CREATIVITY

Vicky Gitto: “Impegnati per traghettare l’Adci verso il futuro”


20.12.2016
Vicky Gitto

di Andrea Crocioni


Apertura alle collaborazioni con altre realtà associative e con professionalità esterne al mondo dell’advertising, un maggior radicamento sul territorio e il rafforzamento della presenza femminile  sono stati al centro dell’impegno dell’Adci nel corso dell’ultimo anno.

L’assemblea annuale dei soci che si è tenuta lo scorso 17 dicembre, la prima dall’inizio della Presidenza di Vicky Gitto, è stata l’occasione per tracciare un bilancio dei risultati raggiunti in questo 2016 e per stilare la lista delle priorità per il 2017.

L’associazione ha visto crescere le iscrizioni del 17% rispetto al 2015 (+28% rispetto al 2014). Ottimo il traguardo raggiunto sul fronte della presenza femminile: +29% sul 2015 (+62% sul 2014), portando al 26% la ‘quota rosa’ all’interno dell’Adci.

Cresce anche la presenza femminile all’interno delle giurie internazionali dove viene interpellato il Club e all’interno degli Adci Awards 2016 che hanno visto per la prima volta una presidenza femminile, nella persona di Katrien Bottez e 24 donne all’interno delle diverse giurie del premio.

E’ stato avviato inoltre il processo di radicamento sul territorio con l’elezione dei primi Ambassador del club sul territorio (eletti rappresentanti in Lazio, Emilia Romagna e Campania). Sul fronte delle partnership è confermata Assocom, storico partner dell’associazione, in particolare in occasione di IF!.

E’ andata a regime la collaborazione con Burson-Marsteller per la gestione della comunicazione e delle relazioni esterne del Club. E’ stata siglata inoltra la partnership con l’associazione dei registi italiani AIR3 che nel 2017 verrà concretizzata nella realizzazione di progetti congiunti.

Tra le ultime novità dell’anno, inoltre, l’apertura di un dialogo con IAB, partner fondamentale per comprendere e rispondere alle esigenze del mercato digitale. In crescita anche il numero di patrocini, il cui numero è triplicato nel 2016, a dimostrazione della volontà dell’associazione di aprirsi e collaborare sempre di più con le eccellenze creative del nostro Paese.

“In questi mesi questo abbiamo fatto un lavoro enorme – ha affermato il Presidente Gitto -. Con Human Highway abbiamo realizzato la ricerca ‘XRAY4US’ per valutare il sentiment dei soci. Lo studio che abbiamo presentato presenta tante evidenze positive, ma l’aspetto più significativo è che i punti del programma di questo Consiglio rispondono al 90% delle negatività emerse. I soci ci chiedono un lavoro di riqualificazione dell’immagine del Club sul mercato, l’intesificazione delle relazioni con le istituzioni ai più alti livelli, l’implementazione della visibilità all’esterno del nostro settore, l’apertura a nuove figure professionali, non creative nel senso tradizionale del termine, ma con cui ogni giorno ci confrontiamo, penso ai planner, o ai tecnici del digitale”.

E ha concluso: “Con i progetti già avviati, partendo da un’analisi del posizionamento, abbiamo iniziato a dare delle risposte ai soci. L’obiettivo è traghettare il Club verso il futuro. Una presa d’atto del cambiamento della nostra professione e del mercato che ci vuole non più solo pubblicitari, ma editor in chief per quei brand che dobbiamo essere in grado di approcciare a 360°”.