MEDIA

La Gazzetta dello Sport e Trentino Marketing lanciano il Festival dello Sport


01.02.2018

di Andrea Crocioni


Si terrà dall’11 al 14 ottobre a Trento la prima edizione del Festival dello Sport, un nuovo evento che ha lo scopo di raccontare un mondo meraviglioso e l’epopea dei suoi campioni, portandoli a contatto con il grande pubblico.

La kermesse, organizzata da Gazzetta dello Sport e da Trentino Marketing con il patrocinio del Coni e del Comitato italiano paralimpico, è stata prensentata ieri a Milano, presso la Sala Buzzati, nel corso di una mattinata che ha visto intervenire, oltre al presidente di RCS MediaGroup Urbano Cairo e Andrea Monti, direttore del popolare quotidiano sportivo, il sindaco di Trento Alessandro Andreatta, il presidente della Provincia Autonoma di Trento Ugo Rossi, il Ceo di Trentino Marketing Maurizio Rossini e Gianni Valenti, vicedirettore vicario della Rosea e direttore scientifico dell’appuntamento.

“Ci saranno incontri con campioni di diverse discipline, giornalisti, scrittori, dirigenti, ma non mancheranno momenti di sport attivo. L’obiettivo è portare in piazza materia densa, in uno scenario in cui lo sport rappresenta ormai l’unico collante sociale, una lingua comune”, ha detto nella sua introduzione Andrea Monti.

“Lo sport è una grande scuola di vita che ti permette di imparare quella disciplina che consente di allenare il talento”, gli ha fatto eco Cairo.

Ugo Rossi, Andrea Monti e Urbano Cairo

Il palinsesto, in fase di costruzione, sarà curato dalla Gazzetta, forte del suo patrimonio di relazioni. Si parte con la cerimonia di apertura di giovedì 11 per proseguire fino alla domenica con oltre 60 eventi (tutti gratuiti) che coinvolgeranno cinque importanti piazze di Trento e una quindicina di location.

Si andrà dagli Uno contro Uno, grandi interviste con i campioni dello sport, alle Tribune, ovvero dibattiti a più voci tra grandi protagonisti, alle Conversazioni su importanti imprese sportive, con atleti o con allenatori e dirigenti che racconteranno il loro lavoro e le loro esperienze.

E ancora, i Workshop, veri e propri laboratori su grandi tematiche legate al mondo dello sport dove imparare, acquisire e approfondire strumenti professionali.

Al Festival, naturalmente, non mancherà lo sport praticato. Saranno allestiti Camp per divertirsi e imparare tanti sport da coach e allenatori di grande livello. Il Festival sarà una vetrina anche per la cultura dello sport. In piazza Duomo sarà allestita una grande libreria dove poter consultare e acquistare libri dedicati allo sport, ascoltando dalla viva voce degli autori le ultime novità sul mercato.

Si tratta di un Festival dalla prospettiva pluriennale. Questa prima edizione avrà come titolo ‘Il Record’. Si parlerà di come raggiungerlo, consolidarlo, batterlo.

Tanti sono gli elementi che compongono un record: allenamenti e strategie, ma anche psicologia, alimentazione, salute, materiali, business e ricerca. Spazio dunque anche alle aziende che avranno modo di trovare un proprio spazio nel ricco programma.

L’intero palinsesto del Festival sarà condotto dalle firme Gazzetta, editorialisti e inviati, giornalisti e giornaliste, con una sfilata di protagonisti del grande sport nazionale e internazionale: atleti e atlete, olimpici e paralimpici, campioni, allenatori, coach, ma anche personaggi istituzionali, tecnici ed esperti, appassionati di sport dal mondo della cultura, dell’arte e dei media.

Fra i protagonisti extra sportivi è già confermato lo chef Davide Oldani che porterà la sua esperienza nel campo dell’alimentazione.

“Con Il Festival dello Sport contiamo di creare un evento in grado di coinvolgere decine di migliaia di persone”, ha dichiarato a margine Raimondo Zanaboni, direttore generale di RCS Pubblicità e ad di RCS Sport.

“Abbiamo iniziato a proporre questo appuntamento ai clienti, aziende legate al mondo dello sport, ma non solo – ha continuato -. Faremo una grossa operazione a sostegno grazie al Sistema Gazzetta e agli altri mezzi del Gruppo”.

Il manager ha poi commentato la chiusura d’anno di RCS: “Siamo tornati in territorio positivo sia con la raccolta periodici sia con i quotidiani, considerando carta+digitale. Le tante iniziative che abbiamo lanciato nel corso del 2017 hanno avuto un impatto favorevole anche sulle vendite. Abbiamo anche spinto molto sugli eventi che ad oggi incidono fra il 5 e il 10% sul totale raccolta. Fra le prossime novità – ha annunciato – la trasformazione di Corriere Innovazione in mensile che, a partire dalla fine di febbraio, sarà in distribuzione con il Corriere delle Sera”.

La soddisfazione per la chiusura del 2017 è stata rimarcata anche da Cairo: “Siamo cresciuti di uno zero virgola – ha detto -. Sotto l’un per cento, ma è un risultato significativo e importante tenendo conto che si trattava di un anno dispari, senza i grandi eventi sportivi. Se non consideriamo il loro impatto l’incremento sarebbe stato intorno al 3,5%”.