DIGITAL

We-go, una crescita trainata dai giovani


12.01.2018

In un periodo in cui si sente purtroppo sempre più parlare di crisi del lavoro per i giovani e di fuga di cervelli all’estero vale la pena soffermarsi anche su quelle realtà che, con determinazione e competenza sono riuscite a raggiungere il successo nel loro campo.

È questo il caso di we-go, agenzia under 35 che si occupa di comunicazione integrata a Vigonza, in provincia di Padova, che è arrivata negli ultimi quattro anni a una crescita di oltre il 150% e che ha chiuso il 2017 con 27 dipendenti.

Fondata dieci anni fa da Tomas De Zanetti come digital agency focalizzata sullo sviluppo di progetti web, l’agenzia è riuscita ad allargare il proprio raggio di azione fino ad abbracciare l’intero ambito della comunicazione: creatività, sviluppo software, digital marketing strategico e operativo.

“Rispetto a molte altre agenzie che dal tradizionale sono passate al digitale – racconta De Zanetti – noi abbiamo fatto un percorso contrario…lento, calmo e sostenibile con il preciso scopo di crescere in modo organizzato, solido e di affacciarci a nuovi settori con consapevolezza e specializzazione. L’apertura mentale che consentono i progetti digitali dove la creatività spazia attraverso la grafica, l’esperienza utente, l’interazione, i diversi device, ci ha consentito di sviluppare un approccio al progetto multi-canale completo e allargato: ogni richiesta, ogni esigenza, ogni sfida viene affrontata in modo sinergico dai tre team (creativo, marketing e sviluppo) per realizzare piattaforme di comunicazione complete, integrate, ‘belle’ e funzionali allo scopo del progetto”.

‘Bold attitude’, atteggiamento audace, questo è lo spirito che guida la squadra dei giovani professionisti che costituiscono l’ossatura di we-go in tutto il processo strategico e creativo: dal concept fino al lancio e alla misurazione dei risultati.

Un approccio che ha conquistato aziende quali Unox, Boscolo Group, Marcolin, Sorelle Ramonda, Colorificio San Marco, Sweden & Martina, Roncato, Trudi, Le Fablier, Falmec, che insieme all’agenzia hanno accettato la sfida di trasformarsi intraprendo il loro viaggio digitale.