MEDIA

Fabrizio Piscopo verso l’addio da amministratore delegato di Rai Pubblicità


19.12.2017
Fabrizio Piscopo

Lo scorso 15 dicembre in serata, un ‘muy confidencial’ di Prima Comunicazione online ha lanciato la notizia delle dimissioni di Fabrizio Piscopo da ad di Rai Pubblicità.

Un’uscita che sarebbe stata la conseguenza delle pressioni di Mediaset, di La7 e degli altri concorrenti sul mercato pubblicitario che sostengono che la raccolta della concessionaria Rai debba essere ridimensionata dopo l’entrata del canone.

Il manager è approdato in Rai Pubblicità nel 2013, improntando la gestione secondo il criterio di servire i clienti con efficienza organizzativa, politiche commerciali che tenessero conto delle regole del mercato, rispettando affollamenti e le regole imposte alla Rai come servizio pubblico, ma senza sudditanze o sensi di inferiorità: una strategia che non è mai stata vista di buon occhio dalla concorrenza.

Secondo Prima Comunicazione, sarebbero in corso trattative tra il manager e l’azienda per capire se rimarrà alla Rai con un altro incarico, o se saranno dimissioni concordate.

Intanto oggi in Commissione Vigilanza si voteranno gli emendamenti alla bozza uscita dalla trattativa tra il governo e la Rai relativa al nuovo Contratto di servizio che dovrebbe contenere anche una regolamentazione sulla vendita dell’adv.

Prima Comunicazione ha fatto previsioni su un possibile successore, che sarà nominato dal direttore generale Mario Orfeo e il cui stipendio non potrà superare il tetto dei 240 mila euro.

Il miglior candidato potrebbe essere Gian Paolo Tagliavia, chief digital officer e ad di RaiCom, che in passato ha lavorato a lungo nel mondo della pubblicità, ma significherebbe aprirebbe voragini in due settori strategici come il Digitale, dove sta per essere lanciato il nuovo servizio Radio Play, e nel commerciale.

Un altro nome che gira come papabile è quello di Mauro Gaia, consigliere delegato di Videa group, azienda attiva nel campo della produzione cinematografica e televisiva, dopo un lungo percorso lavorativo dalle human resources, al marketing, al controllo di gestione, alla gestione vendite attraverso la rete in Seat PG.

Al momento della pubblicazione la notizia non è stata né smentita né confermata dai soggetti coinvolti.