MEDIA

De Agostini Editore: su DeAJunior torna Yo Yoga! con Renata Centi e Francesca Senette


10.05.2017
Massimo Bruno

di Laura Buraschi


Dopo il successo della prima stagione, con punte fino a 70.000 telespettatori, prende il via domenica 14 maggio su DeAJunior (Sky, canale 623) la seconda edizione  Yo Yoga!, il programma che ha come obiettivo quello di avvicinare i bambini allo yoga.

In ogni puntata, dalla durata di 5 minuti ciascuna in onda ogni giorno alle 19.50, la maestra di yoga Renata Centi, insieme a due piccoli aiutanti, racconterà una favola ai bambini e farà loro provare posizioni e tecniche base di questa antichissima disciplina.

Ad affiancare Centi in questa seconda edizione ci sarà Francesca Senette, giornalista, mamma ed esperta di yoga e benessere che torna in tv su DeAJunior, al suo primo programma dedicato ai bambini.

Oltre a prendere parte a Yo Yoga!, Senette collaborerà alla pubblicazione di un libro dedicato allo yoga in uscita per DeA Planeta Libri in autunno; sono inoltre allo studio formati dedicati al benessere condotti dalla giornalista per la web tv femminile DeAByDay, del gruppo De Agostini Editore. Le 30 puntate di Yo Yoga! sono prodotte da DeAKids per DeAJunior e saranno disponibili anche su Sky Kids, la mobile tv on demand dedicata a bambini e ragazzi.

A proposito dell’andamento dell’anno in corso, Massimo Bruno, direttore canali tv del gruppo De Agostini Editore, conferma che “i canali dei gruppi stanno continuando a dare buoni risultati, con Super al 6% degli ascolti sul target 4-14 anni e un totale sui cnali di 2,5 milioni di individui al giorno, di cui un milione di bambini”.

In particolare, continua per Super la leadership tra i canali kids nel target 8-14, grazie anche al successo di serie come Miraculous, coprodotta da DeAgostini, in grado di attirare fino al 20% di share sul target 4-14 e con punte fino al 6% sul totale individui.

“Sul fronte della raccolta – conclude Bruno – siamo soddisfatti sia dell’operato di Viacom (che raccoglie per i canali free to air, ndr) sia di Prs (che raccoglie per i canali sat, ndr): in entrambi i casi i risultati per i primi 4 mesi dell’anno sono in linea con le previsioni”.

Resta invece aperta al momento la questione del canale 59, attualmente occupato da Split Tv dopo la chiusura di Gazzetta Tv: “Siamo in una fase di riflessione e di analisi del mercato – sottolinea Bruno – e al momento non sono state ancora state prese decisioni”.