DIGITAL

Italiaonline nel 2017 si conferma prima per utenti unici giornalieri, +6% rispetto al 2016


22.02.2018
Andrea Chiapponi

A dicembre 2017 l’internet company svetta con 5,4 milioni di utenti unici in media al giorno, di cui 2,6 milioni da mobile, e pari ad una crescita del 29%

Italiaonline chiude un altro anno da prima internet company del Paese.

Come riportato dalle ultime rilevazioni Audiweb, sono 5,4 milioni gli utenti unici in media al giorno (Fonte: Audiweb Database, powered by Nielsen, dicembre 2017), di cui ben 2,6 da mobile, che hanno navigato sulle properties del Gruppo nel mese di dicembre.

Italiaonline migliora ancora se stessa nel 2017: la media giorno annuale degli utenti unici registra un aumento del 6% come Total digital audience e del 14% come Mobile audience rispetto ai dati del 2016 (Fonte: Audiweb Database, powered by Nielsen, average FY 2017. I dati Audiweb Database al momento non comprendono Google, Facebook e Microsoft).

Nel solo mese di dicembre 2017 gli utenti unici medi al giorno sono stati 5,4 milioni, di cui 2,6 da mobile, in crescita del 29% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

A questi numeri si aggiunge l’ulteriore dato da primato sul tempo speso medio al giorno sui siti Italiaonline, che supera gli 11 minuti e cresce dell’8% rispetto alla media registrata nel 2016 (Fonte: Audiweb Database, powered by Nielsen, average FY 2017.

I dati Audiweb Database al momento non comprendono Google, Facebook e Microsoft).

“Abbiamo chiuso un anno che ci ha visti rafforzare quotidianamente i nostri siti, sia in termini di qualità dei contenuti che di brand safety – ha commentato Andrea Chiapponi, direttore Business unit Large Account di Italiaonline -. Per questi motivi, continuiamo a essere scelti ogni giorno da più di un navigatore italiano su due e siamo affidabili per gli inserzionisti. I risultati premiano inoltre il lavoro svolto nel secondo semestre 2017 dalla nostra concessionaria IOL Advertising, che prosegue il suo cammino da protagonista nel mercato della pubblicità digitale”.