DIGITAL

Find, nel primo semestre 2016 fatturato a +60%. Cresce la marginalità


05.10.2016
Marco Loguercio

Ancora un semestre di crescita per Find, l’agenzia indipendente di search marketing fondata e guidata da Marco Loguercio.

Nel primo semestre 2016 l’agenzia milanese ha fatto segnare un importante incremento del 60% del fatturato e una crescita ancora più consistente della marginalità rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, a dimostrazione di un ottimo stato di salute e di un riscontro positivo sul mercato da parte di quelle aziende che ne rappresentano il target, in particolar modo quelle realtà che vendono anche online in ottica omnicanale o multicanale.

Soddisfatto Marco Loguercio: “La crescita del fatturato rispetto allo scorso anno è frutto della naturale crescita dell’agenzia, non è stato un obiettivo cercato ossessivamente e raggiunto aggressivamente perché obbligati a fare numeri o perché necessitassimo di impressionare il mercato. Anzi. Il nostro essere indipendenti ci tutela da pressioni di questo genere e il nostro posizionamento ‘boutique’, focalizzato più sulla qualità che non sulla quantità, ci ha portati spesso a declinare – magari a malincuore- l’invito a lavorare su progetti anche interessanti quando ci siamo resi conto che non avremmo potuto seguirli come avremmo voluto. Non essendo Find ancora un nome molto noto sul mercato, il nostro principale driver di crescita sono gli ottimi commenti sul nostro operato e i risultati che portiamo ai nostri clienti; voci e risultati che hanno portato su di noi l’attenzione anche di diverse realtà interessate ad operazioni di acquisizione, operazioni che però non mi trovano interessato nella mia veste di proprietario dell’agenzia”.

Nei primi 6 mesi dell’anno Find ha visto rinnovata la fiducia da parte di clienti di primo piano quali Max Mara, Linear Assicurazioni, ING Direct, UnipolSai, Luxottica. Sul fronte new business ci sono state importanti acquisizioni, soprattutto legate a progetti omnicanale in ambito abbigliamento e fashion.

“Si tratta di nomi di primo piano che gradualmente andremo a comunicare questo autunno assieme ai primi importanti risultati di queste collaborazioni, per evidenziare il reale valore che siamo in grado di portare”, ha proseguito Loguercio.

Ma quali sono le sfide che attendono l’agenzia nel breve e medio termine? “Il nostro focus sono sempre i clienti esistenti. Ho sempre davanti a me la frase ‘immagina quello che potresti fare, dove potresti arrivare se tu dedicassi ai tuoi clienti esistenti tutto lo sforzo che metti in una proposta di new business’; una frase all’apparenza banale, ma che mi ha guidato nello sviluppo di Find. Poi sicuramente dobbiamo anche guardare all’ampliamento del portafoglio clienti per sostenere la crescita della struttura, e qui il focus rimane sempre sui progetti di commercio elettronico,dove un’agenzia orientata alla performance come Find può portare notevoli risultati, valore ed esperienza. Ma la vera grande sfida che attende Find nei prossimi tre anni è quella della crescita. Ci apprestiamo a crescere anche numericamente, tanto è vero che abbiamo svariate posizioni aperte, consultabili sul nostro sito findsdm.it/recruitment. Ma non sarà una crescita dettata dalla fretta. In Find  ci stiamo organizzando e strutturando perché quando saremo il doppio o il triplo di oggi i progetti siano seguiti ancora meglio, ci siano ancora più risultati, ancora più valore nella relazione con i clienti. E siamo nella situazione ottimale per poterlo fare”.