DIGITAL

MailUp, nel 2017 ricavi complessivi a +26% (27,3 milioni di euro)


29.03.2018

MailUp, società ammessa a quotazione sul sistema multilaterale di negoziazione ‘AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale’ e attiva nel campo delle marketing technology, ha approvato il bilancio consolidato e il progetto di bilancio dell’esercizio 2017. Il Gruppo MailUp ha fatto registrare nell’esercizio 2017 risultati positivi.

I ricavi complessivi consolidati sono passati da 21,6 a 27,3 milioni di euro, con un incremento di oltre 5,6 milioni di euro e del 26% in termini percentuali. Passando alle linee di business in cui si articola l’attività di Gruppo, il comparto SMS ha fatto registrare la crescita più consistente con quasi 4,5 milioni di euro di maggiori ricavi consolidati (+39%) rispetto all’anno precedente, grazie in particolare alla performance di Agile Telecom.

Anche BEE è stato protagonista di una crescita molto significativa, passando nel 2017 da 155 mila a quasi 484 mila euro di ricavi (+212%), a dimostrazione di come il prodotto, una sorta di start-up all’interno del Gruppo, stia rapidamente incontrando il favore dei marketer statunitensi, e non solo.

Il comparto Mail, per sua stessa natura il più stabile e consolidato all’interno del Gruppo, ha registrato un incremento significativo del 11%, attestandosi a 9,4 milioni di euro di ricavi, in aumento di quasi un milione di euro rispetto al precedente esercizio.

Si tratta infatti, prevalentemente, di canoni annuali soggetti a rinnovo salvo disdetta, il cui churn rate viene più che compensato dall’acquisizione di nuovi clienti e dall’attività di up-selling nei confronti della clientela esistente, estremamente fidelizzata e sensibile alla qualità del servizio.

“Concludiamo il nostro terzo esercizio da società quotata in Borsa con un’altra decisa crescita dei fondamentali – commenta il presidente Matteo Monfredini -. Il 2017 è stato un anno estremamente positivo per il nostro gruppo. Dopo essere passati ai principi contabili internazionali, aver implementato un sistema di controllo di gestione rinnovato e introdotto il modello 231 richiesto da Borsa a tutte le società quotate nel segmento Star, in luglio abbiamo incrementato il flottante al 33% circa, completando con successo una raccolta da 6 milioni di euro a sostegno del nostro piano di investimenti e acquisizioni. In questi mesi abbiamo impostato il nuovo corso di investimenti. Nel 2018 puntiamo a un’ulteriore crescita con l’obiettivo di rinforzare il nostro posizionamento di hub europeo nel campo delle data driven marketing technologies”.