DIGITAL

Il nuovo Ringo Thin di Pavesi sceglie il formato Take Over di Shazam


17.10.2017

Il nuovo Ringo Thin, biscotto super sottile di Pavesi (Barilla) sarà su Shazam per due intere giornate grazie all’innovativo formato Shazam Take Over. Grazie alla collaborazione fra OMD (centro media di Pavesi) e Mediamond (concessionaria in esclusiva di Shazam in Italia), Ringo Thin personalizzerà il colore di sfondo delle prime due sezioni di scoperta musicale dell’app: l’Home Page e il Listening Screen, senza compromettere la user experience.

In entrambe le pagine dell’app è stato integrato un formato display rettangolare cliccabile.

La campagna Take Over di Ringo Thin su Shazam, l’app di content discovery che conta in media 4,1 milioni di utenti unici al mese sarà online oggi e domenica 22 ottobre per l’intera giornata.

Lorenzo Cisbani, Brand Manager di Ringo, sottolinea: “Per il lancio del nuovo Ringo Thin abbiamo pensato di sfruttare un mezzo particolarmente apprezzato dal nostro target. Cambiare il classico blu Shazam a cui sono abituati sarà un piacevole shock visivo che attirerà l’attenzione dei ragazzi per comunicare loro qualcosa di nuovo e diverso pur rimanendo in un contesto molto familiare. Questa iniziativa è parte di un piano di lancio a 360 gradi volto all’awareness e all’engagement che ha coinvolto diversi touchpoint digitali”.

Antonio Montesano, Head of Digital di OMD Italia, aggiunge: “Abbiamo proposto a Pavesi di studiare una campagna da promuovere con il nuovo formato Take Over di Shazam che permette di associare i brand ai momenti di scoperta musicale con una sponsorizzazione integrata nel design dell’app. Un equilibrio perfetto tra user experience e adv”.

Filippo Vizzotto, Senior Director Central & Southern Europe di Shazam, conclude: “In Italia Pavesi è stato il primo brand FMGC ad aver scelto il formato Take Over della nostra app che è utilizzata da oltre 23 milioni di utenti attivi all’anno. Questo dimostra come la tecnologia e l’innovazione di Shazam anche in ambito adv siano adatte a tutti i settori merceologici”.