MARKETING

Sharing Economy, impatto da 3,5 miliardi di euro. Possibile crescita oltre i 25 nel 2025


05.07.2016
Vittorio Bucci

Tre miliardi e mezzo di euro: tanto vale la sharing economy in Italia secondo la ricerca commissionata da PHD Italia, agenzia media e di comunicazione di Omnicom Media Group, all’Università degli Studi di Pavia (Dipartimento di Scienze economiche e aziendali, docenti Luciano Canova e Stefania Migliavacca), che quantifica l’impatto economico complessivo dell’economia collaborativa nel nostro Paese.

L’indagine della centrale media guidata in Italia dal managing director Vittorio Bucci segue il primo appuntamento 2016 ‘Disconnect to Reconnect’ del ciclo di conferenze di approfondimento sui temi legati alla comunicazione a firma PHD Evolutionary (vedi notizia).

In termini di PIL la sharing economy vale lo 0,2%. La cifra equivale al 10% circa delle risorse stanziate dalla legge di stabilità 2016. Le previsioni di crescita per i prossimi cinque e dieci anni, a seconda degli scenari ipotizzati, arrivano a toccare cifre che variano dagli 8,8 ai 10,5 miliardi di euro (per il 2020) e dai 14,1 fino ai 25,2 miliardi di euro (per il 2025).

Per effettuare la ricerca è stato creato un modello economico ad hoc, battezzato Shaker (Sharing Key Economic Resources) attraverso la metodologia della System Dynamics, un approccio cognitivo che permette di interpretare e modellare qualunque fenomeno, economico così come fisico, sociale, psicologico, costruendo scenari.

Scenario Base: considerati i numeri della ricerca (6,4 milioni di utenti ‘forti’ della sharing economy nel nostro paese) nel 2020 l’economia collaborativa supererà il doppio del suo valore attuale raggiungendo gli 8,8 miliardi di euro, equivalenti allo 0,5% del PIL (9,7 milioni di utenti) e nel 2025 crescerà di oltre il quadruplo rispetto a oggi, toccando i 14,1 miliardi, cioè lo 0,7% del Pil (12 milioni di utenti).

Lo Scenario 1-Sharing Boost è basato sull’ipotesi che a decollare sia la popolazione di utenti della sharing economy (dagli attuali 6,4 milioni a 11,5 milioni nel 2020 e 16,5 milioni nel 2025). In termini di valore aggiunto per l’economia, nel 2020 il valore della sharing economy è previsto in 10,2 miliardi di euro (+16% rispetto allo scenario base) e, nel 2025, in 19,4 miliardi (+37% vs. scenario base). Lo Scenario 2-Digital Disruption è quello più ottimista, perché ipotizza non solo l’incremento degli utenti della sharing economy (11,6 milioni nel 2020 e 21,4 milioni nel 2025), ma anche un allargamento della popolazione di internauti in assoluto all’interno di tutte le fasce.

In questo secondo scenario l’impatto economico dell’economia collaborativa risulterebbe pari a 10,5 miliardi nel 2020 (0,6% sul PIL) e a 25,2 miliardi di euro nel 2025 (1,38% sul PIL). Scenario 3-Bolla: la ricerca ipotizza, per il 2025, un valore di soli 4 miliardi di euro, dopo aver raggiunto un picco di 14 miliardi di euro nel 2019.

“Stiamo assistendo a una profonda trasformazione della società che sposta i confini e travolge ogni settore. Cambiano il mercato e le relazioni e le aziende devono aprirsi a nuovi modi di pensare, re-immaginare il loro business prendendo spunto dai nuovi approcci di marketing. La collaborative economy è un fenomeno molto significativo che abbraccia l’adozione di nuovi modelli permettendo nuove esperienze da parte del consumatore. Non possiamo permetterci di non capire che cosa sta succedendo e le enormi potenzialità trasformative già in atto, al fine di anticipare e guidare il cambiamento”, dichiara Bucci.