DIGITAL

Chameleon festeggia il primo compleanno con 120 miliardi di impression


11.10.2016
Carlo Petito

Chameleon, software company specializzata in native advertising, ha annunciato oggi il raggiungimento di un importante traguardo: nel suo primo anno di attività, l’azienda ha generato più di 120 miliardi di impression tramite le sue campagne in tutto il mondo, registrando il 50% di crescita mensile.

Questo primo successo è stato in gran parte possibile grazie all’innovativa tecnologia proprietaria per native advertising, che consente alle aziende di superare gli adblockers.

Fondata da Carlo Petito, Roy Bellingan e Ruben Amoruso, la rapida crescita della adtech startup con sede a Dublino, si rivolge alle digital media company, fornendo soluzioni scalabili, non intrusive e innovative, supportate da una piattaforma native full-stack. A tal fine, Chameleon offre agli editori digitali una piattaforma SaaS e Ad Server che permette di vendere, distribuire e gestire direttamente i propri formati e campagne native.

Chameleon aiuta anche gli editori a massimizzare i ricavi su tutti i dispositivi e formati e gli inserzionisti a migliorare i loro livelli di Roi e di coinvolgimento attraverso formati native per video, desktop e mobile. Una piattaforma di real time bidding inoltre collega editori e  inserzionisti per la vendita di native advertising e la loro soluzione whitelist non intrusiva permette l’aggiramento degli ad-blockers, aiutando i clienti a monetizzare il 100% del loro traffico.

“Con il raggiungimento di 120 miliardi di impression abbiamo realizzato un primo importantissimo traguardo molto prima del previsto –  ha dichiarato il co fondatore e ceo di Chameleon, Carlo Petito -. Mentre continuano ad aggiungersi brand noti al nostro portfolio di clienti, ci aspettiamo di concludere il 2016 con risultati notevoli. Un numero crescente di aziende infatti cerca per le proprie campagne native partner pubblicitari performanti e affidabili   che, allo stesso tempo, sappiano offrire soluzioni concrete al problema degli ad-blockers, un ambito in cui Chameleon non teme rivali”.