MEDIA

Nielsen, a novembre investimenti pubblicitari +2,9%


16.01.2018

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di novembre in crescita del 2,9% (+1,1% senza search e social). La raccolta nel periodo consolidato gennaio – novembre 2017 è stabile (0%), rispetto allo stesso periodo del 2016. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search e sul social, l’andamento degli 11 mesi registra una contrazione del 2,6%.

“Dopo il rallentamento del mese scorso, a novembre il mercato ha raggiunto quota zero – spiega Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen -. A meno di sorprese dell’ultima ora, l’anno chiuderà in positivo con una crescita entro il +1%. Si avvia dunque alla conclusione un 2017 caratterizzato da una primavera in sostanziale parità, da una perdita nei due mesi estivi, che si confrontavano con gli eventi sportivi dell’anno precedente, e da un autunno in recupero”.

Relativamente ai singoli mezzi, la tv torna in positivo a novembre (2,7%), chiudendo il periodo cumulato il calo del 2,2%. L’andamento della stampa continua a essere negativo: nel singolo mese, i quotidiani e i magazine perdono rispettivamente l’1,5% e il 3,8%, portando la raccolta degli 11 mesi rispettivamente a -8,4% e -6,4%.

Prosegue invece il buon trend della radio, in crescita del 5,8% nel periodo cumulato, grazie a un mese di novembre che conferma il buon momento del mezzo (+9,0%).

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nel periodo gennaio – novembre chiude in positivo a +7,5% (+1% se si escludono il search e il social). Sempre buono l’andamento della GoTV (+11,8%) e del transit (+4,7%) nel periodo cumulato.

Anche il cinema conferma il trend positivo (+4,2%). Outdoor e direct mail restano negativi, rispettivamente in calo del 12,6% e del 5,2%. Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 10 in crescita nel periodo cumulato, con un apporto complessivo di circa 54 milioni di euro. Per i primi comparti a livello di quote di mercato, si registrano andamenti differenti.

Gli investimenti del settore automobilistico si fermano al +0,7%. Positiva la performance del farmaceutico (+1%). Il segno resta negativo per le telecomunicazioni (-3,9%) e per gli alimentari (-2,9%), che, però, segnano entrambi un andamento positivo sul singolo mese di novembre (rispettivamente +10,5% e +9,5%).

Ottima la performance degli elettrodomestici nel periodo cumulato (+16,1%).

Limitatamente al singolo mese di novembre, un rilevante contributo alla crescita arriva dai settori cura persona, giochi/articoli scolastici e toiletries che crescono rispettivamente del 21,4% (+1 nel periodo cumulato), 36,7% (+37,9%)e 22,7% (-12,1%) con un apporto complessivo di circa 16 milioni di euro.

“Seppur da più parti ci si aspettasse un recupero più solido – aggiunge Dal Sasso – la chiusura dell’anno in terreno positivo è un buon segnale, soprattutto per l’andamento del bimestre settembre – novembre che cresce del 2,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Aspettiamo di vedere come comincerà il 2018: in un contesto generale di ripresa delle economie internazionali – conclude Dal Sasso – permane a oggi ancora un sentiment di incertezza sull’andamento del mercato pubblicitario, visti i toni della appena iniziata campagna elettorale e la novità di un Mondiale di calcio senza il team azzurro”.

Per i dati completi clicca qui