DIGITAL

Open Influence, fatturato raddoppiato nel 2017


11.12.2017
Marco Marranini

Il COO Europe Marco Marranini: “Puntiamo a chiudere a 18 milioni vs 9 milioni del 2016”

di Fiorella Cipolletta


La forza e il vantaggio competitivo di Open Influence, società specializzata in influencer marketing, che collabora con influencer in tutto il mondo, è di aver puntato sulla tecnologia.

“Lavorare con gli influencer non è solo una questione di qualità dei contenuti prodotti, ma soprattutto di studio della composizione delle audience e del loro interesse (engagement) verso determinati argomenti – sottolinea Marco Marranini, COO Europe di Open Influence -. Quello che facciamo è un passo oltre le agenzie di talent management, digital marketing o Pr. Noi siamo una piattaforma tecnologica, l’unica a poter attingere ad una serie di dati pre-campagna (info sulle audience degli influencer, country breakdown, tassi di engagement) e post campagna (report dettagliati con i principali KPI per singolo post) senza bisogno che gli influencer siano ‘registrati’. Bisogna anche sottolineare che oltre ad attività di semplice placement, spesso con molti brand lavoriamo anche su progetti speciali internazionali, e quindi possiamo personalizzare qualunque richiesta di clienti in tutto il mondo, seguendoli localmente o con il supporto di uno dei nostri uffici a Los Angeles, New York, Londa, Hong Kong e Dubai”.

A Milano la sede di Open Influnece è il quartier generale delle attività europee e secondo ufficio per numero di dipendenti.

“Il 2017 è stato un anno incredibile per noi – conclude il COO -, con risultati di fatturato doppi rispetto all’anno precedente (puntiamo a chiudere a 18 milioni vs 9 milioni del 2016). Contiamo di mantenere lo stesso tasso di crescita nel 2018”.