DIGITAL

AdvertPizza lancia il content marketing in Realtà Aumentata sulle scatole pizza


30.11.2017
edoardo di resta

AdvertPizza, azienda italiana leader nell’advertising sulle scatole pizza, sta chiudendo il 2017 in linea con gli ultimi anni, con la conferma di clienti storici e l’acquisizione di nuovi. Lo conferma Edoardo Di Resta, co-founder & ceo dell’azienda.

“L’altissima qualità grafica, il network di pizzerie nazionale gestito direttamente e le reportistiche a supporto dell’attività svolta hanno incuriosito e catturato sempre più aziende – ha spiegato -. I nostri clienti del 2017 spaziano dalle televisioni, sia digitali sia satellitari, all’automotive, sia come case automobilistiche sia come distribuzione di ricambi, da uno dei più grandi player internazionali del fai da te a una banca storica, chiudendo con i telefonici: insomma non ci possiamo lamentare, c’è sempre più interesse intorno al nostro business da parte di sempre più categorie merceologiche. Nel 2018 AdvertPizza utilizzerà un linguaggio più tecnologico con i propri clienti, parleremo di content marketing in Realtà Aumentata, direttamente sulle nostre scatole pizza”.

Fulcro della strategia del prossimo anno “sarà Experience gate, l’app che, attraverso la Realtà Aumentata, crea l’accesso per i consumatori finali ai contenuti interattivi e multimediali dei brand senza dover ogni volta scaricare un’app dedicata – prosegue il manager -. La Scatola Pizza prende vita, si arricchisce di immagini e suoni conferendo al brand dinamicità e valore. Inquadrando con l’app le nostre scatole, precedentemente mappate, i prospect possono guardarsi un video comodamente da casa per poi continuare l’esperienza attraverso un menù personalizzato che apparirà al termine del primo video. L’applicazione nasconde dentro di sé un sofisticato sistema di statistiche per monitorare i comportamenti dei singoli utenti geolocalizzati, in tempo reale, attraverso grafici chiarificatori.

In questo modo, AdvertPizza propone un content marketing che non viaggia più esclusivamente sui social o sulle piattaforme video classiche ma entra nelle case di milioni di prospect con la loro pizza preferita”, conclude Di Resta.