MARKETING

Logotel alla scoperata delle generazioni che collaborano


05.05.2017

Gli ultimi 90 anni hanno visto la comparsa di 7 generazioni che vivono e lavorano fianco a fianco pur avendo percezioni, approcci, aspirazioni e paure diverse: Gen Z, Millennial, Gen X, Baby boomers (Generazione Identità, Generazione Impegno), Generazione Ricostruzione. Percorsi e background così differenti che spesso fanno percepire la questione generazionale come una criticità da gestire piuttosto che un’opportunità. I 21 autori ed esperti intervistati nell’ultimo quaderno Weconomy – tra cui manager come Pietro Leo di IBM, Chiara Scalcon di Diesel, Roberto Cascella di Intesa Sanpaolo, Andrea Boldrin di Decathlon Italia, psichiatri come Paolo Crepet, designer come Enrico Baleri, accademici come Mario Abis e Simona Cuomo, futurologi come Thomas Bialas – mettono in crisi questa percezione sottolineando l’importanza di trovare un equilibrio nelle relazioni intergenerazionali, equilibrio che generi sinergie anche dentro l’azienda. È possibile far collaborare chi ha 40 anni di esperienza con un neolaureato? E come far sì che questa collaborazione porti ad un esito costruttivo per entrambi? Cristina Favini, Strategist, Manager of Design di Logotel e responsabile del progetto Weconomy, sottolinea come “le generazioni sono sempre esistite, solo che ora ne leggiamo la complessità e ci troviamo ad affrontare dei ‘divari’ culturali ampi che, vista la velocità del cambiamento, sentiamo più di prima. […] Sguardo, pensiero e azione devono restare plastici, malleabili, soprattutto per mettere in campo ‘soluzioni’ di nuova generazione. Tutto questo ci richiede di diventare ‘esperti’ di persone dei loro bi-sogni, dei loro comportamenti, delle loro emozioni. […] Competenze difficili da allenare ed esercitare nelle organizzazioni, per questo dobbiamo sviluppare ambienti altamente biodiversi per aumentare il confronto continuo tra generazioni”. E conclude: “Perché la collaborazione tra generazioni è un’opportunità”. Da aprile il Quaderno ‘Quid novi? – Generazioni che collaborano’ è scaricabile gratuitamente dal sito www.weconomy.it in italiano, inglese e francese. L’undicesimo Quaderno, stampato anche in versione cartacea, va ad arricchire il progetto editoriale ‘Making Weconomy’ di Logotel. Con Weconomy, piattaforma che tratta i temi dell’economia collaborativa con oltre 51.000 download di volumi scaricati, Logotel mette a disposizione, scaricabili gratuitamente online, contenuti, riflessioni e strumenti open source per promuovere una nuova cultura per l’impresa collaborativa grazie anche al contributo di autori inediti.