrarre talenti e di poter offrire ai nostri clienti delle professionalità sempre aggiornate e in grado di comprendere le esigenze e i processi legati a ogni singolo progetto”

 

La squadra di Doing si rafforza grazie all’ingresso di un consistente gruppo di nuovi talenti. Negli ultimi mesi, infatti, Doing ha accolto 40 nuovi professionisti e 23 stageur, con un ritmo di più di un’assunzione a settimana e una permanenza a fine stage del 75%. Delle 5 sedi, i nuovi ingressi hanno interessato Milano, Roma e Kuala Lumpur, in Malesia, dove Doing ha aperto un ufficio nel 2017 per presidiare la capitale mondiale del service design e della tecnologia.

“La squadra di Doing cresce ogni giorno – dice Simone Cremonini, general manager di Doing -. Il nostro obiettivo è quello di attrarre talenti e di poter offrire ai nostri clienti delle professionalità sempre aggiornate e in grado di comprendere le esigenze e i processi legati a ogni singolo progetto”.

Doing, uno dei principali player italiani in ambito digitale con un fatturato 2017 di 28 milioni di euro, ha diverse anime: combina consulenza, creatività & contenuti, dati e tecnologia, per offrire al mercato le migliori soluzioni di marketing, comunicazione e digital transformation.

Le nuove assunzioni rispecchiano totalmente questa varietà di competenze, infatti, i nuovi ingressi includono diverse professionalità tra cui: Marketing Manager, Client Manager, Project Manager, Digital PR, Social Team Leader, Social Caring Coordinator, Social Media Manager, Content & Community Manager, Service Designer, UX & Interaction Designer, Designer, Art Director, Copywriter. L’obiettivo di Doing è quello di continuare a investire sulla ricerca dei talenti per arricchire sempre di più l’offerta di competenze, ma anche e soprattutto di mantenere un ambiente favorevole per la crescita del personale, come conferma Diego Chiavarelli, ceo & founder dell’agenzia: “Abbiamo capito ormai da tempo che l’asset strategico di Doing sono le persone. Operiamo in un settore estremamente dinamico e fluido e dobbiamo essere bravi a dare ai giovani talenti delle prospettive di crescita con noi. Se crescono loro, cresce Doing”.