Gare

McDonald’s apre una gara media globale. Budget da 2 miliardi di dollari


30.10.2017

McDonald’s ha avviato una gara media globale dopo 14 anni di collaborazione in tutti i mercati con OMD, attuale media agency che è stata ammessa al processo di revisione.

Obiettivo del pitch è individuare un roster di agenzie di media planning & buying con le quali lavorare nei vari mercati piuttosto che un singolo partner globale, nell’ottica di rendere più efficiente l’investimento in advertising.

Il colosso della ristorazione fast food spende circa 2 miliardi di dollari sui media ogni anno in tutto il mondo.

Secondo quanto dichiarato al Wall Street Journal da Bob Rupczynski, McDonald’s vice president of global media and customer relationship management, “l’azienda sta cercando di lavorare sugli investimenti in marketing, sia attraverso una spesa media più efficiente sia trovando modalità più efficaci per entrare in contatto con i consumatori”.

OMD, parte di Omnicom Media Group, gestisce l’attività di acquisto degli annunci pubblicitari per McDonald’s da più di un decennio negli Stati Uniti ed è responsabile del media in molti altri Paesi, compresa l’Italia.

Nel 2016 l’azienda ha consolidato il rapporto con Omnicom Media Group nel mercato USA, portando sotto lo stesso “tetto” il budget media e creativo, mentre nel nostro Paese la creatività è gestita da Leo Burnett (Publicis Groupe).

McDonald’s sta cambiando il suo approccio al marketing, aumentando l’utilizzo del digital e delle nuove tecnologie, offrendo ordini e pagamenti via mobile in molti ristoranti e preparando un programma di fedeltà.

Queste iniziative miglioreranno la capacità dell’azienda di sfruttare i dati dei clienti e di utilizzare le informazioni per una pubblicità più mirata, sempre secondo quanto ha affermato al Wall Street Journal Rupczynski, entrato in McDonald’s quest’anno anche grazie alla sua esperienza nello sviluppo di un approccio pubblicitario basato sulla gestione dei dati maturata in aziende come Kraft Heinz Co.