DIGITAL

Le sfide dei communication manager per il 2017


25.01.2017
Lorenzo Brufani

Quattro dirigenti su 10 vedono la reputazione minacciata nel lungo periodo e ritengono che i social media guideranno la classifica degli investimenti delle aziende

Il 45% dei communication manager indica come principale sfida della professione il mantenimento di una buona reputazione nel lungo periodo, visto che in un contesto in rapida evoluzione quest’ultima va controllata e rinsaldata giorno dopo giorno. Stando alla WCFA Global Survey, indagine promossa tra i manager della comunicazione di aziende di 4 continenti dalla World Communication Forum Association, sembra che sia finita l’era dei brand inattaccabili e che la reputazione aziendale, a prescindere dalla latitudine, sia un bene precario che necessita di essere rinnovato e rafforzato continuamente.

“Le aziende – spiega Lorenzo Brufani, ceo di Competence e Vice President per il Crisis Management della World Communication Forum Association – non sono più le uniche proprietarie della propria immagine ma dipendono sempre più dalle conversazioni in rete. Per questo motivo debbono essere pronte a rispondere in maniera attiva e con rapidità per evitare che piccoli focolai possano degenerare in vere e proprie crisi. Per mantenere una buona reputazione nel tempo occorre adottare un approccio integrato che metta insieme analisi e monitoraggio, costruzione di relazioni con media e influencer, progettazione di campagne in real time, e un’attenta misurazione dei risultati post-crisi. In sostanza occorre promuovere una cultura crisis ready”.

La WCFA global survey riporta, inoltre, le aspettative dei communication manager per il mercato del 2017. Dall’indagine emerge che a livello globale i professionisti scommettono, più di ogni altra cosa, sulla crescita del social media marketing in termini di investimenti: per il 37% degli intervistati la gestione degli account aziendali sui social network rappresenta, infatti, la nicchia di mercato più di prospettiva per le agenzie di comunicazione.

“Ogni anno World Communication Forum Association realizza queste indagini per informare i propri membri sui nuovi trend del settore. I risultati della ricerca aiutano gli specialisti a prevedere le principali sfide che si troveranno ad affrontare nell’immediato futuro e a sviluppare le giuste strategie di comunicazione”, aggiunge Yanina Dubeykovskaya, fondatore e presidente dell’organismo che dal 2010 promuove l’appuntamento internazionale che riunisce esperti di PR e responsabili Comunicazione provenienti da tutto il mondo e che quest’anno si terrà a Ginevra dal 13 al 17 marzo.

La nuova edizione della ricerca ha visto la partecipazione di circa 200 esperti di comunicazione. Più della metà degli intervistati attualmente ricopre la carica di presidente di società o di dirigente, mentre quasi il 40% rappresenta agenzie di comunicazione.

Competence Communication e PR HUB, la nuova piattaforma partecipativa di società di Relazioni Pubbliche di Assocom, sono i partner italiani in seno all’associazione.