MEDIA

Rai Pubblicità al David di Donatello con Campari e Samsung


22.03.2018

La concessionaria ha presentato i numeri del proprio circuito cinematografico che vede la raccolta pubblicitaria in crescita di oltre il 20% rispetto al 2017

Stretto connubio tra Rai Pubblicità e Cinema al David di Donatello. La concessionaria di Rai è stata presente all’evento che si è tenuto ieri sera negli Studios di Roma dove numerosi clienti hanno vissuto una experience esclusiva.

Sponsor di Rai Pubblicità della serata, Campari e Samsung.

La presenza delle aziende all’evento si è espressa, tra l’altro, attraverso l’iniziativa di product placement Tv con l’esposizione dei loghi sul red carpet, dove è avvenuta la consueta sfilata di attori e registi, andata in onda in esclusiva su Rai Movie, accompagnata da un’azione sul territorio che prevedeva l’inserimento dei brand nell’area hospitality.

“È un onore partecipare ad un evento culturale come i David di Donatello – dichiara Alicia Lubrani, Head of Marketing Communication Mobile, Samsung Electronics Italia -. Quest’anno Samsung ha proposto una bellissima esperienza e un nuovo modo di comunicare possibile grazie ai nostri nuovi smartphone Galaxy S9 e S9+. Tra le molte funzioni ‘cinematografiche’ il My Emoji permette di creare dei veri e propri avatar di noi stessi per dar vita alle nostre storie in maniera nuova e molto divertente”.

“Siamo lieti di essere partner della 62° edizione dei David di Donatello, prestigioso riconoscimento che premia l’eccellenza del cinema italiano – afferma Lorenzo Sironi, Senior Marketing Director Campari Group -. Da sempre, infatti, Campari sceglie il cinema come potente veicolo di comunicazione per raccontare la grande storia di un marchio che ha sancito la nascita del mito dell’aperitivo italiano nel mondo. Un connubio, quello tra Campari e il cinema, che trova la massima espressione nelle numerose collaborazioni con registi di fama internazionale, a partire dalle campagne tv del passato dirette da Federico Fellini, Tarsem Singh e Joel Schumacher, fino ad arrivare a Paolo Sorrentino che ha firmato l’attuale film ‘Creation’, e talenti hollywoodiani quali Uma Thurman, Penelope Cruz o Benicio del Toro, interpreti dell’iconico Calendario Campari. Infine, Campari Red Diaries, il progetto che utilizza il cortometraggio per portare in scena il concetto che ‘ogni cocktail racconta una storia’, può vantare, in soli due anni dalla sua nascita, le regie di Paolo Sorrentino e Stefano Sollima”.

Nel corso della serata la concessionaria del gruppo Rai, forte dei buoni risultati commerciali sul mezzo Cinema, ha promosso il proprio circuito cinematografico.

Sono 600 le sale, dislocate su tutto il territorio italiano, che compongono il circuito, di cui il 35% nei cinema storici delle grandi città e il 65% nei multiplex dei centri commerciali, accuratamente selezionati al di fuori delle catene multinazionali.

Questa composizione favorisce la geo-localizzazione delle attività promozionali sul territorio e il posizionamento dei prodotti in punti espositivi a contatto diretto con un pubblico recettivo ed esclusivo, come emerge dall’analisi fatta dal Marketing di Rai Pubblicità sui più recenti dati di GFK Sinottica sugli spettatori cinematografici.

Si delinea difatti per il cinema un pubblico giovane, evoluto, innovativo, con alto reddito e buon potere di acquisto, confidente dei prodotti di marca e sempre alla ricerca di acquisti di qualità, il target ideale per una pianificazione pubblicitaria. Valori questi ancora più elevati tra gli spettatori che prediligono i film italiani. E i risultati commerciali non si sono fatti attendere.

“Prosegue con buona soddisfazione la raccolta pubblicitaria legata al circuito cinematografico di Rai Pubblicità, in crescita di oltre il 20% rispetto al 2017 grazie anche alle sempre crescenti progettualità crossmediali e alla programmazione cinematografica che premia la qualità delle nostre sale”, afferma Massimiliano Langs, Responsabile Commerciale e Marketing Cinema.

Il Cinema di Rai Pubblicità non è dunque solo. L’offerta pubblicitaria sul mezzo si colloca all’interno di una proposta crossmediale articolata che comprende anche Tv, Radio, Digital, Social e Eventi sul territorio con l’obiettivo comune di aumentare l’efficacia della comunicazione.