MEDIA

Mondadori cresce nel food nei primi 4 mesi 2017: raccolta a +30% e market share al 70%


15.05.2017
Davide Mondo e Carlo Mandelli

Il dg Periodici Italia Carlo Mandelli: “9 milioni di contatti di cui 2 di lettori e 7 di utenti unici”.

L’ad di Mediamond Davide Mondo: “Il fatturato pubblicitario del digitale vale il 65% del totale”

di Valeria Zonca


Cinque brand in portafoglio, ognuno con un posizionamento differenziato e identitario. Un ‘sistema cucina’ che ha reso il Gruppo Mondadori leader di mercato nei magazine e nel digitale del settore.

Tre testate storiche che hanno celebrato quest’anno anniversari significativi: Sale&Pepe, da 30 anni mensile raffinato e gourmet ha compiuto i 30 anni, Cucina Moderna, leader di mercato che propone ricette utili e pratiche (nel 2016 è stato lanciato lo spin off Veg) ha spento 20 candeline e Cucina no problem, l’alleato in cucina, ha festeggiato 15 anni. Completano l’offerta Guida cucina, ricettario da usare in famiglia tutti i giorni e due nuovi arrivati: il sito Cookaround, porta d’ingresso nel mondo della cucina e tutto ciò che vi gira intorno, e Giallo Zafferano, brand trasversale giovane e social, sito di cucina numero uno in Italia, dal 18 marzo anche in edicola.

“Raggiungiamo 9 milioni di contatti di cui 2 milioni di lettori e 7 di utenti unici – ha dichiarato Carlo Mandelli, direttore generale Periodici Italia -. Dopo il lancio di Giallo Zafferano si è rafforzata anche la market share del Gruppo Mondadori nel food, che sale dal 54% a circa il 70% in termini diffusionali”.

La campagna di lancio ha utilizzato i canali del network, tra cui uno spot veicolato sui mezzi digitali, che ha portato al risultato di 450 mila copie vendute, singolarmente e in abbinamento ad altri magazine del gruppo.

“Dopo la distribuzione del primo numero, il prezzo di copertina è stato fissato a 1,50 euro – aggiunge Mandelli -. Stiamo constatando un grande interesse per il nuovo prodotto: per ogni numero abbiamo testato due proposte di cover, votate da 15 mila persone. Sta prendendo piede anche quella che prima era solo un’ipotesi e cioè un programma brandizzato in tv. Siamo in fase di valutazione e potrebbe partire dall’autunno su reti Mediaset”.

In caso positivo, il format sarà annunciato alla presentazione dei prossimi palinsesti invernali del Biscione.

“Anche da un punto di vista pubblicitario, per Giallo Zafferano, i risultati sono stati il doppio delle previsioni – ha commentato Davide Mondo, amministratore delegato di Mediamond -. Al primo numero con 59 pagine di raccolta sono seguiti altri due con una media di 40 pagine adv. Trainato anche da questa novità, il sistema cucina registra nei primi 4 mesi 2017 confrontati sul pari periodo 2016 una crescita di 4 punti percentuali, dal 24% al 28% di quota sulle pagine pubblicitarie e di +30% sul fatturato adv, di fronte al +0,2% del mercato nel primo trimestre. La raccolta digitale vale il 65% del totale. Sempre di più il mondo della cucina è utilizzato per lo storytelling delle aziende e vengono così costruite attività insieme alle redazioni. Barilla per il terzo anno consecutivo è sponsor dell’area pasta del sito di Giallo Zafferano. Oltre all’adv classica, con operazioni come quella di Nonno Nanni che ha festeggiato i 70 anni con l’acquisto di 7 pagine destre consecutive, sempre più importanti sono anche gli eventi come le ‘prove prodotto’ all’interno dei punti vendita della Gdo: a gennaio si è svolto quello di Guardini e a ottobre è previsto quello di Caffè Vergnano”.

“In autunno ci saranno novità sul brand stratching – ha anticipato Mandelli -. Sale&Pepe uscirà con due libri, uno sugli itinerari gastronomici e uno sul cibo vegetariano con Sperling ed Electa, mentre Giallo Zafferano presenterà un libro con i volti dei blogger. Da mercoledì 17 maggio, Chi sarà in edicola arricchito di 16 pagine dedicate a moda e beauty, con app, tutorial e realtà aumentata. È un cambio di posizionamento per riportare il magazine alle origini, quando era contenuta una sezione di lifestyle, e per far convivere due anime, quella tradizionale e una più digitale. Test in corso anche per il nuovo periodico di gossip Spy (nome in codice, ndr) che potrebbe partire a giugno”.