CREATIVITY

ZeroStories con Doxa lancia B.E.E.R.


14.02.2018
Matteo Scortegagna

Misurare l’efficacia dei progetti di branded content e branded entertainment, sempre più utilizzati nel marketing mix dalle marche, ma considerati ancora sperimentali.

È questo l’obiettivo alla base di B.E.E.R. (Branded Entertainment Engagement Results), lo strumento sviluppato grazie alla collaborazione tra Doxa, società di ricerca e analisi di mercato, e ZeroStories, l’agenzia di branded content fondata da Matteo Scortegagna e parte del Gruppo Next 14.

Le due sigle hanno presentato il progetto in occasione dell’incontro sul tema ‘Le regole del Gioco’ organizzato da OBE – Osservatorio Branded Entertainment all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.

La ricerca nasce con l’obiettivo di mettere a fuoco i KPI più coerenti con gli obiettivi propri del branded entertainment, quali il livello di engagement generato dal contenuto e la conseguente ricaduta sulla percezione del brand e sull’intenzione di acquisto, rispondendo ad una precisa e sempre più frequente domanda del mercato che chiede la possibilità di valutare in modo complessivo e strutturato le ricadute del BE.

La ricerca è realizzata attraverso interviste cawi pre e post messa in onda del contenuto che vanno ad individuarne le modalità di fruizione e il gradimento, per arrivare a generare due output finali: il BEI (Branded Engagment Index), ovvero il risultato indicizzato della performance del contenuto in termini di capacità di implementare i driver di brand, e il WEI, (Web Engagement Index), ovvero il risultato indicizzato di quanto e come si è parlato sul web del branded content.

“Questo tool – ha commentato Matteo Scortegagna, co-founder e ceo di Zerostories – è nato dal dialogo tra chi si occupa dell’ideazione di questo tipo di contenuti con chi si occupa poi di andare a valutarli e rappresenta una risposta importante a chi chiede più misurabilità e comparazione per i progetti di BE, per uscire dall’infanzia dei progetti speciali e rappresentare sempre più una leva strategica di comunicazione”.