MEDIA

Sky Italia: l’on demand scelto da 2,2 milioni di famiglie


29.07.2016
Andrea Zappia

Sky torna a brillare nel firmamento della tv. Dopo 5 anni, precisa Sky, si chiude il primo anno con una crescita netta della base abbonati, grazie a tre trimestri consecutivi di crescita positiva nel corso dell’anno fiscale. Innovazione e coraggio stanno ripagando le scelte della pay tv di continuare a offrire agli abbonati contenuti originali e strumenti connessi.

Il gruppo guidato dall’amministratore delegato Andrea Zappia nell’esercizio fiscale chiuso il 30 giugno scorso vede nuovamente in crescita abbonati e ricavi. Gli utenti italiani di Sky raggiungono quota 4,742 milioni, con un incremento di 17 mila nuovi abbonati nell’anno. Dopo due anni di flessione i ricavi sono cresciuti del 2% su base annua, toccando i 2,790 milioni di euro, +13% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Ottime performance per Sky On Demand che registra oltre 200 milioni di download e 500 mila nuove connessioni.

Sky

“La base connessa – si specifica in una nota del Gruppo  – supera i 2,2 milioni di famiglie ed è di gran lunga la più ampia platea televisiva connessa a servizi on-demand in Italia”.

In crescita anche gli ascolti che vedono per il nostro Paese “una straordinaria performance in un mercato molto competitivo, offrendo programmi che catturano l’attenzione del pubblico come Gomorra, X Factor e Moto GP – ha sottolineato il ceo Jeremy Darroch -. Questo approccio ha permesso che la base clienti tornasse a crescere per la prima volta in cinque anni”.

In Italia a trainare gli ascolti sono stati Sky Sport anche grazie al grande successo degli Europei, con il match Italia-Germania che è stato il più visto nei 13 anni di presenza in Italia, e i numeri di Formula 1 e motoGP che registrano crescite del 12 e del 19%. Risultati eccellenti anche per la seconda stagione di Gomorra  che ha conquistato 2 milioni di spettatori, che la rende la serie più vista di nella storia della pay tv, oltre a X Factor e MasterChef.

Sky Europe  ha registrato un aumento del 7% dei ricavi a 11,965 milioni di sterline con un utile operativo rettificato a +12% per 1,558 milioni di sterline. Aumentano gli abbonati: 808 mila nuovi clienti e 3,3 milioni di nuovi prodotti venduti nell’anno. I ricavi pubblicitari sono in crescita del 9% .

“E’ stato un altro anno eccellente per Sky con un fatturato in crescita del 7% e profitti in aumento del 12% – ha dichirato Darroch -. Il gruppo sta sfruttando molte opportunità di scala, la condivisione di risorse, conoscenza, esperienza e innovazione. Stiamo investendo in una vasta gamma di entertainment di classe mondiale con una distribuzione impareggiabile su piattaforme leader di mercato, supportati da eccellenti servizi, perché queste sono le cose che contano davvero per i clienti”.

Ottima performance per Regno Unito e Irlanda con ricavi oltre gli 8 miliardi di sterline. Il fatturato in Germania  è cresciuto del 12%, mercato dove presto verrà lanciato MasterChef. Inoltre saranno estesi i servizi europei per la distribuzione di contenuti in streaming: Sky Ticket in Germania, Now Tv in Italia e Now Tv Combo in UK; verranno lanciati nuovi servizi in Ultra Alta Definizione nel Regno Unito e in Germania. E dopo il successo in UK e Irlanda, l’app Sky Kids sarà portata in tutta Europa. Il lancio infine dell’app per la realtà virtuale rafforzerà la leadership di Sky nella distribuzione di contenuti innovativi e immersivi.

Per i dati completi clicca qui