CREATIVITY

Digital Craft: il Grand Prix ‘canta’ in francese. Creative Effectiveness, GP al Regno Unito


22.06.2016

di Monica Bozzellini


L’interattività di una ‘Recollection’ musicale e la tenera, ma efficace, emozione di un pinguino hanno convinto rispettivamente le Giurie Digital Craft e Creative Effectiveness.

Nel primo caso, i giurati guidati da Wesley ter Haar, founder / Chief Operating Officer, MediaMonks hanno assegnato il GP a ‘Because recollection’ di 84.Paris (anche oro e argento) per il decimo anniversario di Because Music, una delle principali etichette musicali indipendenti in Francia. Il progetto ripercorre i primi dieci anni del brand attraverso canzoni e opere d’arte emblematiche dello stesso periodo, usate in chiave interattiva: elemento vincente, accanto al valore dell’execution privilegiato nella valutazione. “Si tratta di un lavoro celebrativo in cui le parole chiave sono interattività e mobile first e con il  miglior design che abbiamo visto – spiega ter Haar -. C’erano bellissimi progetti che avevano l’una o l’altra caratteristica, ma il Grand Prix le racchiude tutte”.

Lewis Monty Penguin 1Si sposta poco più in là, oltremanica, il GP della categoria Creative effectiveness, riconoscimento ai lavori creativi che hanno prodotto un impatto misurabile e certo sul business del cliente. La giuria, presieduta da Andrew Robertson, Chief Executive Officer, BBDO, ha scelto ‘Monty’s Christmas’ di Adam&EveDDB London per John Lewis. Protagonista è il pinguino Monty, già premiato nei Film Craft a Cannes nel 2015.

“Cercavamo vere prove di efficacia, di reale impatto di un progetto di comunicazione – racconta Robertson – e, degli oltre 100 progetti, quello premiato ha dimostrato senza ombra di dubbio di avere funzionato brillantemente con risultati dimostrabili”. Il lavoro ha legato l’emozione al retail risultando vincente, dal momento che i giocattoli sono andati sold out nei primi tre giorni di vendita.