MEDIA

Rcs: perdita netta in miglioramento, ricavi editoriali e pubblicitari in flessione


10.05.2017
Urbano Cairo

Confermati i target: Ebitda a circa 140 milioni di euro, efficienze tra i 42 e i 46 milioni di euro, risultato netto in crescita

Il Consiglio di amministrazione di Rcs MediaGroup si è riunito ieri sotto la presidenza di Urbano Cairo per esaminare e approvare i risultati consolidati al 31 marzo 2017.

I ricavi netti consolidati di gruppo si attestano a 213,4 milioni di euro, in flessione di 6,4 milioni rispetto al pari periodo 2016, principalmente per la cessazione di alcuni contratti di raccolta pubblicitaria per conto di editori terzi.

A perimetro omogeneo i ricavi netti del primo trimestre 2017 risultano sostanzialmente in linea con il 2016. I ricavi pubblicitari ammontano a 92,8 milioni di euro rispetto ai 97,4 milioni del pari periodo 2016.

Escludendo l’effetto della disdetta di alcuni contratti con editori terzi, la variazione evidenzia un incremento pari a 1,7 milioni, principalmente grazie alla crescita dei ricavi pubblicitari dell’Abu Dhabi Tour per effetto dell’anticipo di tale evento nel calendario degli eventi ciclistici.

I ricavi editoriali sono pari a 86,1 milioni di euro, in flessione di 8,6 milioni rispetto al pari periodo 2016, principalmente per il diverso piano editoriale dei collaterali e per la focalizzazione su opere con maggiore redditività con effetto positivo sul margine, per la revisione della politica promozionale e per il calo dei mercati di riferimento sia in Italia che in Spagna.

A livello diffusionale si confermano le leadership nei rispettivi segmenti di riferimento dei quotidiani Corriere della Sera, La Gazzetta dello Sport, Marca ed Expansión, mentre El Mundo conferma la seconda posizione tra i generalisti spagnoli.

Crescono significativamente gli indicatori di performance digitali dei siti di tutti quotidiani del gruppo e si segnala un incremento del 20% degli abbonati all’offerta Membership del Corriere, che raggiunge i 35mila iscritti. I ricavi diversi si attestano a 34,5 milioni di euro, evidenziando un incremento di 6,8 milioni di euro principalmente per i buoni risultati dell’Area Sport.

Le attività del gruppo si focalizzano sulla valorizzazione dei contenuti editoriali, sullo sviluppo dei brand esistenti e sul lancio di nuovi progetti. In questo senso spiccano per il Corriere della Sera gli ottimi riscontri di raccolta e pubblico del nuovo allegato economico del lunedì L’Economia, e il successo del grande evento Food: Cibo a Regole d’Arte, che a marzo ha portato agli oltre 12mila partecipanti l’eccellenza nazionale e internazionale della cucina e del cibo.

L’offerta per i lettori del Corriere si è ulteriormente arricchita con il news-magazine di approfondimento 7, che da fine aprile è in edicola ogni giovedì completamente rivoluzionato sotto la direzione di Beppe Severgnini. La Gazzetta dello Sport ha lanciato il nuovo supplemento di approfondimento V Come Volley e la nuova iniziativa di geo-localizzazione con una pagina quotidiana dedicata alle realtà calcistiche locali. Novità anche per il quotidiano spagnolo Marca che ha lanciato il nuovo portale di informazione sportiva multimediale in Messico, in partnership con Claro. Nell’area periodici, dal 5 maggio è in edicola totalmente rinnovato il nuovo Insieme, lo storico mensile per la famiglia.

L’Ebitda dei primi tre mesi 2017 registra un miglioramento di 15,8 milioni rispetto ai -3,7 milioni del primo trimestre 2016 attestandosi a 12,1 milioni e segnando il ritorno a un valore positivo nonostante l’andamento stagionale delle attività del gruppo penalizzi normalmente i risultati del primo e terzo trimestre dell’anno.

La variazione è principalmente dovuta al forte impegno sulla riduzione dei costi, che ha portato benefici per 14,8 milioni, di cui 8,3 milioni in Italia e 6,5 milioni in Spagna. Si segnala che nel primo trimestre 2017 non si sono registrati oneri non ricorrenti.

L’Ebit è in miglioramento di 16,9 milioni di euro grazie agli andamenti sopra descritti e per minori ammortamenti per 1,1 milioni riconducibili all’esaurirsi dei piani di ammortamento di attività. Il risultato netto dei primi tre mesi migliora di 16,3 milioni di euro rispetto al pari periodo del 2016, attestandosi a -5,7 milioni e riflette gli andamenti sopra descritti.

L’indebitamento finanziario netto si attesta a 367,6 milioni di euro, grazie al contributo di 10 milioni dei flussi di cassa positivi della gestione tipica che hanno compensato esborsi per investimenti tecnici e oneri non ricorrenti precedentemente iscritti. In un contesto ancora caratterizzato da incertezza, con i mercati di riferimento in calo (diffusioni e pubblicità in Italia e diffusioni in Spagna), l’andamento del gruppo nel primo trimestre 2017 ha evidenziato un forte miglioramento dei risultati rispetto al periodo analogo dell’anno precedente.

Indipendentemente da quanto potrebbe incidere la situazione generale dell’economia e dei settori di riferimento, restano confermati gli obiettivi per il 2017 tra cui l’Ebitda pari a circa 140 milioni di euro, grazie, da un lato, al continuo impegno nella riduzione dei costi con efficienze previste per il 2017 tra i 42 e i 46 milioni di euro, e  dall’altro  allo sviluppo dei ricavi attraverso la maggior focalizzazione della vendita pubblicitaria sul proprio portafoglio prodotti, il rafforzamento delle attività editoriali, l’arricchimento del contenuto editoriale di quotidiani e periodici e relativi siti web, con focus sulla qualità dei prodotti, lo sviluppo dei ricavi legati all’organizzazione di eventi sportivi e il risultato netto in crescita.