CREATIVITY

Nescafé Azera debutta con Arisa e California Bakery. In tv a gennaio 2017


24.10.2016

di Monica Bozzellini


Un nuovo modo di vivere l’esperienza del cibo e i momenti di socializzazione, che prende ispirazione dalle bakery americane. E’ la filosofia che sottende alla nascita del caffè ‘american style’ Nescafé Azera, la nuova gamma super premium di solubile che – dopo il debutto negli UK, due anni fa – arriva in Italia nelle varianti Espresso e Americano.

A celebrarlo ieri sera a Milano l’evento ‘Bakery Style’, organizzato dall’agenzia Found!, che cura l’ufficio stampa e le strategie di comunicazione di Nescafé: uno show-cooking sotto la guida della Pastry chef Michela Toni e una performance musicale che hanno visto protagonista Arisa, dal vivo e sui social con gli hashtag #nescafeazera e #californiabakery.

“Abbiamo lanciato Nescafé Azera in Italia lo scorso giugno – ha spiegato a Today Pubblicità Italia a margine dell’evento Matteo Cattaneo, Marketing manager di Nescafé – e stiamo costruendo la distribuzione. Si tratta di un caffè solubile di alta qualità, cui è stata aggiunta una quantità del 5% di chicchi di caffè macinato che donano maggiore intensità e corposità, ed è il primo solubile non distribuito in vetro, ma in barattolo. Un territorio nuovo, che meritava la costruzione di territori affini. Anche per questo, rispetto alla concorrenza, abbiamo voluto aspettare che i tempi fossero maturi per comunicare, studiando bene il posizionamento. Per noi è stato ed è importante lavorare sulla credibilità del prodotto”.

In questa direzione e per trasferire al target come l’esperienza del bakery e dei locali a esso ispirati – frequentati in particolare da giovani tra i 20 e i 40 anni – possa rivivere a casa con Nescafé Azera, è stata individuata la partnership con California Bakery.

Petra Loreggian, Arisa e Michela Toni
Petra Loreggian, Arisa e Michela Toni

“Abbiamo trovato con loro una affinità basata sui valori della condivisione emozionale, della qualità e dell’‘health & wellness’ – sottolinea il manager -. Da oggi inizieremo a creare awareness e a lavorare sul trial: con un piano editoriale digital molto forte (in cui si inserisce anche la collaborazione con Arisa, ndr), ma anche con un roadshow davanti a palestre, uffici e università, grazie a un camion brandizzato che ricostruisce l’atmosfera di questo mondo. Prevediamo inoltre azioni sul punto vendita e, in parallelo, vogliamo mettere un piede nell’on-the-go, alla Starbucks – che peraltro arriverà presto a Milano -. Crediamo che anche questa sia una tendenza del futuro e vogliamo essere preparati”.

Non mancherà l’above the line, “con una comunicazione che, a livello di sforzo, avrà la stessa  dignità di quella degli altri nostri prodotti – anticipa il manager – e che porterà Nescafé Azera in tv a gennaio-febbraio 2017 con uno spot a firma di Publicis”.

“Il prossimo anno – sottolinea infine Cattaneo – sarà rilevante per Nescafè anche per un altro lancio: quello per Cappuccino, che da gennaio sarà a scaffale con una confezione che strabilierà e una nuova ricetta che punterà molto sulla ‘caffettosità’. Su questo, dal prossimo mese di marzo, comunicheremo in modo importante”.