DIGITAL

Allea lancia Radici, la piattaforma che racconta l’immigrazione senza pregiudizi


09.04.2018

“In Italia ci sono 5 milioni di fantasmi: 5 milioni di stranieri residenti, confusi – nella percezione diffusa dell’opinione pubblica e nella narrazione mediatica corrente – con i migranti e i profughi che sbarcano dai gommoni. Radici nasce dal desiderio di raccontare anche le storie di impresa e le eccellenze che questi 5 milioni di italiani esprimono e che difficilmente trovano spazio all’interno dei media tradizionali. L’idea è di focalizzarci sull’integrazione, senza dimenticare le emergenze o le derive identitarie”, sottolinea Cristina Giudici.

Parlare di immigrazione, oltre i pregiudizi. Dare voce alle eccellenze e alle seconde generazioni. Raccontare la trasformazione sociale e demografica in atto, senza più confondere l’emergenza con l’integrazione.

Tutto questo è Radici, la piattaforma multimediale promossa da Allea e ideata da Cristina Giudici. Un sito, una newsletter settimanale, canali social ed eventi tematici: da oggi Radici è online, con lo sguardo rivolto al futuro e l’approccio pragmatico di chi intende abbracciare le tante sfumature di una trasformazione sociale profonda.

“Allea ha sposato con entusiasmo l’intuizione di Cristina Giudici, sviluppando un progetto di comunicazione che permetterà a Radici di configurarsi come una rete di informazione e confronto sul fenomeno migratorio. Creando uno spazio multimediale, digitale, e di approfondimento capace di fornire contenuti laici, alti e circostanziati per liberare il dibattito sull’immigrazione da stereotipi, demagogia e pregiudizi”, osserva Alessandro Beulcke, presidente di Allea.

Nelle prossime settimane il progetto crescerà, ospitando interventi di esperti, intellettuali e giornalisti, fino a dare vita a una community nazionale e transnazionale che si confronti sugli aspetti sottaciuti, strumentalizzati e ignorati dell’immigrazione.

Nasce uno spazio libero, a disposizione di quanti vorranno approfondire un tema così controverso in maniera seria. Radici è online sul sito, da cui è possibile iscriversi alla newsletter; Facebook: @radicionline; Instagram: radici_online; Twitter: @Radici_online.