MARKETING

N26 punta su digital e OOH per crescere in Italia


07.05.2018
Matteo Concas

Matteo Concas, general manager Italy, e Noemi Tanoni, Communication & Campaign manager Italy, svelano i piani e gli obiettivi della prima mobile bank d’Europa nel nostro Paese

di Andrea Crocioni


Come nasce N26 e qual è il suo posizionamento sul mercato?

Matteo Concas: N26 è la prima mobile bank d’Europa, nata a Berlino nel 2015 da un’idea di Valentin Stalf e Maximilian Tayenthal, due ragazzi austriaci che, stanchi del tradizionale rapporto banca/cliente, hanno ideato una app in grado di offrire un’esperienza di utilizzo veloce e intuitiva. Ottenuta la licenza bancaria dalla Banca Centrale Europea nel 2016, N26 è diventata una banca a tutti gli effetti e a oggi è presente in 17 mercati europei con un team di oltre 380 dipendenti basati a Berlino e conta oltre 850.000 clienti. Di fatto, grazie a questi numeri, N26 si posiziona come la banca mobile con il più alto tasso di crescita in Europa e si differenzia da qualsiasi banca tradizionale, permettendo agli utenti di vivere un’esperienza di utilizzo più semplice che coniuga le esigenze di immediatezza e sicurezza, proprie dei dispositivi mobile. Il forte sviluppo del business e del tasso di crescita sono resi possibili grazie all’utilizzo di un’infrastruttura tecnologia flessibile e d’avanguardia, elementi che ci hanno permesso di crescere in così breve tempo e di poter programmare il nostro sbarco anche in America e UK entro l’anno.

Quali sono gli obiettivi sin qui raggiunti in Italia e quanto prevedete di crescere nel 2018 nel nostro Paese?

Matteo Concas: Siamo presenti in Italia dal 2017 e in meno di un anno abbiamo registrato numeri da record che, siamo certi, cresceranno ulteriormente entro la fine del 2018. Questo è sicuramente uno dei Paesi target per la strategia di sviluppo di N26, dove puntiamo a raggiungere i 100 mila clienti. Nonostante l’Italia sia ancora leggermente indietro in quanto ad avanzamento tecnologico rispetto ad altri Paesi, il riscontro che abbiamo avuto è molto positivo e ci permette di investire molto su questo mercato che viene identificato come uno dei primi cinque focus markets in più rapida crescita dopo Germania e Francia.

Voi nascete come banca per smartphone. Quali sono i punti di forza della vostra offerta? Come intendete raccontarli?

Matteo Concas: N26 è costruita con un approccio bottom-up per smartphone e grazie al suo modello di business completamente digitale opera con una base di costo molto più bassa e con strutture organizzative snelle, trasferendo questi vantaggi in termini di costo ai clienti. Velocità, semplicità, trasparenza e innovazione sono quindi gli elementi che caratterizzano non solo la app ma tutti i servizi e prodotti di N26 e sono sicuramente i nostri punti di forza.

Noemi Tanoni: In linea con questo approccio, abbiamo attivato una campagna branding dal mese di febbraio, che si sviluppa su due livelli. Il primo approccio digital coinvolge influencer del mondo lifestyle, travel e tech, i quali si fanno ambassador del nostro prodotto: attraverso la voce degli influencer vogliamo far conoscere le peculiarità di N26, mantenendo il nostro stile narrativo e visivo, con un focus sul design e sull’esperienza utente. La seconda strategia di branding attivata per l’Italia prevede invece una campagna out of home, realizzata mediante l’affissione di billboard sul territorio di Milano.

Come comunicherete la vostra offerta in Italia? Quali saranno i pilastri della vostra strategia?

Matteo Concas: Il nostro obiettivo principale è quello di comunicare la sicurezza e la facilità di N26. Trattandosi di una banca, sappiamo quanto importante sia per gli utenti conoscere il prodotto e di conseguenza fidarsi di esso. Semplicità e sicurezza sono i valori su cui lavoriamo ogni giorno per rendere il prodotto sempre migliore e per creare una banca e un modo di gestire le proprie finanze, che tutto il mondo ami utilizzare.

Quando è prevista la partenza delle prossime campagne? Quali saranno i partner di comunicazione che vi accompagneranno?

Noemi Tanoni: Le nostra campagna digital è già attiva da ormai più di tre mesi e per la realizzazione ci siamo avvalsi dell’aiuto di agenzie esperte del settore, quali Zoocom e Crowd, oltre al nostro team creativo interno. La campagna OOH, partita ormai da qualche giorno, ha visto invece il coinvolgimento di IGPDecaux. Inoltre, uno dei nostri punti di forza a livello di comunicazione risiede nella collaborazione costante con Edelman, la nostra agenzia PR con sede a Milano, che ci aiuta a sviluppare e divulgare i nostri messaggi e strategie nel migliore dei modi.