WORLD

Gli obiettivi triennali di Publicis Groupe: crescita a +4% e acquisizioni fino a 500 milioni


21.03.2018
Arthur Sadoun

La digital business transformation sarà implementata portando tutte le capacità del gruppo sulla stessa piattaforma, creando sei centri di eccellenza di Creatività Dinamica e creando delle norme specifiche

Publicis Groupe ha tenuto ieri il suo primo investor day dal 2013 per presentare il nuovo piano strategico triennale ‘Sprint to the future’.

La premessa da cui parte questo progetto è che Publicis ad oggi ha un posizionamento unico grazie a tre punti chiave: la capacità di affrontare ogni sfida digitale; il modello ‘The Power of One’; il rinnovamento del management portato a termine con successo.

‘Sprint To The Future’ rappresenta quindi un ulteriore step, che a sua volta passa attraverso tre macro obiettivi.

Il primo è dare a ogni cliente la possibilità di realizzare engagement one-to-one su larga scala. Publicis Groupe si propone di raggiungere questo scopo grazie alla propria expertise sui dati con la nuova piattaforma Publicis People Cloud. Creatività e consulenza sono gli altri aspetti dell’offerta del gruppo su questo fronte.

Il secondo progetto triennale prevede un’accelerazione della trasformazione del Gruppo, da realizzarsi attraverso sei azioni da portare a termine entro il 2020. Tra le azioni previste c’è quella di portare a 100 il numero dei global client leader, che attualmente sono 35, per dirigere le relazioni con i clienti principali.

Anche il modello per Paese, che attualmente rappresenta il 36% delle revenue del gruppo, sarà ulteriormente esteso ad altre aree geografiche dove il gruppo opera. La digital business transformation sarà implementata portando tutte le capacità del gruppo sulla stessa piattaforma, creando sei centri di eccellenza di Creatività Dinamica e creando delle norme specifiche.

Rientra in questa strategia anche la già annunciata creazione della piattaforma Marcel che entro il 2020 metterà in collegamento il 90% del personale del gruppo.

Saranno quindi necessarie assunzioni, training e formazione sulle nuove competenze, per un investimento di oltre 300 milioni di euro nel triennio.

Il terzo obiettivo strategico per i prossimi tre anni si riferisce all’accelerazione della crescita organica e del margine operativo. L’obiettivo è raggiungere un tasso di crescita organica pari al 4% nel triennio, ovvero un incremento di 900 milioni di euro di ricavi. Per il margine operativo l’obiettivo è l’aumento tra i 30 e 50 punti entro il 2020, da realizzare con un piano di risparmi di 450 milioni di euro.

Parte di questi risparmi andrà a finanziare gli investimenti sopra citati relativi ad assunzioni e formazione di nuove competenze. Infine, uno sguardo al capitolo acquisizioni: Publicis Groupe ha anticipato che gli investimenti a esse dedicati saranno una cifra tra i 300 e i 500 milioni di euro nel triennio.

Arthur Sadoun, ceo e chairman di Publicis Groupe, ha commentato: “Il nostro primo investor day dal 2013 è per noi un’opportunità unica per dimostrare la nostra fiducia nel futuro. Grazie alla visione di Maurice Lévy, non abbiamo aspettato a cambiare. Oggi, abbiamo gli assets, con un grande vantaggio competitivo nella tecnologia, la visione, l’organizzazione grazie a Power of One, e un management in grado di affrontare il futuro. Ora corriamo per trasformare Publicis Groupe da holding company a piattaforma attraverso azioni concrete”.