MEDIA

Sky Italia: ricavi in crescita del 2% grazie alla raccolta pubblicitaria


13.10.2017
Andrea Zappia, ad di Sky Italia

Sky Italia nel primo trimestre dell’esercizio fiscale 2018 ha registrato una crescita dei ricavi del 2% paria a 605 milioni di sterline e l’Ebitda è salito dell’8% a 107 milioni di sterline, il più alto per cinque anni.

Risultati positivi dovuti anche alla buona performance della raccolta pubblicitaria, che ha continuato a beneficiare della crescita in free-air che raggiunge un audiences del +20%.

Gli introiti pubblicitari di Sky Italia nel mese di agosto sono stati pari a 15,4 milioni di euro, superando la Rai (13,1 milioni di euro).

La media company ha lanciato Super Hd per gli spettacoli più popolari come X Factor e Moto GP e Sky Box Set come standard per tutti i clienti Sky collegati, guidando la visione di record On Demand, in crescita del 27%.

Il Gruppo, guidato nel nostro paese da Andrea Zappia, sottolinea in una nota le ottime perfomance per i marchi del canale Entertainment con una visibilità del 68%, tra cui una forte crescita dell’audience per Game of Thrones e per X Factor Italia.

Le visioni sportive salgono del 5%, con una buona prestazione in Formula 1 e Moto GP. Sky Go Extra ha attirato 618.000 clienti da quando è stato lanciato 12 mesi fa, a cui si vanno ad aggiungere nel primo trimestre altri 218.000 utenti.

L’intero Gruppo, Sky Plc, ha registrato un aumento dei ricavi del 5% a 3,3 miliardi ed Ebitda in crescita dell‘11% a 582 milioni, rispetto ai 3.2 miliardi dell’anno passato. L’Ebitda si è attestato a 582 milioni di sterline (768,6 milioni di dollari) nei tre mesi al 30 settembre, rispetto ai 524 milioni di sterline di un anno fa.

“Abbiamo avuto un forte inizio per il nostro nuovo anno finanziario con una buona crescita dei ricavi e un’ottima crescita dei profitti – ha commentato Jeremy Darroch, Chief Executive del Gruppo -. Siamo sulla buona strada per il raggiungimento dei nostri target annuali”.

Tra giugno e settembre Sky ha aggiunto 160 mila nuovi clienti (+51% anno su anno), salendo a quota a 22,7 milioni di abbonati. Buona crescita soprattutto in Germania e Austria (90.000 nuovi abbonati) e Uk e Irlanda (70.000) mente in Italia gli abbonati sono rimasti stabili a 4,78 milioni.