CREATIVITY

Sorgenia si riposiziona e va a caccia del target digitale


19.07.2016

di Andrea Crocioni


‘Your next energy’ è il pay off che accompagna il nuovo posizionamento di Sorgenia e la campagna adv partita ieri. Una comunicazione che ha l’obiettivo di trasmettere un messaggio chiaro: inizia a scegliere l’energia che vuoi, ora finalmente è facile e conveniente. Sorgenia, infatti, vuole consentire a tutti di scegliere il proprio fornitore di energia in modo semplice e di farlo consapevolmente, risparmiando tempo e denaro. La campagna, presentata ieri a Milano, sancisce il rientro dell’operatore energetico nel mercato residenziale.

“In pochi anni lo scenario dell’energia è profondamente mutato: il tradizionale modello delle grandi utilities è al tramonto, l’Europa punta sulle rinnovabili e dovrà abbandonare il carbone, mentre i consumatori dovranno scegliere un fornitore del libero mercato”, ha commentato Gianfilippo Mancini, ceo di Sorgenia.

L’azienda intende interpretare e cavalcare questa rivoluzione, spingendo l’acceleratore su due concetti chiave: quello della scelta e delll’innovazione. La nuova proposta di Sorgenia per luce elettrica e gas, infatti, passa tutta da digitale e mobile. Una modalità di relazione che consente di ottimizzare i rapporti con un bacino di utenza potenziale di 10,2 milioni di italiani.L’obiettivo è arrivare a superare nel 2020 il 20% di share di clienti digitali del mercato libero: in pratica assumere la leadership in questo segmento. A firmare la strategia di riposizionamento e la campagna la Red Robiglio & Dematteis.

La comunicazione si sviluppa attraverso quattro soggetti video, declinati con differenti tagli e accompagnati dalla base musicale di ‘Rebel Rebel’ di David Bowie (la cover è realizzata da Peperoncino Studio). Con un linguaggio ironico e graffiante uno dei film racconta le molte cose della vita che non scegliamo: i colleghi, le scuole elementari, il vicino di casa.

Clicca sul frame per vedere le spot
Clicca sul frame per vedere le spot

Oppure, al contrario, un altro soggetto fa vedere che abbiamo scelto tutto con la massima attenzione – dall’auto elettrica all’alimentazione sana – ma non l’energia di casa. Le immagini sono metaforiche e provocatorie: un filmato presenta persone prese a schiaffi, in un altro il protagonista crede di essere smart per il proprio stile di vita, ma poi si scopre che non tutto è così perfetto perché ha commesso evidenti disattenzioni.

A queste provocazioni risponde un altro film che, invece, racconta il bello del futuro, la libertà di scegliere; e lo fa utilizzando una metafora del tutto inaspettata, il gelato. Scegliere l’energia dev’essere semplice come scegliere il gelato: il gusto, il prezzo, le guarnizioni. E la scelta diventa, nella sua semplicità, rivoluzionaria grazie a un sito e a una piattaforma di e-commerce molto intuitiva dove si sceglie, si configura il contratto personalizzato, si possono conoscere tutti i propri dati e, con una app, si tiene sotto controllo tutta l’attività.

I video, prodotti da Mercurio Cinematografica con la regia di Samen, sono accompagnati da un restyling del logo che è stato completamente rinnovato nel rispetto del Dna dell’azienda. Da qui la rivisitazione del lettering e anche del pittogramma che acquistano dinamismo, contemporaneità, semplicità per rispondere alla vocazione della nuova Sorgenia, smart e full digital. La pianificazione, realizzata con il supporto di Bootique, è esclusivamente digitale e prevede display sui portali più importanti e search.

“Quelli già online sono solo i primi video, ne seguiranno altri, studiati per target differenti. Continueremo ad accompagnare il brand con tante piccole iniziative video tematiche. In questo progetto siamo affiancati da Google che ci sta affiancando in un processo di affinamento della creatività. E’ una campagna in divenire”, hanno spiegato i fondatori dell’agenzia Riccardo Robiglio e Paolo Dematteis. Sul budget di comunicazione Sorgenia non ha fornito cifre precise, limitandosi a cicorscrivere la cifra dell’investimento fra i 2 e i 5 milioni di euro.