DIGITAL

Contactlab, nel 2016 fatturato a 15,2 milioni di euro (+10%)


22.02.2017
Gianluca Ottino e Massimo Fubini

di Fiorella Cipolletta


Continua la crescita di Contactlab, la maggiore azienda italiana specializzata in Personalised Digital Marketing multicanale. La società fondata nel 1998 da Massimo Fubini ha chiuso “il 2016 con 15,2 milioni di fatturato in crescita del 10% rispetto al 2015 e con una marginalità positiva – sottolinea Gianluca Ottino, cfo di Contactlab -. Ci affacciamo al 2017 carichi di interesse e di positività”.

Nel 2016 Contactlab ha concluso l’aumento di capitale riservato all’ingresso nel suo azionariato di P101, operatore di venture capital promosso da Andrea Di Camillo e specializzato in investimenti nel settore digitale. “Questa operazione ha consentito a Contactlab di puntare su un importante piano di ricerca e sviluppo del prodotto e sull’espansione nei mercati internazionali  – continua Ottino -, consolidando il suo percorso di crescita industriale, finanziaria e organizzativa”.

L’azienda, finanziariamente indipendente, conta a oggi circa “160 persone con competenze umane e tecnologiche uniche sul mercato italiano – interviene l’ad Massimo Fubini, in occasione della presentazione della ricerca Chinese Luxury Demand Momentum: A few original data points (vedi notizia) realizzato da Contactlab in collaborazione con Exane BNP Paribas -. La rapida crescita di ContactLab nella tecnologia e nei servizi di marketing ha dato ottimi risultati  ripagati dall’ingresso di importanti clienti internazionali. Per il 2017 ci attendiamo un’alta percentuale di crescita, con una forte attenzione agli sviluppi sull’estero”.

Ottimi i risultati ottenuti all’estero, con grandi clienti come lastminute.com group che ha scelto la nuova piattaforma Engagement Marketing e i servizi di digital advisory di Contactlab per conoscere a fondo i propri clienti e accrescere i risultati di business grazie a un piano di customer engagement personalizzato attraverso il digital direct marketing.

Il fashion-luxury, il retail e il travel rappresentano per Contactlab le industry di riferimento dove l’azienda ha maturato esperienza e accresciuto nel tempo il suo portafoglio clienti. Il 2016 per Contactlab, 12° per dimensione su circa 900 aziende italiane del settore della produzione software, servizi e consulenza informatica, è stato un anno di grandi risultati dal punto di vista tecnologico: a settembre 2016 è nata la nuova piattaforma Engagement Marketing, che soddisfa i bisogni dei marketer.

La piattaforma permette una gestione completa delle campagne e si distingue per la velocità di elaborazione e l’immediatezza d’uso grazie alle nuove tecnologie performanti su cui è stata costruita. La suite targata Contactlab risolve le principali esigenze di raccolta, interpretazione e utilizzo del dato: dal tracciamento delle attività (digitali e non) per la definizione delle preferenze dell’utente, all’analisi dei dati per l’identificazione dei micro segmenti e la costruzione di contenuti dinamici e personalizzati per l’esecuzione di campagne multi-canale per instaurare una vera relazione one-to-one.

Da poco l’agenzia ha lanciato sul mercato Contacthub (vedi notizia). La suite a breve sarà completata con il rilascio di Contactdata e Contactone, in fase di test con alcuni clienti dell’agenzia. Il 2017 sarà per Contactlab un anno in cui verrà completata l’offerta con la messa a punto di due ulteriori soluzioni che faranno parte della piattaforma di Engagement Marketing.

La prima soluzione consentirà allo store manager di avere un quadro completo del proprio cliente e gestire la relazione, coinvolgendolo attraverso una comunicazione diretta e personalizzata e nello stesso tempo sempre in linea con le brand guideline.

La soluzione per la data science e le analisi predittive soddisferà il bisogno attuale dei marketer di leggere e interpretare il sempre più ampio bagaglio di dati a loro disposizione. RAWGraphs, il progetto del Politecnico di Milano e dello studio di design Calibro per una web app che permette di leggere e capire facilmente i big data, appena finanziato da Contactlab, si candida a essere lo strumento di data visualization nello stack tecnologico della nuova soluzione.