DIGITAL

Matteo Bovio (Zalando): “Il futuro dell’e-commerce passa da mobile”


16.12.2015
Matteo Bovio

di Serena Poerio


“Vogliamo diventare una company mobile first”. Matteo Bovio, corporate communications manager di Zalando ha raccontato a Today Pubblicità Italia, in occasione dell’apertura del suo primo magazzino satellite internazionale, le strategie di comunicazione della piattaforma online specializzata in Europa nel settore della moda.

“A livello di Gruppo il 59% delle visite proviene  da mobile. L’Italia è anche al di sopra di questa quota. Siamo convinti che il mobile sia un canale fondamentale, quest’anno una parte importante degli investimenti è stata destinata al mobile e continueremo a investire anche per il futuro. Il futuro dell’e-commerce passerà necessariamente da mobile”.

Nel nostro Paese il mondo del fashion copre un giro di affari di 45/50 miliardi, “oggi l’online pesa circa il 2-4% del mercato” ha precisato il manager. In riferimento agli investimenti in comunicazione Bovio aggiunge: “Nel 2013 a livello globale, con circa 300 milioni di euro, hanno pesato per il 17% del fatturato.

Nel 2014 sono aumentati i ricavi e hanno pesato per il 13% del totale. Nel 2015, in particolare in Italia, abbiamo sviluppato campagne che hanno previsto forte impegno, visto l’uso del testimonial e la pianificazione su più mezzi”. Zalando è attualmente on air con un soggetto ‘natalizio’ che ha come protagonista Vanessa Incontrada e in parallelo è in onda su alcuni canali del digitale terrestre e online con una online casino campagna internazionale nata da un’operazione di co-branding con Calvin Klein.

Sui prossimi passi nel marketing di Zalando Matteo Bovio ha dichiarato: “Porteremo ancora avanti una strategia di comunicazione improntata su campagne legate alla stagionalità della moda. Non siamo ancora entrati nello specifico per l’Italia, mercato per il quale fino a oggi sono state sviluppate comunicazioni locali per venire incontro alle specificità del consumatore italiano. Nelle campagne precedenti abbiamo insistito ad esempio sulla consegna e sulla resa gratuita, oltre che sulla possibilità di provare prodotti a casa. L’Italia nel 2011 rappresentava un mercato dell’e-commerce più ‘immaturo’ rispetto ad altri Paesi, come la Germania. Ora i numeri sono decisamente migliorati e anche se rimaniamo comunque indietro rispetto alla media europea si sta riducendo lo scarto ‘qualitativo’. L’ipotesi per l’anno prossimo, ancora da confermare, è di associarci alle campagne globali”.

In Italia il partner media è Maxus, alcune creatività sono firmate dall’agenzia tedesca Jung von Matt, mentre altre sono realizzate internamente. Sul fronte delle partnership l’azienda ha annunciato ieri per l’apertura del suo primo magazzino satellite internazionale l’accordo con il fornitore di servizi logistici Fiege, che ha messo a disposizione una struttura di 20.000 mq a Stradella (PV). Il progetto pilota permetterà a Zalando di servire i clienti italiani più rapidamente e di rispondere alla crescente domanda relativa al settore dell’e-commerce nel mercato italiano.

“Nei quattro anni trascorsi dal lancio di Zalando.it abbiamo visto l’entusiasmo dei consumatori italiani crescere costantemente. Questo è il risultato dei continui miglioramenti apportati al servizio, effettuati tenendo sempre in considerazione le necessità dei nostri clienti. Il mercato italiano ha un grande potenziale e l’apertura di un magazzino dedicato ci permetterà di accelerare il percorso verso un livello di servizio persino superiore”, ha affermato Giuseppe Tamola, country manager Italia di Zalando.

L’approvvigionamento della merce è già iniziato e procede regolarmente, mentre la fase di test per le consegne è prevista per gennaio 2016. Il progetto pilota rappresenta il primo passo verso un possibile ampliamento del network logistico di Zalando, che finora include tre centri logistici in Germania e un quarto in costruzione nel sud del Paese.