Gare

Huawei lancia una gara media per il mercato Emea


31.10.2017

La ricerca del partner media è globale, con l’obiettivo di identificare referenti nelle varie aree di mercato. Il budget pubblicitario in Italia negli ultimi due anni è stato di 30 milioni

di Valeria Zonca


Secondo quanto risulta a Today Pubblicità Italia, il colosso cinese della telefonia Huawei starebbe conducendo un pitch media globale, suddiviso in aree geografiche.

Per il mercato Emea, a cui appartiene il nostro Paese, sarebbero coinvolti almeno quattro network: GroupM, in qualità di incumbent (in quanto il budget è attualmente gestito da Maxus che è stata riconfermata con una gara), partecipa con la nuova sigla Wavemaker che sarà operativa dall’1 gennaio 2018, Dentsu Aegis Network avrebbe messo in campo Carat, mentre Omnicom Media Group starebbe partecipando con OMD e Publicis Media con Zenith.

In Italia, Huawei aveva lanciato lo scorso anno una serie di gare per definire i partner per creatività (vinta da Cayenne), digital (da Xister), eventi (da Punk for Business), pr (da MSL Group), definendo una strategia di sviluppo costante e obiettivi di crescita.

L’azienda ha investito oltre 160 milioni di cui 30 milioni in pubblicità negli ultimi due anni, triplicando nello stesso periodo la quota di mercato negli smartphone, posizionandosi al secondo posto, dopo Samsung e prima di Apple.

In un’intervista apparsa su Corriere.it lo scorso giugno l’amministratore delegato in Italia Edward Chan aveva rivelato che “tutti i mercati sono importanti per noi e l’Europa è il nostro secondo quartier generale dopo la Cina, ma l’Italia è per noi fra i tre Paesi top, con Germania e Regno Unito. In un anno i ricavi di Huawei Italia sono saliti del 40% a 1,27 miliardi e il 45% viene dagli smartphone, il resto dagli operatori di telecomunicazioni e dalle imprese. Il gruppo ha avuto nel 2016 utili pari al 7,5% dei ricavi e anche in Italia siamo profittevoli. Vogliamo raddoppiare il fatturato entro il 2022 e diventare il marchio più amato”.

Intanto a inizio 2018 sbarcheranno in Europa due novità: l’app store, che è già disponibile in Cina, e Huawei Video Service, un servizio con un catalogo composto da film e serie tv.

Entrambi i prodotti saranno preinstallati in tutti i modelli Huawei e Honor. Ma le novità non sono certo finite: l’azienda sta lavorando sul prototipo di dispositivo pieghevole per il cellulare del futuro.